30.4.12

ITA & ENG La Panzanella

Il Beltempo non mi sorride quest'anno. Sabato scorso, in impeto di ossessione metereologica very british sono andata a contare quante giornate di sole pieno ho vissuto nel mese di aprile: 7. Di cui due a Londra e due in Italia, 3 qui nell'angolino francosvizzero.
Ho fatto poi l'enorme errore di andare a guardare le previsioni a lungo termine per maggio e dopo aver letto 3 giorni di sole, ho tentato di consolarmi dicendo ad alta voce che comunque le previsioni a lungo termine non sono affidabili.
Ma il mio orologio biologico dice che e' Primavera da piu' di un mese, anzi dovrebbero esserci ogni tanto di quelle giornate che si va al mare o al lago e sempra gia' Estate. Dovrebbe esser gia' normale il gelato, per merenda (ricordatevi del giveway a tema entro il 22 maggio).
Insomma, ho deciso di reagire: sara' anche freddobigio ma siamo a fine aprile, e' l 'ora di comportarsi come se fosse Primavera, nonostante il piumone sul letto.
E cosi' ho preparato la Panzanella, da mangiare l'indomani, bella ghiacciata dopo la notte di frigo, al rientro del Senator.
La Panzanella e' un piatto toscano della bella stagione che fa parte del mio repertorio culinario familiare. Ci sono versioni piu' elaborate con anche cetriolo fresco, olive, uova etc, ma io mi tengo sul classico e semplice: pane vecchio ammollato con un pochino di acqua fredda e pezzetti di pomodori maturissimi (io uso quelli "perini", allungati), un po' di basilico grossolanamente tritato, pezzettini di cipolla rossa, sale olio e pepe. Non uso l'aceto  solo perche' non mi piace in generale.
Domenica pomeriggio, poco dopo l'arrivo dell'essemmesse di avvenuto atterraggio (quel momento in cui metaforicamente corro sul tetto ad alzare la bandiera - la Regina e' di nuovo a Buckingham - e praticamente passo coscientemente davanti allo specchio a controllare se non c'e qualche particolare orrido da sistemare del mio aspetto, cambio la Viatrix e me medesima in qualcosa di pulito, butto il pattume e apparecchio) , si e' aperto il cielo e per alcune ore e' stata Primavera: prima abbiamo mangiato la Panzanella, poi siamo scesi a giocare nei prati con la bimba.
Come dire, la morale e' che se la Primavera si fa troppo desiderare, devo far finta che non m'interessi e far tutto come se, e allora indispettita lei appare.
Eng - The Panzanella
The Niceweather doesnt smiles often to me this season. Last Saturday, in a momentum of very british weather obsession, I counted how many days of full of sunshine I've lived in the month of April: 7. Including
two in London and two in Italy, 3 here at home in this french swiss corner.Then I made the huge mistake of checking the long-term forecasts for May and after reading that there will be three days of sun, I tried to chin myself up by saying out loud that anyway the long-term forecast is not reliable. 
However,  my biological clock says it's Spring since  more than a month and now it should indeed be the season when sometimes you get  those days so warm that you go to the beach or to lake because it feels almost like Summer. It should already be normal to have  ice cream for the afternoon snack. 
So, I decided to react: even if its greycold, we are in late April, and' s time to act like if it is Spring, despite the duvet on the bed.So I prepared the Panzanella, to be eaten the next day, after anight in the fridge to get wel chilled, together with the Senator, finally coming back to us. 
The Panzanella  is a typical Tuscan dish for the warm season that also belongs to my family culinary repertoire. There are extended versions of  it where other ingredients are add such as fresh cucumber, olives, eggs etc, but I am sticking to the classic and simple  recipe: old bread softened with a bit of cold water and very ripe chopped tomatoes (I use the san marzano style tomatoes, with that longer shape), chopped basil, tinily chopped red onion, salt and pepper, oil. I do not add the vinegar only cause I do not like it in general.'
Sunday afternoon, shortly after the arrival of  the  landing sms  (which leads metaphorically  to that moment when I run to raise the flag on the roof - as the Queen is back at Buckingham - while practically  means that I stop consciously before the mirror to check if there is any particularly horrible details of my look to fix, I change both myself and the Viatrix  into something clean, I go to throw the garbage and I dress the table), the sky opened clear and for few hours it has been Spring:  first we have eaten the Panzanella, then we have been out playing on the grass with the baby.
As if to say, the lesson of the whole story is that if Spring plays too hard to get her, I should pretend that I do not care and do everything as if, so then she will be so annoyed that eventually she will appears.













12 comments:

  1. E' un piatto che non ho mai assaggiato, ma credo che mi cimenterò perché mi sembra semplice e buonissimo!

    ReplyDelete
  2. Buona buonissima! Sì alla panzanella, no alla nutella! ;-)

    ReplyDelete
  3. Sai che finora non sapevo cosa fosse la panzanella? E me l'ero incoscientemente preparata un po' di tempo fa perché mi avanzava il pane e non mi andava di buttarlo? La mia era anche più semplice, solo pane ammollato, pomodoro e olio d'oliva! Ora il pane lo do ai piccioni e quindi niente più panzanella per me ... Ma ho giusto giusto un panino che ha viaggiato con me dalla Slovenia all'Italia 3 giorni fa ... Peccato che ho già fatto merenda con la crostata di mia madre.

    ReplyDelete
  4. Adoro la panzanella!!Da noi il pane ammollato nell'acqua resta come base, voi mischiate tutto?

    ReplyDelete
  5. panzanella per tutti!
    @luisa il tuo commento mi e' arrivato nella posta ma per qualche motivo non esce qui su blogger, cmq si, il pane lo spezzetto e lo mescolo bagnato con gli altri ingredienti. Nel caso del pane pizzato, che fa mia mamma, invece il pane rimane sotto come base, come scrivevi tu :-)

    ReplyDelete
  6. Non conosco la Panzanella, mi pare interssante però, con tutto il pane vecchio che mi accumula l'Uomo di casa, lui e le sue baguette quotidiane che il giorno dopo sono vere e proprie armi bianche..... proverò di sicuro! Grazie per la dritta.

    ReplyDelete
    Replies
    1. @esatto Elga, anche qua devo disporre delle baguette pietrificate del giorno dopo :-) !!

      Delete
  7. Adoro la panzanella! Sa proprio di giornate calde e spensierate! E poi mi ricorda i miei anni in Toscana.
    Io ci mettevo anche il cetriolo perché mi piaceva la sua freschezza.

    ReplyDelete
    Replies
    1. ma ciao, tornata o ancora in itinere nel belpaese? si, anche il cetriolo ci sta bene, ma qua dove sto io sono cosi' tremendamente acquosi che lascio perdere :-)

      Delete
    2. Tornata a Lx, per ora! Di là non avevo internet in maniera stabile, ahimè.

      Delete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...