5.12.12

ITA Maternity Splatter I



In questi giorni fioccano i nuovi nati intorno a me: chiaccherando con le amiche bismamme come me che si godono questa seconda chance con un'attitudine parecchio rilassata, e' nata l'idea di fare outing su tutte quelle cose che pensi succedano solo a te, per far coraggio alle neomamme, tutte prese dall'ansia e dall'arte di imparare :-)

L'elenco e' in progress, attendo volentieri i vostri contributi di vita vissuta :-D


Piccoli petomani: no, non e' solo tuo figlio che lancia dei siluri che non temerebbero alcuno scudo spaziale.
In base alle leggi di Murphy applicate alla neonatologia, ogni rumorosissima puzzolentissima scoreggia giungera' sempre nel momento in cui sei circodata dal piu' alto numero di persone nel luogo piu' ristretto possibile (in particolare e' risaputo che un tremesenne non sa contenersi in ascensore). Stesso discorso per i
rutti, che pero' avranno sempre la massima potenza di gettata solo quando avrai fatto lo sforzo di vestirti carina e lavarti i capelli.

La fontana magica: ovvero, quell'unica volta che ci impieghi un secondo di piu' ad effettuare il cambio perche' il pacco dei pannolini e' nuovo da aprire, si attiva la fontanella magica (magica nel senso che in un getto solo giunge su fasciatoio, vestiti, parete, pavimento e tappetino del bagno), anche se l'aveva appena finita di fare un secondo prima nel pannolino vecchio.

L'attesa dei denti : dal terzo mese in  poi la risposta universale di parenti amici e benefattori per giustificare qualsiasi comportamento anormale, febbre, eruzione cutanea, disturbo del sonno, cagotto e quant'altro diventa Eh, stara' mettendo i denti. Cosi' una madre, dopo aver atteso 9 mesi il proprio pargolo, si mette ad aspettare i denti, pensando che sara' una questione di poche ore. Passeranno giorni, settimane, mesi pure un anno, prima che i denti spuntino davvero, nel frattempo il bambino dovra' affrontare una detox da dentinale o camilia assunti in quantita' cavalline nella speranza di alleviare i disturbi del sonno dovuti all'arrivo, imminente negli ultimi 10 mesi, dei denti.

La catapulta infernale: un bel giorno, dopo aver caricato come al solito di sacchi sacchetti e sacchettini il passeggino con dentro la creatura, proprio mentre sei in un negozio affollato di vecchiette acide, ti allontanti di mezzo metro per prendere un prodotto dallo scaffale e ...booom! il passeggino cade all'indietro, con un tonfo micidiale seguito urla (le tue, di panico, perche' la creatura dorme come prima e non si e' accorta di nulla). Paghi e scappi via sotto lo sguardo di disapprovazione delle vecchiette acide e non sai che
succedera' molte altre volte, ma la prima catapulta non si scorda mai

La cacca vermicella: dal ritorno dal'ospedale, inizia il percorso di formazione che porta ogni  madre ad acquisire un dottorato in caccologia, perche' lo studio del numero, quantita', colore e forma dei prodotti solidi della creatura sono essenziali per giudicarne la salute. Tutto va piu' o meno bene (lo stomaco si rinforza e passati i primi tempi una madre non teme piu' di vedere e di annusare nulla) finche' un bel giorno nel pannolino ti sembra di vedere dei vermettini...e ci metti un po' a collegare che quelli sono i resti del primo mandarino mangiato con gioia il giorno prima.

16 comments:

  1. Ah carino! Catapulta magica mai avvenuta, con nessuna delle due. Invece una fontana magica (ma non di pipì) sì.... ho rimpianto gli occhialoni di Skully.

    ReplyDelete
    Replies
    1. io conosco una mamma che si metteva la maschera per fare snowboard i primi tempi che cambiava il pargolo, che aveva paura della fontana magica negli occhi...

      Delete
  2. ce l'ho, ce l'ho! la piccola petomane e anche la fontana magica. il dottorato in caccologia lo sto conseguendo un po' a rilento visto che abbiamo iniziato lo svezzamento da poco...ieri le prime carotine arancione vivo nella cacchina ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. mi ricordo il primo stupore quando le diedi broccoli a pranzo e carote e patate la sera e usci' la cacca a strisce colorate in ordine di ingresso :-D

      Delete
  3. ah, mi hai fatto tornare in mente l'orgoglio materno alla prima cacca da latte. sai com'è, quella specie di cacca catramata che è il meconio non è proprio il massimo XD

    ReplyDelete
  4. ok, tralasciando la catapulta ho spuntato tutti i tuoi punti!!!

    mi presento, è la prima volta che commento, sono Valentina e ho una figlia sedicimesenne che si chiama Elisa Vittoria, un marito, detto Moe, un cane bellissimo e sono amabilmente disoccupata. amabilmente nel senso che ancora non ho amabilmente picchiato nessuno. voglio. andare . a . lavorare. ma qui dove vivo io non c'è lavoro. e il mio cervello soffre.
    comunque. avrei un punto da proporre.
    L'AMICA ESPERTISSIMA
    tutte, neomamme o no, abbiamo un'amica espertissima. se non hai figli sicuramente saprà fare i lavori in casa meglio di te, dipingendo pareti, cucinando pranzi da gourmet, ordinando gli armadi in ordine cromatico. per ogni occasione avrà sempre la mise giusta, i capelli in ordine e sarà, sempre e comunque, un filo truccata. si intenderà di arredamneto, moda e bricolage. ovviamente fà anche decupage. il tutto, senza sforzo e con un sorriso prontissimo, bianchissimo, verissimo. una Bree Van de Kamp di Desperate Housewife,ma amica tua.
    casa tua è in ordine. ma un po meno. gli armadi, be, hanno le ante per chiudere, no? coosa e come è dentro, non importa. quando ti senti carina, vestita e pettinata di tutto punto comunque ti sentirai un piccione scolorito al confronto. il tuo lucidalabbra avrà la muffa. non parliamo del mascara.
    se si ha figli i suoi saranno sicuramente quelli con i capelli in ordine e i gilet bianchi immacolati, mentre la tua sarà sempre con i capelli in corso d'opera, artistici, diciamo. i suoi saranno sempre quelli che richiedono nella vecchia fattoria imitando i versi degli animali a tempo di musica. la tua chiederà Britney Spears (mmm... forse questo non è un male, dopotutto. evita i viaggi da 1000km con Cristina d'Avena e il pulcino pio come unico sottofondo...). i suoi figli saranno curati con cure naturali. tu, madre degenere dai la tanto odiata tachipirina. non parliamo di antibiotici e vaccini. madre vaccinatrice senza anima. i suoi figli starannos eduti ordinati nei loro passeggini lindi. la tua scalpiterà per scendere e, omammamia! cos'è quella macchia sulla cappottina panna del passeggino????

    be. io ho un'amica così. non lo fa apposta. è che c'è chi ha come dote naturale quella di apparire ordinata e sempre pronta alle situazioni e chi, come dote ha quella di prendere la vita così come viene. cioè, sono obbligata. o così o passo la vita a sentirmi inadeguata.

    ecco, neomamme ignare di cosa vi capiterà. vi sentirete inadeguate, qualche volta. ma guardate i vostri figli nel viso. se vi sorridono, ok. non siete inadeguate, perchè l'unica cosa che conta davvero nel mondo vi sta dichiarando amore. l'adueguatezza a volte è alta meno di un metro e non ha denti.

    ReplyDelete
    Replies
    1. ciao vale...che incubo l'amica mamma perfetta!!!!! ma fa tutto da se' oppure riesce a mantenere il bianco che piu' bianco non si puo' perche' a casa c ha l'esercito di supporto? (suocera o mamma cucinanti, donna delle pulizie, baby sitter, asilo etc?) no perche' se ci riesce facendo pero' tutto il resto da sola, allora e' davvero aliena!

      Delete
    2. oddio, lei è sola. suocera e mamma lavoranti. ma anche quando ci sarebbe l'aiuto comunque preferisce fare da se. credo sia perchè vuole dimostrare di farcela da sola. solo che vedo le differenze. NOn esiste, per lei lasciare l'erede a nessuno se non per motivi vitali. tipo che per andare dal parrucchiere ha dovuto calcolare a che ora metterlo a dormire in modo da scappare via di corsa per tornare quando ancora dormiva. ma non esiste una cena da coppia. la cena d'anniversario si sono portati dietro erede. non perchè necessità era imposta (capisco che per voi lontani da chiunque è obbligo portare Viatrix e Meraviglia, ma lei aveva uno stuolo di persone pronte a tenere erede, un po anche per regalo anniversario, un po per farli ritrovare...) ma perchè non esiste al mondo lasciarlo. io cedo volentieri due ore la bambina a chiunque sia abbastranza affidabile e che lo Splendore conosca bene, in modo da rilassarmi o semplicemente andare a comprare un carrello di casse d'acqua senza passare dalla fornaia a prendere il cornino di pane, prendere su giocociuccioacquacambiopannolino. o, perchè no, concedermi di andare dal parrucchiere per lavarmi i capelli indomabili. o anche concererci un cinemino io e il Padre innamorato. penso che faccia bene, a me in primis e allo Splendore poi. lei capisce che mamma torna, torna sempre e in più comprende che esiste un mondo fuori da me che può essere comodo e familiare anche senza la mia cosante presenza. metti poi che in un futuro vicino rovi lavoro...vuoi mettere non avere il pensiero di come sta lei a casa senza me???
      ma io trovo normale farlo, madre degenere che non sono altro. lei è l'amica perfettissima che fa tutto con erede dietro. ma il tutto vuol dire parco/merendate/giochi/visite ad altri bambini. per me vuol dire anche, ogni 6 mesi, meches, taglio e piega!

      Delete
  5. E la vomitata sulla spalla dove la lasciamo?
    La catapulta infernale e' stata la mia specialita', seguita dal dottorato in caccologia (dottore, mio figlio deve avere l'intestino piu' corto del normale, nella sua cacca aveva pezzetti interi di carote lesse, e' pericoloso?)

    ReplyDelete
    Replies
    1. la vomitata poi di solito sul maglioncino di angora o qualsiasi altro tessuto difficile da lavare, no :-D?
      io nella catapulta infernale ci casco regolarmente ormai ogni due mesi, perche' siccome la viatrix pesa tanto sopravvaluto sempre la tenuta..l ultima volta un mese fa: tornavo dal mercato e non so quanti kg di frutta e verdura avevo appeso sul passeggino, per fortuna le 12 uova nel cestino del passeggino sotto il suo sedere non si sono rotte!

      Delete
  6. io non solo ce l'ho tutte, ma sto anche trasmettendo il dottorato in caccologia alla figlia grande, che scruta pensosa le cacche della piccola. non solo, oggi essendo malatina, dopo che ha fatto la cacca (ormai da sola ovviamente), le ho chiesto "ma com'era sta cacca? non è che hai la diarrea?" e lei mi ha risposto "era un po' molle ma a pezzi, solo il colore era un po' sul verdino". non so se andarne orgogliosa o meno.

    ReplyDelete
    Replies
    1. ahhaha applausi!
      quando il senator cambia le bimbe e osserva colori e forme diversi da cio' che lui considera normale, mi chiama Valeeeee vieni a vedere e pende dalle mie labbra mentre espongo la diagnosi (carne, frutta, verdura, carta, salvietta umidificata, giornale..): e' l'unico campo in cui mi considera superiore a lui :-D

      Delete
  7. Hahahaha fantastico post!! Per ora ho solo la petomane, ma grazie per questo bignami di neonatologia applicata. Intanto ho messo il bookmark alla catapulta e ai vermetti :D

    ReplyDelete
  8. ...e del mecomio ne vogliamo parlare? Credo sia il primo vero momento di crisi di un neo papà!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...