24.4.12

ITA La Merenda - Giveaway!

La Merenda e'  il pasto che sento in assoluto piu' radicato nelle mie radici , piu' distintivo del mio essere italiana.
I francesi la chiamano gouter ("assaggino") gli inglesi snack (pero' loro hanno il Te' delle cinque, che sta alla loro cultura come la Merenda sta alla nostra), ma non solo la traduzione letterale riduce la rotondita' del concetto di Merenda, anche il contenuto di cui la Merenda e' fatta salendo verso Nord si perde, soprattutto in quei paesi dove la prima colazione e' di proporzioni pantagrueliche, percio' con quella si arriva coadiuvati da un pranzo fino a sera e al massimo si ha l'abitudine di grab something to eat, di acchiappare qualcosa al volo se si avverte il leggero languorino, mentre la Merenda e' tale perche' avviene ad una certa ora (l'ora della Merenda :-D ) e la si aspetta:  si inizia ad aver fame un po' prima, si pensa a cosa potrei mangiare di Merenda o chissa' cosa ha preparato la mamma o la nonna o la zia per Merenda.

D'estate i miei must di Merenda sono il gelato , la frutta (fragole, ciligie, albicocche, fichi) o la fettona di cocomero, ma d'autunno fino a primavera invece le varianti sono innumerevoli: pane e nutella, pane e marmellate di ogni sapore, pane col limone, pane abrustolito col pomodoro o con l uva (o entrambi), una fetta di torta, dei biscotti fatti con amore da qualcuno o tirati fuori  con altrettanto amore dal pacco della credenza, tegolini o buondi', pizza o focaccina o piadina col prosciutto o con lo squaquerone, fruttolo o yogurt, crepes...

La Merenda per me e' quella di quando ero piccola alle quattro di pomeriggio, ma anche quella che portavo a scuola per la pausa di ricreazione a meta' mattino, fino alla fine del liceo. Quella che si faceva durante i pomeriggi universitari, nei bar quando era freddo o prendendo  una fetta di pizza al taglio in via Montebello e andandoci a sedere sulle panchine di piazzetta Maria Teresa quando c'era il sole. Persino quando lavoravo  a Milano, il momento della Merenda sopravviveva:  tra colleghi bastava che qualcuno avesse dietro dei pasticcini o delle focaccine perche' era il compleanno o che, e scattava la Merenda tra le scrivanie.

La Merenda arriva dopo il Pranzo e precede l'Aperitivo, altra nostra grande tradizione.
A differenza dell'Aperitivo, la Merenda ci accompagna da quando ci spunta il primo dente fino all'ultimo dei nostri giorni, se solo lo desideriamo.
A differenza dell'Aperitivo, la Merenda e' un piacere che si puo' gustare ugualmente in compagnia o soli.
A differenza dell'Aperitivo,  la Merenda la puoi fare sempre,
da piccola e da grande,
all'aperto o quando sei tappata in casa perche' fuori piove, nevica o tira vento,
quando non puoi  uscire perche' non c'hai una lira o devi studiare o devi lavorare,
quando i tuoi amici sono a mille miglia di distanza,
quando sei in salute,
quando sei malata (e anzi, la Merenda da malati e' un toccasana quanto le medicine).
Soprattutto, la Merenda la puoi fare anche quando hai un bambino piccolo e sei in quella fase della vita in cui APEROL significa Aperitivo Puo' Essere Ricordo Oltremodo Lontano


Oggi ho fatto merenda con il te' "casablanca"  dei freres mariages (trattasi di te con menta e bergamotto, aldila' della marca potete comporlo da soli se trovate gli ingredienti) e le fette biscottate spalmate di marmellata di coings, un frutto coltivato nel sud ovest francese.
Per dare il tocco expat alla cosa, ho utilizzato sulla mia teiera un teapot cosy, ovvero uno di quei cappottini da teiera che servono a mantenere il te' bollente.

Certo, mi manca un bel traminer ghiacciato tra amiche, ma riscoprire quante innumerevoli opportunita' di piacere ci sono nella Merenda, mi mette di ottimo umore.

Sono curiosa di sapere se esiste e com'e' la Merenda nei posti dove abitate o che avete conosciuto per altri motivi....e soprattutto quali sono le vostre Merende del cuore, quel sapore buono buono anche se semplice che vi mette in pace (per me, l'ho gia' scritto, pane limone e un pizzichino di sale): tra tutti i commenti, il 22 Maggio prossimo faro'  3 estrazioni  di vincitori con random.org : uno si accattera' un cappottino da teiera, uno un pacchetto da 100 gr di te' casablanca ed il terzo qualcosa che avra' a che fare con la merenda e che ancora non so, ma che trovero' in uno dei miei prossimi spostamenti!
Se vi fa piacere e non l'avete gia' fatto , potete diventare followers del blog o cliccare "mi piace" sulla mia pagina facebook, ma non sono attivita' necessarie per partecipare, l'importante e' il vostro commento (percio' chiedo a quegli users che girano solo alla sistematica ricerca di giveaways di astenersi.).

38 comments:

  1. le merende di quando ero piccola: savoiardi "pociati" nel succo di frutta alla pesca, fatto dalla nonna (con quel frizzantino di dubbia provenienza); pane e nutella; pocin poceta (ovvero pane intinto in olio sale aceto). oooh che ricordi!

    ReplyDelete
  2. Pane burro e zucchero! Merenda dalla nonna... Ma ora la merenda della panzabanco è salutare, come quella di Lala....

    ReplyDelete
  3. sarà il tempo, ma mi è venuta una voglia incredibile di cioccolata calda e biscotti... anche se si avvicina l'ora di cena più che di merenda...

    ReplyDelete
  4. pane e marmellata, cioccolata calda densa, tè con i biscotti da più grande, brioscina(tipo panino mordido da sandwich)con la nutella, se c'era una torta fatta in casa, tipo torta di mele o allo yogurt...adesso anche io cerco di essere più salutista, quindi prendo un frutto di stagione e un tè se sento freddo, oggi però ho preso un gelato tipo cornetto...buona merenda a tutti!

    ReplyDelete
  5. anche mia nonna mi preparava sempre pane burro e zucchero...una vera delizia!Alta merendina della nonna era ricotta con cacao e zucchero, slurp!

    ReplyDelete
  6. Da bambina facevo merenda guardando Lady Oscar e mia madre mi preparava il thé deteinato spartendo con me la sua antica passione per i Tarallucci del Mulino Bianco: quel rito condiviso mi faceva scordare che avrei preferito i Baiocchi e una tazza di latte e nesquik. Da ragazzina solo generose cucchiaiate di Nutella e vecchia musica anni '80 in sottofondo potevano farmi digerire la matematica e la chimica, mentre all'epoca dell'università la merenda si trasferiva nei caffè del centro di Bologna, traducendosi nel binomio cornetto al miele e cappuccino d'orzo. La merenda per me resta un momento vanigliato di thè, frolle burrose e ciambelle fragranti da condividere con mio marito e con il piccolo Orlando (habitué del frullato di banana e biscottino). forse non il pasto più importante della gironata, ma senz'altro il più evocativo, il mio momento proustiano madeleine. Manu

    ReplyDelete
  7. Che ricordi la fetta di pane con burro e zucchero o con burro e Nutella! E chi ci pensava allora al colesterolo! ;)

    ReplyDelete
  8. pane e nutella era la merenda per eccellenza (per me e' proprio LA merenda italiana), ma anche le torte e i biscotti che la mia mamma sfornava caldi e io non riuscivo ad aspettare che si freddassero neppure un po' :) e poi il toast al prosciutto fatto con le fette di pan carre mulino bianco, il panino con la mortadella o col salame (che tanto sto desiderando in questi mesi di gravidanza!)...tutta roba leggere insomma :)

    ReplyDelete
  9. io alla merenda provo sempre a rinunciare e poi la faccio ad pra aperitivo e mi rovino la cena!
    con tutte le volte che mia mamma ha provato a spigarmi il concetto :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. e a base di cosa merendi, furbastra?

      Delete
    2. This comment has been removed by the author.

      Delete
  10. Wow, che ode alla Merenda! Qui i bambini spesso mangiano burro d'arachidi e marmellata (un binomio inimaginabile) o cracker e cheddar! :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. il burro d'arachidi per me e' un mistero..lo trovo davvero disgustoso, con quel dolcesalato...ma tu invece, che merenda hai nel cuore?

      Delete
  11. non sono una merendista, ma la mia mamma è la più grande del mondo. può aver mangiato qualsiasi cosa, ma alle tre e un quarto, puntualmente, inizia a dire che ha fame. come i bimbi. se va bene aspetta fino ad un quarto alle quattro. sennò alle tre e mezzo sgranocchia. il suo must sono le fette biscottate con la marmellata.rigorosamente "artificiale", del super...perchè quelle che fa lei le regala tutte...

    ReplyDelete
  12. Pane e salame! (Oggi non più, in quanto forse a questo punto non proprio più sanissima come merenda quotidiana... oggi solo tè e un biscottino, ma vuoi mettere con un bel paninazzo al salame?)

    ReplyDelete
  13. Nel periodo in cui trascorrevo le vacanze estive in montagna da mia nonna facevo merenda con rosetta e prosciutto cotto, o pomodori dell'orto strofinati sul pane e sale, o direttamente le carote dalla terra sciacquate nel bidone dell'acqua piovana... La mia mamma invece fa il te più buono del mondo solo lei sa la giusta quantità di zucchero e limone.. Quando sono sola a casa invece mi piace il pane da toast con sottiletta e prosciutto cotto ed un bel te caldo...

    ReplyDelete
  14. Io adoro la merenda! Bellissimo articolo Vale! Chissà che la merenda non diventi di moda come l'aperitivo!! :))) Il mio unico problema è che io non faccio una sola merenda ma bensì molteplici... Tipo inizio un'oretta dopo aver pranzato e, ad intervalli regolari, smangiucchio fino a cena, da brava londinese c'è sempre un the (herbal nel mio caso) coi biscotti e poi cioccolata e frutta... Poco prima di cena, ma anche nell'arco della giornata, frutta secca o patatine... Quando ero piccola la mia merenda preferita era pane burro e zucchero!

    ReplyDelete
  15. Io non sono una fan della merenda. Cioè, la preparo sempre per le mie bambine, ma non partecipo. A loro piace far merenda con budino, gelato, merendine (alias schifezze,)succhi di frutta, cose dolci insomma. A me invece piace spiluccare qualcosa di salato e sfizioso mentre preparo la cena...

    ReplyDelete
  16. Mmmmm....da piccola ricordo le fette di pane con burro e cacao al forno (merenda "speciale" che ci faceva ognitanto mia mamma), oppure i ventagli di cioccolato del forno, il pane e "chorizo" o salame, e al paese la nonna ci dava pane e un bel pezzo di cioccolato extra fondente!!!! SLURP!!! Ora....mi dimentico di farla, ma quando mi ricordo, tè e biscotti, oppure latte e cacao, e d'estate spesso un milskshake o un gelato!!

    Sonia

    ReplyDelete
  17. Ma che bel post e che bel giveaway. allora le mie merende del cuore sono state:
    - pane e salame quando si faceva tutti assieme dalla zia (ero ospite dai nonni e giocavo con i cugini)(circa 27/28 anni fa)
    - il cornetto algida quando uscivo dalla piscina dopo l'allenamento (circa 22 anni fa)
    - tè nero con il latte e biscotti alla fine delle superiori (circa 18/19 anni fa)
    - litri di te verde all'università oppure cappuccino della macchinetta e crackers alle olive (circa 12 anni fa)
    - tè o caffè (primi anni di lavoro, diciamo 8/9 anni fa)
    - arance (gravidanza pulce, 3 anni e mezzo fa): grave, però, mi facevo 5 arance al giorno!
    - pane e nutella o pane e miele(allattamento pulce, 3 anni fa)
    - ghiacciolo al limone (gravidanza pulcino, 2 anni fa - tipo che mi sarò fatta 2/3 ghiaccioli al giorno!
    - frutta o crackers accompagnati da tè deteinato con i pargoli (adesso)

    ma la merenda che assolutamente ho nel cuore è la mia amata focaccia unta, magari accompagnata da un super cappuccino (che fa molto mattina ma quando si è giù si è giù!)
    però io sono un caso a parte, spesso laritardo fino a farla sconfinare in un aperitivo!!

    grazie di avermi fatto fare questo viaggio nei sapori!
    a presto e un bacio
    s.

    ReplyDelete
  18. Io da piccola ricordo merende sane a base di frutta fresca, dolcetti o torte fatti in casa e oro saiwa, ora invece non posso rinunciare ad una fetta di pane con nutella o marmellata di quella buona francese ai lamponi, e ad un afternoon tea (magari pucciandoci delle macine :) ).
    Qui a Londra merendano anche con la birra delle 6PM ! :)
    Dancer.

    ReplyDelete
  19. Partecipo volentieri.La mia merenda da piccola erano oro saiwa ripieni di nutella o per farla sporca un tazzone di the e mezzo chilo biscotti.....da piccola ero una cicciottella. In Germania ho preso l´abitudine del kaffee und kuchen e quando sono libera invece merenda da Starbucks frappuccino brownie e wifi free :*
    Ps:Spero di vincere il cappottino per la teiera qui fa molto freddo e le mie teiere ringrazierebbero ^^

    ReplyDelete
  20. la mia merenda era il pane condito, cioè pane e pomodoro, ma fatto con un determinato tipo di pane che ho trovato solo dove sono nata (chiamasi pane trombato, in dialetto). quando torno a casa, ancora adesso, mamma me lo prepara a colazione, visto che preferisco il salato al dolce.
    ora non faccio più merenda, ma col Capitano non ci facciamo mancare l'aperitivo a base di vini e formaggi portoghesi: UAU :D
    per quanto riguarda il thé lo bevo a tutte le ore, d'estate freddo e d'inverno caldo, anche ora ho qui davanti la mia tazza. per me è l'equivalente del latte (che non bevo).
    ma sai che il pane col limone non lo conosco? come si fa?

    ReplyDelete
    Replies
    1. si prende il pane (meglio se quello con un po di mollica, tipo baguette), ci si struscia sopra mezzo limone, poi si aggiunge 1 pizzichino di sale e se si vuole 1 goccino di olio...voila'.
      pane sdrusciato col pomodoro e' anche uno dei miei favoriti!

      Delete
  21. che bel post, quanti pensieri, quante cose in comune in questo dna italiano. io sono sempre andata a fasi di dipendenza, mi ricordo il periodo della nastrina tagliata in due farcita con nutella e quei cosini colorati da mettere sopra le torte, poi il periodo del te coi plasmon, oppure rigoli, poi i frullati di banane, poi i marocchini con la nutella. oddio non mi fermo più!

    ReplyDelete
  22. E' che questo post l'avevo visto...ma c'ho messo un po' a focalizzare l'elemento "Merenda".
    Da piccola non mangiavo nulla..proprio nulla...mia madre era disperata.
    Tutte le volte riportavo indietro la roba che mi davano in mensa all'asilo, promettendo alle maestre che l'avrei mangiata a casa "per merenda".
    Cosa che poi non facevo...
    Non mangiavo nè la roba dell'asilo, nè nient'altro...
    Da Adolescente ho continuato ad avere questo rapporto difficile col cibo...e mi ricordo che mia mamma provava a mandarmi a scuola con la bidella i kinder Pinguì, perchè io da casa non li prendevo.
    Lei me li mandava e io non li mangiavo..
    Son cresciuta senza rito della Merenda e quindi anche ora non ne sento la necessità...

    Tutto ciò di cui ho bisogno è solo..una bella tazza di Caffè...

    ReplyDelete
  23. Avevo letto il post l'altro giorno e non avevo notato 'sta cosa del giveaway, l'hai messa dopo?
    O sono io che ero troppo affamata?

    Delle mie merende a scuola mi ricordo i succhi di frutta in bottiglietta di vetro, che bisognava stare attentissimi a non romperli e bisognava rincorrere la suora per il giardino perché era l'unica che possedeva l'apribottiglie.
    E mi ricordo che mia madre preparava per me e mia sorella dei panini sempre uguali, e una volta che io ero in V e mia sorella in I, lei si era presentata fresca fresca in classe mia senza bussare, e mi aveva praticamente urlato: aho, ma che ce l'hai te er panino mio co' 'a frittata?
    Mi sarei voluta sotterrare, dato che ero timidissima e mi vergognavo di tutto!
    A casa pane e nutella era solo per le occasioni speciali, e invece quando andavamo al mare mia madre preparava un termos di caffelatte e ancora oggi quando bevo caffelatte freddo mi sembra di essere in riva al mare, con il costume a un pezzo solo, a scavare buche di 3 metri e bruciarmi la schiena.
    Ora in Slovenia non faccio più merenda, perché a pranzo mi danno tantissimo da mangiare, ma le rare volte che ceno è in realtà una cena merenda a base di gelato!
    E parlando di gelato, quello era la tipica merenda quando uscivamo dal corso di nuoto, io prendevo sempre crema, cioccolato e pistacchio con panna!

    E ora sto a Roma per qualche giorno e mi ingozzerò di colomba avanzata da Pasqua, gelati, biscotti ... mmmm ... fame!

    ReplyDelete
    Replies
    1. si l ho aggiunto il mattino dopo quando ho visto la bellezza di 12 commenti e mi son detta che magari era un segno :-)
      mi hai fatto schiantare dal ridere con Suor Apribottiglia :-D
      e' interessante questa cosa che nelle ultime due settimane e nelle prossime due, tantissime di noi sono in transito per l Italia (io sono tornata da poco, Marica e' prossima, Natalia e' giu', Elle idem...

      Delete
    2. magari ci scontriamo in qualche aeroporto. io sono fissa a roma e poi passo per venezia domenica della prox settimana. tu?

      Delete
  24. Questo me l'ero perso!!! Maledetto lavoro che non mi permette di seguirti come vorrei!!!!
    Beh..anche per me la merenda è sacra, la faccio dovunque sono, in ufficio a casa in giro per negozi o in giro per il mondo..
    E mangio veramente tutto quello che trovo, basta sia salato!!!!
    La "mia" merenda però rimarrà sempre IL PANE COL POMODORO ROSSO ROSSO STROFINATO SOPRA UN FILO D'OLIO E UN PIZZICO DI SALE.
    Per me è il top! Anche perchè faccio questa merenda da quando ho i denti!!!!

    ReplyDelete
  25. Slurp mi e' venuta fame solo a leggere gli altri commenti :P non sono una patita della merenda, ma mi ricordo perfettamente quella che da bambina era la mia preferita: pan carre' con la nutella, che ti si stucca la lingua in bocca e devi bere ettolitri di liquido per ricominciare a respirare :D
    Scusa ma dove sei ora?

    ReplyDelete
  26. io la faccio ancora la merenda... le mie amiche ai tempi dell'universita' mi hanno sempre preso in giro per questo, ma io continuo :-)
    invece quando ero a roma e lavoravo avevamo istituito la pausa merenda: c'era un collega di origini persiane che faceva il te' (con il te sfuso ecc), mentre io o delle mie colleghe portavamo dolci fatti in casa o compravamo dei biscotti (in un secondo tempo abbiamo creato il salvadanaio "fondi per la merenda), era il momento piu' bello della giornata lavorativa! :-)

    ReplyDelete
  27. per me la merenda è indefinibile, la si può declinare in talmente tanti modi... dolci e salati. per dire oggi ho mangiato il gelato, domani magari mi faccio il panino con il pomodoro spiaccicato, capisciammè :-)
    cmq. in giappone l'ora della merenda è: le tre del pomeriggio. il che implica che io poi alla fine insomma... ne faccio due.

    ReplyDelete
    Replies
    1. eh be si, se ti tocca alle 3, senza raddoppio come ci arrivi a cena, mi pare giusto!

      Delete
  28. Ehm... le mie merende si sono evolute negli anni, passando dalle salutarissime pane marmellata casalinga / pane burro e zucchero della nonna /fetta di torta fatta in casa a panino col prosciutto /panino col formaggio/panino con foglia di insalata acciughina e olio al peperoncino /pane e salame etc alle odierne tortine zoniche / faisselle con marmellata/tocchetto di grana e carotina o uvette.... un viaggio al centro della terra (e del frigo) di cui vergognarsi, ok.... ;-) la merenda è stata e rimane una goduria, pane e limone col pizzichino di sale però mi manca. Speriamo nella fortuna che i thè dei mariages freres sono ottimi e la confettura di coings è perfetta su un crostino di pane, le mele cotogne (o pere??) sono profumatissime........ Adesso vado a leggere gli altri post, ma quanto scrivi????!!!!! Ciao

    ReplyDelete
  29. Qui la merenda tradizionale è pane e burro, tostato (e in tal caso si chiama "torrada") o no. Ne consumano in gran quantità, anche al bar.
    La mia compagna di ufficio ogni giorno verso le 5 tira fuori il suo panino e il panetto di burro leggermente salato versione spalmabile.
    Per me la merenda ora è il caffè con qualcosina tipo un mini dolcino perché sono golosa, a volte mangio una mela ma solo se sono già allegra di base quel giorno, altrimenti m'intristisco ancor di più.
    Da piccola non avevo merende fisse: son passata dal pane bagnato con lo zucchero, all'uovo sodo, al latte e cereali, alle brioche...
    Attorno agli otto-nove anni ero particolarmente magra e mia madre preoccupata mi mandava ogni giorno in macelleria (ah, i tempi in cui i bambini giravano per le strade da soli!) che distava 15 min a piedi da casa mia per comprare la fettina di carne che poi finiva nel panino delle 5. Nella tradizione paesana-rurale la carne rimette in sesto!
    E' durato qualche mese, poi si vede che ho cominciato a riprendermi :)

    ReplyDelete
  30. Le mie migliori merende le faccio con un piattone di insalata (sic! io adoooooooro le insalate: mi è capitato di mangiarle anche a colazione), con un pezzo di pizza al taglio (come la sanno fare solo qui a Roma e quando sono dai miei "giù al sud", con un pezzo di pane di grano duro ben caldo accompagnato da un filo d'olio e un pizzico di sale (quest'ultima merenda posso ahimè consumarla solo quando sono dai miei, che vivono vicino alla panetteria che fa il pane più buono del mondo terracqueo. Ah fortunelli!).
    Ma in realtà, come te, mi capita di mangiare di tutto, con una predilizione per il salato.

    ReplyDelete
  31. Io continuo a fare la merenda due volte al giorno, come quando ero piccola (nei giorni lavorativi, s'intende). Siccome sarebbe scomodo portarsi dietro tante cose, solitamente mangio solo frutta, di qualche tipologia facile da trasportare e che non richieda pratiche troppo ardite per essere consumate (ad esempio la pera e il kiwi, se troppo maturi, sono troppo pericolosi, impossibile sbucciarli senza spiaccicarseli sui vestiti); se mi voglio abbandonare ad una 'botta di vita', allora mi dirotto sul caffè (del distributore automatico, ben s'intenda, e per giunta macchiato con il latte in polvere). Anche l'orario è una consuetudine ormai stabilizzata: alle 11 e alle 16!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...