21.2.13

Confessions of a sleep deprived mother II: Resurrection

Vi ricordate questo post?
Vi ringrazio per tutti i commenti e  le mails private, sono arrivate pacche di incoraggiamento, abbracci di consolazione ma anche suggerimenti nuovi. Uno in particolare: l'osteopatia.
Con le ultime forze rimaste ho cercato su google un professionista in zona, trovando il sito web di una dottoressa osteopata che ricordero' nei prossimi cinquant'anni per aver significativamente inciso nella mia vita.
Si.
Ha funzionato
Dopo aver provato tutti i metodi, tutte le routines,  tutti gli sciroppi erboristici , omeopatici, fiori di bach, melatonina ed aver sempre avuto risultati minimi o comunque discontinui, vi scrivo dopo 17 notti di sonno decente, a 17 giorni dalla prima seduta.
Pare che se il bambino nel ventre materno o durante un travaglio lungo oltre le sei ore soffra in modo
particolare delle compressioni craniche, queste creino dei "blocchi", tali da rendere piu' difficile il naturale funzionamento del sistema neuro vegetativo. Su questo sito ci sono piu' informazioni a riguardo.
In parole povere, nel caso della Viatrix, che e' stata estratta con cesareo d'anticipo perche' stava per traverso a gambe incrociate e la testa cosi' schiacciata da nascere col cranio appiattito a destra, questa malformazione esteticamente rientrata nelle prime settimane, ha lasciato invece il segno sulla sua capacita' di addormentarsi: la dottoressa mi ha spiegato che il cervello per rallentare il corpo invia il segnale di produrre un micro moto oscillatorio (come dire no- no) della testa, ma che questa oscillazione nel caso della Viatrix era bloccata da destra a sinistra e per questo la sera pur avendo tantissimo sonno non riusciva ad abbandonarsi, diventano conseguentemente nervosa e perfino isterica, oppure iniziando a fare il movimento opposto (come dire si-si) che ha l'effetto di eccitare e svegliare al massimo.
La dottoressa mi ha anche detto subito che mentre fino a sei mesi le ossa sono morbide per cui sbloccare e' semplicissimo, avrei dovuto aver la pazienza di attendere fino a tre sessioni per constatare miglioramenti.
La prima sessione e' iniziata con un check up, la dottoressa tramite massaggi e digitopressioni delicatissime ha controllato tutta la bambina, concentrandosi poi sulla testa e sulla zona del ventre, chiedendomi se avesse sofferto di coliche (hai voglia, tre mesi indimenticabili). Gia' dalla prima sera, al momento in cui ha iniziato a strofinarsi gli occhi, l'ho portata nel letto e anziche' iniziare il solito balletto mi addormento anzi no, ora scendo, grido, cado, corro, latte, ciuccio, ridormo, mi rialzo etc, dopo 10 minuti russava come un trattorino.
In pratica i miglioramenti che ho notato fin da subito e costantemente ogni sera sono:
- dopo cena e bagnetto, non cerca attivita' "eccitanti", correndo su e giu' come un'indemoniata, ma piuttosto disegna sulla lavagnetta, sfoglia i suoi libretti. Se la porto nel letto, gioca tranquillamente li' sopra con queste cose, senza aver voglia di scendere.
- se non fa il riposino o lo fa prima delle 15, per le 20 e' gia' sotto il piumone. Quando invece va male si addormenta per le 21.30. Insomma una pacchia, rispetto a prima.
- al momento in cui i segnali di stanchezza sono equivocabili, spengo le luci, le do ciuccio, bambola e biberon di latte e nel giro di 5-20 minuti dorme. Senza neanche berlo tutto il biberon.
-la notte si sveglia 1 volta sola per il nuovo bidone di latte, verso le due, ma anziche' gridare come una forsennata, chiama gentilmente oppure arriva direttamente accanto a me e mi sveglia dicendo sottovoce, mamma, latte!
Di conseguenza durante il giorno e' assai meno nervosa e capricciosa.
Di conseguenza io sto recuperando anni luce di vita, la notte riposo di piu' e di giorno sono anche piu' tranquilla e paziente. Non ho gia' piu' le emicranie, il senso di svenire, le stelline negli occhi. Conto di recuperare vista e forze al piu' presto.
Se penso a tutti i medici e pediatri consultati negli ultimi 28 mesi di vita a cui ho raccontato i problemi di sonno viatriciani e nessuno, nessuno che se ne fosse uscito col consiglio osteopatico!
Abbiamo fatto una seconda sessione e la prossima settimana ce ne sara' una terza, che dovrebbe essere definitiva, anche se cerchero' un osteopata a Varsavia, nel caso ci fosse nuovamente bisogno.

Anche se Meraviglia non ha grossi problemi di sonno o di coliche, avendo meno di sei mesi l'ho portata a controllare, ha trovato dei blocchi minori dovuti alla ventosa ma mi ha rassicurato che gia' nell'ambito di quella stessa sessione e' stato tutto sistemato.
Domani ci vado io, che a questo punto voglio vedere se aggiusta pure me e tutti i miei doloretti da madre sherpa.
Ma se anche non ci riuscisse, solo per aver sistemato il sonno di mia figlia, e' tra le mie 5 persone preferite di sempre!

ps, non so le tariffe italiche, qua una sessione di circa 45-60 minuti costa 50 euro con fattura.



10 comments:

  1. se entro questa settimana non risolvo con Mile, ne cerco uno pure io!!!

    ReplyDelete
  2. Evviva gli osteopati: se sono bravi possono davvero cambiarti la vita! Noi stiamo pensando di pagare il viaggio al nostro da Treviso...

    ReplyDelete
  3. Mi sa che ci vado pure io dall'osteopata e ci porto pure mia madre!

    ReplyDelete
  4. Nella mia ignoranza di medico "tradizionale" mi sono informata sull'osteopatia pediatrica dopo il tuo spunto...ho cercato dei corsi, sono molto lunghi, 4 anni, e anche molto costosi, circa 6000 euro l'anno, quindi sicuramente chi esegue questa professione è un tecnico altamente formato e motivato...per gli adulti in Sicilia la prima seduta costa sui 100 euro, le successive, 30-50, e a mia madre e al mio fidanzato hanno risolto dei mal di schiena cronici su cui non funzionava nessuna terapia "tradizionale"...la Francia è un pò la patria dell'osteopatia, e in generale le medicine complementari sono più "familiari" e alcune addirittura rimborsate dal servizio sanitario nazionale. D'ora in poi la consiglierò ai genitori disperati che mi chiedono consiglio! Grazie Vale!

    ReplyDelete
  5. benissimo! sono molto contenta!
    ma.. ancora ciuccio e biberon? :-/
    io pensavo di togliergli il biberon entro i 16 mesi :-/

    ReplyDelete
  6. @marica, il ciuccio lo usa principalmente di notte per addormentarsi, di giorno ormai sempre di meno, anche se e' tornato di moda dopo la nascita di Meraviglia...io non mi sento di forzarla ad abbandonarlo, alla fine sui ciucci che compro della mamma c'e' scritto 16-36 mesi, quindi la viatrix non sara' l'ultima dei bambini ha perdere l'abitudine ad usarlo. Per esempio Meraviglia non sembra particolarmente interessata, io lo metto a disposizione ma non forzo ne l'uso ne il disuso.. Per le bevute di latte notturno preferisco i biberon alle sipping cups perche' anche se in teoria anche le seconde sono antirovesciamento, spesso si e' bagnata tutte le coperte!

    ReplyDelete
  7. ciucci della mam, non della mamma :-D

    ReplyDelete
  8. mi rincuori, perche' ultimamente mi sento sempre solo dire "ma come, ancora il biberon????"

    .... diamo tempo al tempo...

    ReplyDelete
  9. poi sai alla fine tutto sto comparare a che eta' cammina parla denti ciuccio spannolinamento etc secondo me e' proprio una attivita' che alcune persone prendono come missione divina per stressare il prossimo e anche auto stressarsi, se ci si pensa seriamente un attimo, che differenza fanno 2 6 o 12 mesi nell'arco di una vita? non e' che quando andiamo all universita' ci chiedono a che eta' abbiamo smesso il ciuccio o siam passate al vasino :-)

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...