9.4.12

ITA il Cestino di Pasqua

Sono anni che quando arriva Pasqua, il Senator mi racconta che in Polonia il Sabato Santo si usa portare a far benedire in Chiesa un cestino (o cesto? che la parola basket non indica propriamente le dimensioni) con del cibo tipico della tavola quotidiana polacca (burro, salsiccia, pane, sale) e pasquale (le uova sode, la maionese, le uova di cioccolato etc.),
L'altro giorno ha trovato dov'e' a Ginevra la Chiesa di lingua Polacca e cosi' finalmente dopo tanti anni da expat senza cestino benedetto, si e' avviato a comporlo:
Valeee do we have a basket in home?
Si ne abbiamo uno tipo sporta per il pic nic...
Its too big!
 Ma come e' troppo grande? Se ci devi infilare 6 uova, la baguette, il panetto di burro, il fuet (salamino catalano al posto della salsiccia polacca non reperibile in questi luoghi, ma mi spiega che nel cestino ci deve essere la carne) e il barattolo della maionese, va bene, poi scusa (volevo esser partecipativa) mettiamoci pure
 il pepe, la bottiglia di olio, un pacco di spaghetti (cose che fanno parte della nostra tavola assai piu' frequentemente del burro e della salsiccia).
No,we need a small basket, we just bring a bit of these things.
E perche'? Tanto la benedizione e' gratis!
Appena ho pronunciato queste parole,  mi sono resa conto di quanto la mia reazione fosse potentemente italiana: probabilmente da noi questa tradizione si e' persa perche' la gente si presentava in chiesa con il maiale vivo prima di passare dal norcino, cosi' da aver salsiccia e prosciutto e carne benedetta per tutto l'anno!
Cosi', ho svuotato il mio cestino delle cinture, decisamente di proporzioni piu' contenute, ed ho assistito all'opera: un tocchettino di burro in una ciotolina, un po' di maionese in una tazzina, un pezzettino di fuet, uno di pane, due delle 6 uova fatte sode, due cioccolatini a forma di ovetto...il sale nel suo contenitore..a questo punto pero' ci ha messo anche il pepe e qualche filo di spaghetti. E mi ha detto che effettivamente se la prossima volta abbiamo una bottiglietta possiamo metterci l'olio, che lo usiamo assai piu' del burro.

Una volta arrivati in Chiesa e sistemato il nostro cestino, ci siamo messi a guardare quelli degi altri:in ordine di professionalita', il cestino doc ha il manico (ma ce n'erano altri due senza, oltre al nostro, ed uno era sicuramente un cestino portatrucchi), poi e' decorato con dei rametti verdi di non so che pianta ed infine e' coperto da un centrino a buchi larghissimi che fa vedere cosa c'e' dentro.
(Pero' qualche bambino ha composto il suo con piu' abbondanza, aggiungendo robot, pulcini di pezza ed hello kitty.)

10 comments:

  1. Buona Pasquetta...che bell'usanza...questo post mi é proprio piaciuto...ha il buon sapore delle cose genuine e dell'infanzia... Aska

    ReplyDelete
  2. Stessa usanza in Slovenia, e qua oltre alle uova e al pane e il dolce tipico, ci va la carne di porco e il rafano, che io fino a pochi giorni fa non sapevo neppure che fosse!

    ReplyDelete
  3. http://comeniusinslovenia.blogspot.com/2012/04/mi-avevano-avvertito.html il rafano è un po' spaventoso!

    ReplyDelete
  4. è semre bello conoscere qualcosa di nuovo di un'altra parte del mondo. grazie, vale e buona pasqua a voi!

    ReplyDelete
  5. Buona Pasqua anche se in ritardo^^.

    ReplyDelete
  6. Mi ha fatto tanto ridere la tua ipotesi sulla caduta in disuso da noi di questa tradizione! Temo che tu abbia ragione comunque! ciao ciao Maddalena.

    ReplyDelete
  7. che bello mischiare le tradizioni!
    comunque mi fa ridere la benedizione della maionese :)

    ReplyDelete
  8. Ihih, hai dovuto ridimensionare il cestino!
    Mi fai pensare teneramente a mia nonna che non c'è più: a Pasqua io e mia sorella dovevamo avere l'uovo più grande di tutti :)

    ReplyDelete
  9. grazie a tutte per i commenti!
    in realtà mia suocera che è di origini campagnine mi ha detto che quando lei era piccola portavano in chiesa un cestone con dentro tutti gli ingredienti del pranzo di pasqua, mentre il cestino mini si è affermato come usanza urbana.
    mia mamma si è ricordata che da piccola (a viareggio) portavano a far benedire le uova sode in un tovagliolo...ma soprattutto ho gettato il senator nel dubbio circa la mancanza del rafano, come cecilia ci ha raccontato si usa nel cestino in slovenia, visto che anche in polonia si usa moltissimo in cucina!

    ReplyDelete
  10. Bella questa usanza! Buona Pasqua in ritardo!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...