22.2.12

ITA In aereo con il baby - altre precisazioni

Colgo l'occasione dell'imminente primo viaggio di un'amica con pargolo settemesenne per aggiungere alcune precisazioni al post In aereo con il baby - Liquidi e bagaglio a mano, Latte e omogenizzati, cambio del pannolino in aereo etc.

Il passeggino. Se si fa il check in tradizionale, con  imbarco del bagaglio di stiva, in quel momento si domanda all'addetto al check in di porre l'etichetta sul passeggino (l'etichetta, o tag, e' quella strisciolina adesiva che identifica ogni bagaglio caricato nella stiva dell'aereo e la cui ricevuta, un altra etichetta adesiva che vi sara' consegnata insieme al biglietto, vi permette di dire che quel bagaglio li' e' proprio vostro)  che invece si portera' fino alla scaletta dell'aereo. Se invece si viaggia on check in on line e solo bagaglio a mano, si domandera' all'addetto al cancello di imbarco di provvedere ad etichettare il passeggino.(Per far cio' vi conviene quindi presentarvi all'imbarco con un po' di anticipo e domandare la cosa prima che inizi l'imbarco dei passeggeri, in quei minuti
in cui gli addetti sono gia' presenti al bancone ma ancora non hanno iniziato le procedure).
Il genitore ha la possibilita' di scegliere se imbarcare il passeggino al check in (ritirandolo a destinazione nella sezione di bagagli fuori misura, vicino ai nastri di consegna valigie) o di portarlo fino alla scaletta dell'aereo (facilitando cosi il trasporto del bambino)  e averlo consegnato appena uscito dall'aereo. Tuttavia alcune compagnie in alcuni aeroporti non fanno questo servizio di consegna passeggino all'uscita dall'aereo e ci si ritrova a dover fare km dentro l'aeroporto con in braccio la creatura e il bagaglio a mano, per andare a recuperare il passeggino alla consegna dei bagagli fuori misura. Questa schifezza a me capita regolarmente con EASYJET (meno male che il  CEO e' una donna...) all'aeroporto di Roma Fiumicino,  Ginevra Cointrin, Londra Gatwick, se vi e' accaduto lo stesso vi prego di scriverlo nei commenti sotto (compagnia e aeroporto) .
Se percio' avete un volo con scalo, fate ben presente all'addetto al check in e anche quando salite in aereo e lasciate il passeggino fuori dalla porta dell'aeromobile, che avete ASSOLUTAMENTE necessita' che vi venga consegnato il passeggino alla discesa dell'aereo per correre a prendere la vostra coincidenza.

Posto in aereo. Se si vola con una compagnia non low cost, al momento del check in e' possible domandare che venga assegnato un posto in particolare: volando con un bambino seduto sulle ginocchia e' sempre buona cosa farsi dare un posto lato corridoio: il bambino puo' scalciare con le gambe lungo il lato corridoio anziche' sul vicino, la mamma puo' alzarsi e andare in bagno a cambiarlo con piu' agio, gli assistenti di volo possono raggiungervi per portarvi acqua o altro piu' rapidamente.
Se si vola con una compagnia low cost, entrando sull'aereo prioritariamente rispetto ad una larga parte di passeggeri, vi consiglio di puntare al medesimo posto di corridoio o eventualmente chiedere ad un assistente di volo che faccia spostare qualcuno per procurarvelo.


I controlli di sicurezza: i liquidi e gli alimenti pastosi per il bambino, esenti dalle restrizioni sui liquidi, vanno posizionati tutti insieme in un vassoio, poi negli altri indumenti, eventualmente scarpe sia vostre che del pargolo se contengono parti metalliche (fate caso di non vestire il bambino con indumenti che contengano cerniere di metallo spesso perche' senno' quando passate dal detector con la creatura in braccio, suonate e l operazione diventa complessa, vi faranno ripassare da sole, il bambino in braccio all addetto alla sicurezza potrebbe piangere etc..). Il passeggino va chiuso e infilato anche esso sul nastro trasportatore, e' molto piu' facile che lo chiudiate voi affidando il pargolo mezzo secondo all'addetto alla sicurezza piuttosto che questi vi aiuti a sollevare il passeggino. Infatti praticamente mai mi e' accaduto che un addetto alla sicurezza si impietosisse di me e comprendesse che tenere la Viatrix con una mano e sollevare il passeggino sul nastro con l'altra fosse fisicamente impossibile per me: negli aeroporti londinesi, con tutte le loro regole fatte per complicarvi la vita e non prendersi alcuna resposabilita', non sollevano ne' il passeggino ne' tengono il bambino (a questo punto se non ce la fate chiedete al passeggero dietro di voi), ma altrove (bergamo, malpensa, dublino, roma, varsavia, katowice, brno, cracovia, ginevra)  nel momento in cui ho detto all'addetto mi tenga la bimba senno' non riesco a sollevare il passeggino e nel dirlo gli avevo gia' praticamente messo in braccio la creatura, quindi d'istinto l'altro l'ha presa. me la sono cavata cosi'.


Rapporto con gli assistenti di volo Di norma gli assistenti di volo sono particolarmente gentili e solleciti nei confronti dei viaggiatori con pargoli, specie se madri sole con pupi molto piccoli, ricambiate con grandi sorrisi e fateveli amici fin da subito: durante il volo un bicchiere d'acqua in piu' o una mano per passare nel  corridoio a cambiare una cacca virulenta scoppiata proprio mentre loro stanno servendo dal carrello bar diventeranno operazioni molto meno ostiche se c'e' simpatia nell'aria :-). Sui voli non low costs di solito hanno dei pupazzetti regalo, sui voli low costs li potete eventualmente acquistare per ricordo, nel caso che i vostri mezzi di intrattenimento non siano sufficienti.

Come tenere il bambino che vola sulle vostre ginocchia: quando salite in aereo domandate la cintura per il bambino, nel caso l'assistente di volo non l abbia gia' pronta. Ve la portera' al vostro posto, se non l'avete mai usata e non sapete bene come destreggiarvi, chiedete che ve la sistemi, cosi' una volta visto il trucco, sapete come fare. Chiedete anche se per caso hanno un cuscino, molte compagnie, anche low costs, ne hanno qualcuno se non altro per gli assistenti di volo stessi, ed effettivamente un piccolo cuscino puo' aiutarvi a trovare la posizione piu' comoda per tenere il bambino sulle vostre ginocchia se si addormenta.  Scegliendo il posto lato corridoio avrete piu' facilita' nel tenere il bambino in diagonale, il che sara' piu' comodo sia per lui che per voi.

Buon viaggio Katerina!

Altri post su come viaggiare, spostarsi e volare in gravidanza o con bambini piccoli

17 comments:

  1. Ma perchè tutti questi tips non li pubblichi in un bel libro??
    La tua esperienza sarebbe di grande aiuto..

    ReplyDelete
  2. sono ancora inchiodata a meta' del mio primo libro...sperando che miracolosamente si creino finestre di dimensioni spaziotemporali alternative in cui finire di scrivere, tra la Viatrix e la futura creatura !

    ReplyDelete
  3. ma stai scrivendo un romanzo o si tratta di un saggio?
    Cmq utilissimo questo post...pensa che proprio l'altro giorno pensando al prossimo volo con al seguito Stella mi chiedevo come avremmo dovuto comportarci con il passeggino...noi fin'ora abbiamo viaggiato in auto (anche 10 ore...tanto era piccola e dormiva...), ma abitando a Bergamo e avendo Orio al Serio attaccato, magari ci scapperà qualche week end con un bel low cost (o Love Cost come dice mia mamma)...

    ReplyDelete
  4. scusa non mi sono firmata...
    Aska81

    ReplyDelete
  5. aska con orio cosi' vicino hai in mano le chiavi per viaggiare in tutta europa, che bello!

    ReplyDelete
  6. eh sì...peccato mio marito le chiavi me le abbia sequestrate tempo fa...ah ah ah ...lui è il tipico bergamasco...ehm...come possiamo dire...Parsimonioso...ah ah ah ...io invece non avendo geni bergamaschi ma milanesi, sono la classica donna con le mani bucate...io tutti i soldi li spenderei in:
    -viaggi
    -libri
    -cibo...
    sn una viziosa...
    cmq a fine marzo primo week end tra donne senza pupi al seguito, destinazione Budapest...secondo te sono una madre degenere a lasciare una figlia di 13 mesi per tre gg?
    Aska81

    ReplyDelete
  7. ogni tanto lo stacco ci vuole..io mi occupo di mia figlia full time, ma grazie ai miei ho preso licenza 5 giorni con marito a settembre (la viatrix aveva 11 mesi) e 3 giorni da single a gennaio (la viatrix aveva quindi 15 mesi)...

    ReplyDelete
  8. ah ok..mi fa piacere sapere che non sono un mostro...
    Io purtroppo da qualche mese lavoro full time e la vedo poco in effetti...ma non ti so raccontare la voglia che ho di una tre giorni da sola con le amiche senza pormi mille problemi tipo "devo allattarla" (fatto x 11 mesi), "devo trovare un posto dove cambiarla", "deve dormire", "chissà se al ristorante hanno già un seggiolone o devo portarlo" ecc....
    vediamo come va...saremmo due mamme (una di un bimbo di 10 mesi) e altre due amiche ancora single...spero di non passare tre giorni a sentire la mancanza di Stella
    Aska81

    ReplyDelete
  9. io credo che ogni mamma abbia diritto a sentirsi stanca e voler staccare la spina ogni tanto..gioisci dei tuoi tre giorni, non lasciarti prendere da senso di colpa (inutile sia per te che per lei, tre giorni a budapest non sono sette anni in tibet) e vedrai che quando tornerai sarai anche piu' fresca mentalmente nel tuo sentimento per lei

    ReplyDelete
  10. cara, ma non mi puoi dire che raddoppi così a tradimento! sono troppo felice per voi, vedrai che sarà bellissimo! bacioni!

    ReplyDelete
  11. non sapevo che in alcuni aeroporti ti sbarcassero solo il passeggino se sei in scalo: a me non è mai successo. fortunatamente alcune compagnie ne forniscono di sostitutivi (ok finora ho trovato solo compagnie giapponesi ma la speranza è l'ultima a morire no?)
    puoi approfondire questa parte?

    ReplyDelete
  12. ciao Ali si purtroppo ci sono ancora aeroporti che non fanno il servizio di consegnare i passeggini subito....questa settimana ho mandato un po' di email ai principali aeroporti europei per domandare informazioni,appena avro' raccolto le info le postero' tutte insieme.
    recentemente mi e' capitato di trovare a disposizione nell'area antecedente la consegna bagagli dell'aeroporto di varsavia dei passeggini - carrello sostitutivi, una bella idea!

    ReplyDelete

  13. Amazing website you've there.

    ReplyDelete
  14. Edimburgo, volo Easyjet con partenza da Orio al Serio.
    Al momento dell'imbarco ci hanno fatto aspettare mezz'ora con passeggìno chiuso per non intralciare e bimbo in braccio, in piedi.
    Pioveva, hanno sbattuto il passeggino per terra a lato della scaletta e all'arrivo ce lo hanno ridato bagnato fradicio, con i bagagli, quindi non appena scesi.
    Uno schifo.
    Fra due settimane parto per il portogallo con Rayanair e sto già tremando!!!!

    ReplyDelete
  15. cara mamma avvocato la ns unica arma contro ste schifezze e' fare sempre i complains, sempre sempre sempre...a me fa particolarmente incavolare che la ceo di easyjet e' una donna e sti disservizi con il passeggino mi succedono sempre con loro!!!!

    ReplyDelete
  16. Ah, ecco, l'avevi scritto qui del passeggino :/

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...