5.7.12

Baby dritte di viaggio -Sterilizzazione on the road

In questi giorni di preparazione all'arrivo di Trottolina sto riesumando dalla cantina vari aggeggi ormai lontani anni luce dalla vita quotidiana della Viatrix, tra cui lo sterilizzatore elettrico. Abitare o essere in viaggio in certi posti piuttosto che in altri influisce notevolmente sulla necessita' o meno di sterilizzare ciucci e biberon.
Di seguito, un cappellotto sui metodi utilizzati da me e a seguire alcuni prodotti furbi per risolvere il problema della sterilizzazione on the road
Ho sterilizzato i ciucci e i paracapezzoli per bollitura nella pentolina  durante i primi 3 mesi, poi sono passata allo sciaquarli sotto l'acqua calda corrente. Per biberon e tettarelle, fino a 3 mesi li ho sterilizzati 1 volta ogni 24 ore con lo sterilizzatore elettrico, poi li ho affidati alla sola lavastoviglie (i miei erano tutti in silicone, della closer to nature - tommee tippee) e li sciacquavo sotto l acqua corrente prima di riempirli di latte.
Durante i 3 mesi con la Viatrix, uscivo con 3 o 4 ciucci puliti nelle loro scatoline, pronti ad essere sostituiti via via che cadevano. Piu' avanti, se non trovavo un rubinetto sotto cui sciacquarli o chiedere il favore in un bar, ho preso a pulirli con il gel antibatterico (facendolo evaporare bene e passandolo poi in un fazzoletto di carta prima di ridarlo alla consumatrice). Non so quanto questo metodo sia ortodosso, ma mi e' sempre sembrato meglio che lasciare la bimba col ciuccio sporco o senza il medesimo.
Per i biberon, all'inizio uscivo con due biberon pronti dentro due borsine termiche per mantenerne la temperatura ambiente (ne' freddi ne' caldi, ho abituato la Viatrix cosi' per evitare di dover impazzire in viaggio a cercare prese elettriche o persone di buona volonta' per scaldare il biberon, mentre il biberon autoriscaldante liamo va a ricariche che costano un botto visto il consumo di latte di mia figlia).  
Quando ho iniziato a fare spostamenti piu' lunghi, mi portavo dietro delle scatoline con le dosi di formula gia' calcolate per ogni bibe e compravo l'acqua naturale in bottiglietta a temperatura ambiente dove mi trovavo, per produrre il latte artificiale al momento.

Di fatto, se non sterilizzare, quantomeno lavare molto bene una volta al giorno i biberon , tettarelle e ciucci, anche quando si e' in viaggio, e' una necessita'.
Se siete ospiti di qualcuno o  in casa vacanza dotata di microonde, le opzioni piu' semplici sono

a) dopo il lavaggio a mano, sterilizzare usando il metodo della pentolina d acqua bollente
b) dopo il lavaggio a mano, avere con voi un contenitore per la sterilizzazione in microonde (i ciucci mam sono venduti in scatoline che possono essere riempite di acqua fino al segnetto e poi messe nel microonde per la sterilizzazione secondo il tempo e la potenza indicate sul retro della confezione, anche la bebe confort vende una scatolina portaciucci che va  bene per sterilizzare nel microonde e suppongo che esistano altre ditte che propongono lo stesso sistema. Esiste poi il Duccio, lo sterilizzatore per ciucci che sfrutta il sistema di sterilizzazione a raggi UV (io non l'ho utilizzato personalmente ma lo aggiungo volentieri dietro raccomandazione di Sonia, nei commenti al post).
Per i biberon ci vuole un contenitore da microonde grande abbastanza da essere ben chiuso , non necessariamente di quelli venduti appositamente con la griglietta, ma dovete imparare bene prima a casa quanta acqua aggiungere per poter fare l'operazione ad occhio). Oltre ai contenitori per il microonde, Sonia mi segnala gli ancora meno ingombranti sacchetti Quickclean  per la sterilizzazione nel microonde prodotti dalla Medela: sulla pagina potete scaricare in pdf le istruzioni per l'uso (quantita' di acqua e potenza/tempo in microonde).
Se invece siete in albergo - campeggio, portarvi dietro sapone e spugnetta per lavare potrebbe essere scomodo, cosi' come risolvere il problema della sterilizzazione. io vi consiglio di sciacquare sotto l'acqua calda corrente bene ciucci e biberon (se potete, portatevi uno scovolino ), dopodiche' riempite il lavandino d'acqua fredda e scioglieteci dentro una pastiglia per la sterilizzazione, seguendo le istruzioni di quantita' d'acqua e minuti di tempo necessari (si va da pastiglie per cui bastano 2,5 l di acqua e 30 minuti a pastiglie per 5 litri e 90 minuti) per compiere la sterilizzazione degli oggetti immersi. In alternativa alle pastiglie, che pero' sono le piu' pratiche per il bagaglio a mano perche' non rientrano nelle restrizioni dei liquidi, esistono anche detergenti liquidi sterilizzanti come questo o in Italia questo .
La cosa carina di questo metodo e' che potete anche immergere giocattoli, spazzolino e quant'altro durante il viaggio abbia toccato superfici estranee e zozze!
Infine, ho scoperto da poco l'esistenza delle Steri-bottles, nuovi biberon pronti all'uso,ovvero gia' sterilizzati, usa e getta: il produttore li indica come ideali per il viaggio appunto, ma anche per quei padri che si svegliano rinco nel mezzo della notte e non sanno da che parte cominciare per portare il latte alle proprie creature. Visto che il Senator prossimamente passera' da Londra, gli chiedero' di comprarne un pacco da 5 (per 3.99 GBP) nel Boots dell'aeroporto, prima di tornare....e poi aspettero' il primo viaggio di Trottolina per far la prova! UPDATE: Il distributore italiano del prodotto mi ha scritto che e gia' possibile acquistare le steribottles presso  i punti vendita dei loro prodotti, qui trovate gli indirizzi per tutta Italia

Infine, ricordatevi che le vostre mani sono responsabili  della meta' dello sporco con cui vengono a contatto i vostri bimbi finche' non gattonano, quindi portatevi sempre dietro il gel antibatterico per le mani e datevelo con cura anche sotto le unghie e negli incavi delle dita prima e dopo ogni  cambio e sempre prima di toccare la vostra creatura se siete in giro in ambienti urbani pubblici o naturali polverosi. L'altra meta' e' dovuta agli estranei che, specie in alcune culture, non si peritano di toccare i bambini altrui: quando ero a Pechino era una battaglia cercare di evitare che la Viatrix fosse toccata da centinaia di persone, perche' per loro portava fortuna, per non parlare di quanti provassero a tirarle fuori il ciuccio per vedere cos'era, che li' pare non esistano.  Cosi' sono giunta alla conclusione che la cappottina antipioggia d'inverno anche se non piove e quella antizanzare d'estate anche se di zanze non ce ne sono, sono il modo piu' risolutivo per tenere a distanza le mani altrui!!

Altri post su come viaggiare, spostarsi e volare in gravidanza o con bambini piccoli

17 comments:

  1. molto interessante, stavolta vorrei biberonare almeno il parte la nascitura... mi presteranno lo sterilizzatore da microonde se ho capito bene, ma invece il milton lo consigli? e quei bibe usa e getta, sono almeno riciclabili? vedo il segno del riciclo ma non leggo bene...

    ReplyDelete
    Replies
    1. si sul sito del produttore c'e' scritto che sono bpa free e 100% riciclabili!

      Delete
    2. This comment has been removed by the author.

      Delete
    3. il milton non l'ho usato, ho solo comprato per i viaggi le pastiglie che ho linkato della dodie (ma altrove sono commercializzate uguali sotto altro nome) e appunto in mezzora l'acqua era pronta per l immersione, mentre il milton richiede 90 minuti!

      Delete
  2. Ciao Valentina! Io per la nascita della mia bimba ricevetti in regalo uno sterilizzatore elettrico da ben 8 biberon... ma è ancora imballato perchè lei non ha mai preso il biberon e nemmeno il ciuccio... ma grazie per i consigli dettagliatissimi... potrebbero servirmi in futuro! :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. ciao, grazie per aver lasciato il commento! io per fare l'allattamento misto mi sono trovata bene con i biberon closer to nature che hanno una tettarella molto simile al seno e il corpo della bottiglia si tiene in mano in modo cosi semplice che i bambini imparano a tenerlo da soli gia' a 3-4 mesi...

      Delete
  3. Io mi sono trovata bene con Duccio lo stirilizzaciuccio a raggi (me lo portavo anche in viaggio visto che è piccolo), e poi ho scoperto i sacchetti x storilizzare in microonde della Medela.

    Sonia

    ReplyDelete
  4. Ah! Il Iiamo ce l'abbiamo...mi è stato regalato, ma non l'ho mai usato. Forse xè mi è arrivato quando Santiago ormai era Tomee Tippee addicted, e cmq ormai ne mangiava meno, di latte...Ma chissà se col prossimo verrà utilizzato!! Nel caso, ti faccio sapere!

    Sonia

    ReplyDelete
  5. i sacchetti per il microonde, almeno qui, esistono di varie marche [mai usati cmq]
    sai davvero tante cose, eh!
    ma non bisogna arrivare in cina per avere gente che tocca i bambini in tutti i momenti :-/

    ReplyDelete
    Replies
    1. purtroppo no, ma era per evitare di fare il solito esempio nostrano :-D
      marica, io cerco di informarmi piu' che posso ma se tu e le altre negli states siete conoscenza di oggetti e prodotti furbi (per qualsiasi evenienza di viaggio, non solo questa), segnalateli! L'unione fa la forza delle mamme smart :-)

      Delete
    2. ops, scusa ;-P

      guarda, il tuo blog e' utilissimo... se mai mi dovesse venire in mente qualcosa ti faro' sapere, ma la vedo dura ;-D

      Delete
  6. trottolina? quindi è femmina? ops, è da un po' che non passo di qua, ora leggo indietro.

    ReplyDelete
    Replies
    1. trottolina e' femminile in italiano e maschile in polacco...per ora il mistero rimane...ultimato la valigia dell'ospedale tutto in bianco, verde acqua e verde menta :-)

      Delete
  7. Interessante e tanti consigli utili, brava Vale ! Non hai detto nulla a proposito del luogo in cui cambiare il pannolino, qui a Londra vedo molte mamme, anche una ieri in palestra che non usa un suo telo o copertina per poggiare il bimbo perchè c'è sempre già compreso un materassino o lenzuolino nel fasciatoio .. igiene ?? Aiutoooo !!
    Sai che 'Viatrix' evoca nella mia mente una donna in carriera in giro per il mondo mentre 'trottolina' è più coccoloso, i nomi corrisponderanno ai loro caratteri?
    Dancer

    ReplyDelete
    Replies
    1. in realta' quando c'e' il materassino di plastica spalmandoci sopra un po di gel antibatterico x le mani e passando una salvietta del cambio, io procedo (il lenzuolino invece proprio non mi pare igienico..) Purtroppo mentre in paesi come francia e uk la presenza di un fasciatoio nei bagni e' cosa quasi ovvia, in altri e' ancora un optional...e le mamme si ritrovano a fare le prestigiatrici, comunque tornero' sull'argomento luoghi da cambio questa settimana, magari con un post alla fantozzi sui 10 modi piu scomodi in cui ho cambiato la viatrix in questi 22 mesi :-D, grazie per l'idea!

      Delete
  8. per la sterilizzazione rapida da "mi è caduto il ciuccio ma la tettarella non ha toccato nulla perchè è caduto sul retro" uso le salviettine igenizzate specifiche. ce ne sono di tutti i marchi. le chicco sono vendute in scatoline da 20 bustine monosalviette.
    Duccio lo sterilizzaciuccio è stato il regalo che più ho amato. lo volevo ma il Padre innamorato lo riteneva inutile. dopo la nascita si Splendore se uscivamo senza tornava indietro a prenderlo!!!! è comodissimo, avevo l'abitudine di tenere due batteria di scorta nella borsa, in caso finissero! infili il ciuccio, chiudi e spingi, tempo pochi minuti era pronto! magnifico!!!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...