1.4.11

ITA Supermarket's Folies

Per arrivare al Supermercato e rifornirmi del minimo necessario (cose per la colazione, un po' di frutta e pannolini per la Viatrix) e' stata dura: al primo tentativo sono tornata a casa senza essere riuscita a trovarlo, quando al secondo l'ho trovato era dall'altra parte della strada (per fortuna „solo” 800mt dopo c'era una stazione di metro da poter usare come sottopassaggio, portandomi il passeggino a spalla su e giu per le scale), ma tutto e' stato ricompensato dal senso di meraviglia e di scoperta: quando sono nei supermercati europei ovviamente ci sono tante cose diverse e nuove, rispetto a quelli italiani, ma un supermercato cinese visto dagli occhi di un'italiana che ha semrpe vissuto in Europa e' uan disneyland di cibo! La quantita' di cose strane e mai viste prima mi ha sopraffatto, ho maledetto di non aver dietro la macchina fotografica e ci tornero' al piu' presto proprio per fotografare, perche' in una vita intera non riusciro' ad assaggiare tutte queste cose. Le quantita' incredibili di dolci, dolcetti, caramelle, verdure ogm di proporzioni gigantesche (fagiolini e asparagi lunghi mezzo metro), verdure organic importate dall'italia (ho comprato i kiwi del cuneese, vedi che anche noi esportiamo in cina), frutta di forme e colori mai viste (tra tutto, ho portato a casa un frutto che sembra un carciofo rosa e che mi hanno detto si taglia e si mangia col cucchiaino e delle cose che hanno la forma di patata ma sembrano albicocche), banchetti che cuociono al momento carni in griglia, paste di ogni dimensione cotte al vapore e ripiene di verdura, carne, pesce o marmellata (ah, tra l'altro, qua prima mangiano la carne e poi gli eventuali ravioli o altre paste ripiene al vapore), quantita' incredibili di pesci gia' preparati, frechi o marinati, festoni di salsicce di ogni tipo...mi chiedo se anche gli asiatici, quando arrivano in Europa, provano tanta meraviglia di fronte alle nostre cose. Mi lancio negli acquisti, con la testa che mi gira tra tutte cibarie, le scritte solo in cinese sui prodotti, le commesse che assediano la Dea nel Passeggino. La cosa piu' faticosa si rivela la cerca del deodorante: alla fine me ne vado senza perche' quando finalmente avevo creduto di trovarlo, ho capito che era una lacca per capelli. Riesco pero' a trovare i cereali per la colazione, che sono venduti non con le merende ma nella zona delle pringles dove infatti una commessa li fa assaggiare nei bicchierini come se fossero minipatatine al cioccolato. Me ne vado sfinita, mentre mia figlia se la ride.


Ps: a riprova che tutto il mondo e' paese, in mezzo a tanti complimenti ho beccato anche la tizia acida che mi ha fatto notare come la Dea avesse un po' di sporco di latte sul mento e una delle bretelle del passeggino arrotolata...ma ancora non so come si dice in cinese fatti i xxxxx tuoi!!

2 comments:

  1. Anche io ho provato la stessa sensazione disneylandesca nei supermercati.. e per le strade in generale!! La frutta è così strana, mai vista.. Ma che buona!! Per il deodorante.. ci sono sicuramente dei grandi negozi di sola profumeria... Lì vanno pazze per unghie finte, capelli liscissimi, pelle ultra bianca e annessi prodotti!

    ReplyDelete
  2. Vale, confermo la notizia: il deodorante lo trovi sicuramente negli store di prodotti di bellezza. alla peggio fai un salto al Ja La Fu ( = Il Carrefour) di Guomao. Ci vai in taxi, ovviamente. Ma li so di sicuro che ce l'hanno!
    Il carciofo rosa sarà mica lo Star Fruit??? :) gnammy!!!
    Per il resto, sono felicissima di leggere delle tue peripezie e della piccola Dea...mi tornano in mente un sacco di cose...come gli spiedini di frutta! io adoravo quelli con i pomodori ciliegini che loro mangiano per l'appunto e correttamente come frutta! :)Elena

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...