22.4.12

ITA 36 ore

Noi siamo arrivate dopo due treni, cinque ore di viaggio piu' i tempi di attesa della coincidenza.
Dopo 10 giorni giu' dai miei, intanto lui era via per lavoro.
Lui e' arrivato in aereo da Parigi, dopo esserci atterrato da Mexico City, dove e' riuscito a trovare all'ultimo minuto un posto con Airfrance, che il suo volo di rientro per Madrid era stato cancellato per lo sciopero di Iberia: a Mexico City era arrivato con un volo da Puerto Vallarta, dove ha lavorato 6 giorni di fila, subito dopo essere atterrato da una serie di 3 voli per 20 ore di viaggio con partenza da Rio, dove aveva lavorato tutto il giorno dopo essere atterrato  li'  la sera da Madrid, che aveva raggiunto un paio d'ore dopo esser volato via da casa al mattino.
Abbiamo avuto 36 ore di tempo per stare insieme, parlare, ridere, giocare con la bambina, cucinare e mangiare cose buone, dormire, abbracciarsi, amarsi e comprendersi.
E poi  lui e' ripartito e tornera' esattamente tra 7 giorni e 6 ore.
In questa vita ordinariamente frenetica che abbiamo voluto e costruito per noi, ritorna sempre l'occasione di  mancarsi e credo sia questo il motivo per cui il nostro tempo da innamorati e' piu' intenso di quello dell'orologio.

7 comments:

  1. Eh be Romantico sì...
    E molto molto molto bello!!!

    ReplyDelete
  2. Come riuscire a non darsi mai per scontati.

    ReplyDelete
  3. Per la miseria, m'e' venuta l'ansia solo a leggere dei vostri spostamenti!Vi ammiro, io non reggerei il ritmo! Pero' devo anche dire che e' bellissimo il fatto di potersi sentire innamorati e mancarsi! Yeeeah for you guys! :)

    ReplyDelete
  4. grazie...non e' un semplice questo equilibrio, ma e' quello che piace a noi e va bene per i nostri caratteri (in combinato e presi singolarmente), la sfida piu' grande e' far si che anche la piccola apprezzi il tempo con il padre, con i nonni, con chi le vuole bene, indipendentemente dalla quantita' di tempo. per ora sembra molto felice, ieri mattina si e' alzata e gli ha preparato la colazione (una ciotola dei puffi con dentro i cereali, gli ho fatto un ripiano basso tipo mini dispensa con le sue cose, poi voleva imboccarlo...lui era sciolto come neve al sole :-D)

    ReplyDelete
  5. Occielo, ho dovuto leggere la tranche del tuo post che inizia con "Lui è arrivato" tre volte prima di raccapezzarmi (e non ci sono riuscita fino in fondo comunque). Vita frenetica è dir poco.
    Devo dire però che anche col mio adorato consorte ci si vede pochino (e dire che viviamo quasi sempre nella stessa città!!). Ma come dici tu, l'importante è trovare un equilibrio e uno spazio familiare in questa pazza vita di corse e incastri.

    ReplyDelete
  6. Ohi ragazzi, che incastri!! Siete bravissimi!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...