12.12.11

Baby Armamentario di Viaggio - Sistemi per tenerli fermi e protetti in Aereo, Treno, Autobus

A meno che non si prenoti un posto - culla per un volo intercontinentale, normalmente un bambino fino a due viaggia (non piu' gratis, sulle low cost) sulle ginocchia dell'adulto che lo accompagna. Sui siti di molte
compagnie aeree e' possibile acquistare un posto a sedere per bambini  sopra i due anni: per bambini piu' piccoli e' necessario chiamare il call center (con ulteriori costi) per procedere all'acquisto, anche se e' assolutamente illogico che ai genitori non sia permesso di comprare un posto per il proprio figlio con la stessa facilita' e perfino alla stessa tariffa degli adulti, se questi lo desiderano. Piu' volte mi e' capitato di pagare piu' per la tariffa aerea da Infant  di easyjet e ryanair per tenere mia figlia sulle ginocchia, che per il mio biglietto aereo!
Solitamente, ai genitori coi bambini sulle ginocchia, gi assistenti di volo forniscono una cintura per il bambino che si collega alla cintura dell'adulto. Questo strumento considerato in Europa obbligatorio durante decollo e atterraggio e consigliato durante il volo, e' stato recentemente vietato dalla FAA, l'agenzia federale dell'aviazione statunitense perche' considerato pericoloso: il bambino in caso di crash landing fa da airbag al genitore con le brutte conseguenze che si possono immaginare. Di fatto, ancora un sistema di sicurezza migliore dell'utilizzare il seggiolino auto/ovetto per i bambini da 0 a 9 kg, non e' stato inventato.

I bambini con il proprio sedile possono essere installati nei propri seggiolini per l'auto ma questo pone almeno tre problemi: 1) Non tutti i seggiolini auto riportano sulla propria etichetta o sul manuale di istruzioni l'omologazione per l'uso su aereo 2) E' necessario che le dimensioni coincidano con quelle del sedile utilizzato dal vettore aereo 3) Il seggiolino e' pesante ed ingombrante da gestire.
Vi sono alcuni oggetti che possono essere presi in considerazione non solo per la sicurezza dei bambini piccoli in viaggio, ma anche per migliorare il loro comfort e quello dei genitori: anche solo tre ore da Milano a Londra possono essere molto lunghe con una creatura di dieci kg che si divincola da tutte le parti.

Per i bambini da 0 a 11 kg  esiste questa amaca che si aggancia al tavolino del sedile davanti  e durante il periodo di viaggio (non in fase di decollo e atterraggio), permette di sistemare il bambino in modo piu' comodo sia per nutrirlo che per farlo dormire. La stessa amaca puo' funzionare come seggiolino per sistemare il bambino su alcuni tipi di sedia.
Questo sistema funziona anche se si viaggia su treni come gli eurocity o i tgv nei quali i sedili sono dotati di tavolino a libro installato nello schienale davanti.
Una dettagliatissima descrizione in italiano e' sul sito del rivenditore In viaggio con Leo, mentre questo e' il sito del produttore americano



Per i bambini da 6 mesi a 2 anni esiste la Baby B'Air, una sorta di giubbottino morbido e leggero che permette liberta di movimento e assicura di ammortizzare eventuali colpi dovuti agli scossoni delle eventuali turbolenze. Tramite questo giubbino, il bimbo si allaccia alla cintura dell'adulto, senza utilizzare quella data in dotazione dal vettore aereo: tuttavia non e' omologata per l'uso durante decollo e atterraggio, quando e' necessario utilizzare la cintura data in dotazione. Il che limita il potenziale dell'oggetto. Pero' secondo me  questo giubbino puo' essere parecchio utile se si viaggia a lungo in autobus o treno: indossando una normale cintura di abbigliamento, si puo' allacciare allo stesso modo il bambino, che pero' rimane piu' libero che dentro il marsupio o il mei tai. E di scossoni in autobus ce  ne sono certamente di piu' che in aereo.

Per i bambini dai 9 kg fino ai 18, dotati in aereo del proprio sedile, esiste come alternativa a portarsi dietro il seggiolino auto, il sistema di cinture di sicurezza CARES (sito ufficiale in inglese con tanto di demo, descrizione in italiano su In viaggio con Leo).
Questo sistema di cinture di sicurezza si aggancia intorno al sedile e permette di tenere ben ferma la creatura, pesa solo mezzo kg ed e' omologata dalla Agenzia di Aviazione Americana non solo durante il volo ma anche nelle fasi di decollo e atterraggio.
Questo sistema si puo' quindi usare anche sugli autobus a lunga percorrenza i cui sedili sono dotati di cintura di sicurezza inferiore 

E' abbastanza semplice prenotare in anticipo auto a noleggio dotate di seggiolini ed in molti paesi perfino domandare dei taxi equipaggiati per l'evenienza, ma colgo l'occasione di questo post per indicarvi anche l'esistenza dei giubbotti saferider travel vest: sono omologati negli Stati Uniti per trasportare in auto bambini dai 3 ai 6 anni (small size) e dai 5 ai 9, pesano 2kg, sono facilmente piegabili in valigia e sostituiscono il seggiolino tradizionale: il bambino siede direttamente sul sedile e la cintura dell'auto passa attraverso varie fibbie del giubbotto. La recensione di Shelly Rivoli (il suo sito e' stata la mia lettura quotidiana nei primi mesi di gravidanza, alla scoperta di come sarebbe stato viaggiare da mamma) e' dettagliata quanto positiva. Devo pero' sottolineare che i limiti di velocita' in auto negli Stati Uniti sono 60 o 70 miglia all'ora ( cioe' 96 o 112 km orari, roba che sulle nostre autostrade e' la velocita' media sulla corsia centrale o persino su quella a destra) per cui non sono in grado di dire se siano validamente testati per velocita' maggiori!

Altri post su come viaggiare, spostarsi e volare in gravidanza o con bambini piccoli

5 comments:

  1. Valentina, noi abbiamo viaggiato con Nicolo' di 13 mesi su un volo intercontinentale e l'avevamo in braccio per risparmiare i soldi del terzo biglietto, ma e' stato un viaggio da incubo. Lo scorso agosto invece quando siamo tornati abbiamo comprato il biglietto anche per lui ma abbiamo scelto di non portare il seggiolino, perche' e' davvero pesante e come dici tu, scomodissimo da portare in giro.

    ReplyDelete
  2. Cara Emigrante,
    io ho avuto la fortuna di andare in Cina con il posto - culla...eppure al ritorno (12 ore da pechino a monaco), e' stato faticoso comunque.. almeno grazie al fatto che abiti negli states puoi comprarti il CARES ad un prezzo piu' modico di quello che tocca noi! nel caso lo comprassi, fammi sapere il tuo feedback!

    ReplyDelete
  3. Carissima Valentina,
    finalmente abbiamo provato la tenda EKKO!
    Ho fatto una minirecensione sul post del viaggio :D
    http://porcellinogiramondo.blogspot.com/2011/12/mare-dinverno-s-marino-grottammare.html
    Grazie mille ancora per questo fantastico blog, continua così!

    ReplyDelete
  4. oh, wow!
    io avevo il baby wrap, pensavo fosse sicuro, invece me lo hanno fatto togliere in fase di decollo e di atterraggio, penso per lo stesso principio della cintura..

    ReplyDelete
  5. ciao Marica, grazie di essere passata!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...