2.2.13

Once an expat, always an expat

Mazel tov! Il dado e' tratto, dopo un finale combattuto fino all'ultimo con Parigi, il nostro prossimo geografico destino ha preso le coordinate latitudine -longitudine di..Varsavia!
La transizione avverra' con parecchia calma, anzi, l'idea di avere quattro mesi anziche' quattro giorni per impacchettare la nostra vita e spostarla da un' altra parte la rende quasi irreale, rispetto al nostro tradizionale modo operativo: veloce e faticosissimo!



Per la prima volta saro' expat in un luogo che conosco gia' abbastanza, non saro' completamente spersa con la piantina tenuta a testa in giu' senza saperlo.
Per la prima volta saro' expat in un luogo del quale non parlo la lingua,  ci sara' da impararla.
Per la prima volta saro' l'unica expat della nostra coppia: finora e' successo che il Senator vivesse in Italia o che entrambi fossimo insieme stranieri altrove.
Ma la verita' e' che once an expat, always an expat, e quindi non mi preoccupo piu' che tanto.
Mi appresto a questo nuovo capitolo con lo stesso spirito del precedente: non sapendo quanti anni passeremo lassu', ma sapendo che saranno comunque un tempo limitato, cerchero' di stare a mollo il piu' possibile nel bicchiere mezzo pieno :-)
E sono contenta, perche' la tarda primavera e' il periodo piu' bello a Varsavia: la citta' e' calda senza essere bollita, scoppia del verde dei suoi parchi e quindi sara' bello cominciare da quel momento (anziche' dall'inverno, tanto per non girarci troppo intorno)

13 comments:

  1. ma ceh bello e che bell'atteggiamento! Allora in bocca al lupo per la nuova avventura!

    ReplyDelete
  2. Complimenti! Sei veramente coraggiosa e in gamba!

    ReplyDelete
  3. altro giro, altra corsa! in bocca al lupo ;)

    ReplyDelete
  4. Ci ho messo un po' a capire perche' saresti stata l'unica expat :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. ho sempre dato per scontato che l'orbeterraqueo sapesse di che nazionalita' e' il passaporto del senator :-)

      Delete
  5. acc, noi si tifava forte per la citta' lumiere. A chi le preparo ora le coquilles st Jacques? :S

    ReplyDelete
    Replies
    1. a parte che puo' darsi tu me le possa fare tra 10 giorni...ma nel caso al piu' tardi passero' da li' a marzo, noi praticamente da marzo a novembre ogni due mesi 1 passaggino su paris lo facevamo sempre, abbiamo smesso con la panzona galattica ma ricominceremo...e poi se c'e' una cosa che non voglio perdere e' vederci con 4 pargole a fare i gradini della metro :-D
      prossima settimana ti scrivo un papiro sulle mie prime osservazioni di sei mesi di sorellanza...(ho letto il tuo commento da Alice :-)

      Delete
    2. dai dai, facci sapere quando venite. E qualsiasi insight sulla sorellanza prima e dopo è più che benvenuta. Per il momento qualcuno qua hq imparato a far delle grandi pernacchie sulla mia pancia...

      Delete
  6. Super!!! Ma certo che continuerò a seguirvi! In bocca al lupo, ciao ciao.

    ReplyDelete
  7. Che bello, ora imparerai una nuova lingua e aprirai nuovi orizzonti!

    ReplyDelete
  8. davvero bello, soprattutto lo sarà per i tuoi figli! stai facendo loro un grosso regalo

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...