14.3.13

Di festicciole e papi

- 11.
Vorrei gustarmi questi ultimi giorni contemplando le montagne e godendomi l'ultima acqua di Evian dal rubinetto di casa, l'ultimo Bordeaux blanc, l'ultimo tramonto dal terrazzo etc, invece mi rompo talmente tanto i coglioni con le manovre di rescissione contrattuale di assicurazione, internet, banca etc che non vedo l'ora di non avere mai piu' a che fare con queste Sandrine e Catherine e Sabine varie che non capiscono che no, se uno va all estero non ce l ha piu un indirizzo in Francia dove mandare un assegno di rimborso tra un tempo x compreso tra 2 e 4 mesi.

Ieri sera qui c'e' stato il farewell party coi colleghi, che poi alla fine un sacco di  colleghi che avrei voluto salutare non ho fatto in tempo perche' sono via per lavoro mentre lui e' qui o erano qui mentre lui era via per lavoro, ma quelle poche ma buone persone trovate in questi quasi cinque anni qui, c'erano e l'importante e' quello.
Ho deciso  di fare la francese: molta apparenza di piattini, piatti e tovagliolini di carta tutti coordinati turchese e arancioni, le posate vere,  i bicchieri di plastica pure essi ma trasparenti arancioni, non quelli bianchi da macchinetta automatica, e poi ho tirato fuori tutte le scodelle e i vassoietti di ceramica colorata varia per i pistacchi, le olive farcite, i cetriolini, il salame, la coppa, le tartine di formaggio di capra al pepe, al peperoncino, con le acciughe, le salsine per i nachos e i nachos medesimi. Due paste fatte al momento, farfalle col pesto (sugo barilla, sapete com'e', ho due figlie sa badare) e penne all'amatriciana (sugo fatto da me, sono pur sempre italiana, un tocco di vero ci doveva essere).
Torta al cioccolato buonissima e super veloce:
INGREDIENTI
- avere nella lista degli invitati una ragazza che fa le torte
- pregare  tutti i Santi che ti chieda cosa puo' portare
- chiedere che ti porti una torta
- ringraziarla e offrirla a tutti i presenti menzionando l'artefice.
Gia' cosi', che si trattava al 90%  di roba pronta da tirare fuori dalle confezioni ai piatti di portata, le bibite da mettere in frigo in modo accessibile agli invitati e gli alcolici in bella mostra sul ripiano della cucina, alle 18 ero cotta.
Il Senator si e' palesato con un po' di anticipo, dandomi agio di fare una doccia senza strepiti (intratteneva lui le double ice) con decementificazione dei capelli inclusa.
Ho pure messo il tubino di Wendy, e mi stava bene.
Poi Meraviglia ha rigurgitato modello Dragone e quindi ho messo un altro abitino, meno figo, pazienza.
Nel mentre che aspettavamo i nostri ospiti, e' arrivata la notizia della fumata bianca, ma non abbiamo visto l'affaccio in diretta perche' nel frattempo il campanello ha iniziato a suonare di continuo.
Ed' e' cosi' che ricordero' l'habemus di questo papa: visto oggi su youtube mentre pulisco la pentola dal pochino di sugo all'amatriciana  rimasto incollato.

No comments:

Post a Comment

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...