24.4.13

10 lezioni di polacco dopo

Chopin e il Palazzo della Cultura sono due delle glorie piu' significative di Varsavia

Ovviamente sono ancora ben lontana dal momento in cui si inizia davvero a parlare una lingua (ovvero si inizia a pensare in quella lingua, anziche' tradurre a velocita' bradipo dalla propria), pero' ora sono in grado di sfoderare un mini repertorio di frasi e cerco ogni opportunita' per ripeterle a qualcuno in modo da non dimenticarle ed esercitarmi a pronunciare.Siccome con tutti i miei amici parlo inglese e la popolazione sotto i 40 un po' di inglese lo mastica, la mia fonte di esercizio quotidiano e' rappresentata da:
- le vecchie acide, quelle che mi dicono che la bambina dorme sbilenca e le viene il collo storto, la bambina sta nel marsupio e le vengono le gambe storte, la bambina usa il ciuccio e gli vengono i denti storti, la bambina ha i capelli davanti agli occhi e gli vengono gli occhi storti etc etc.
(parlo poco polacco, sto studiando la lingua. la bambina dorme bene quindi vuol dire che va bene cosi. la bambina e' molto felice di stare vicino alla mamma, la bambina e' serena quando ha il ciuccio. la bambina e' contenta cosi'.Al bisogno, non sono affari suoi o eventuali parolacce rafforzative)
- le signore e i signori di mezza eta' che si interneriscono e chiedono se sono maschi o femmine, anni, nomi etc.
(parlo poco polacco, sto studiando la lingua.  sono due bambine, si chiamano beatrice e alice, hanno due anni e mezzo e 8 mesi, sono meta' polacche e meta' italiane)
- la gioventu' che mi offre il posto a sedere o mi sale o scende alternativamente il passeggino o la figlia grande (grazie, prego, si figuri, non c'e' di che, ah lei e' straniera? si sono italiana vivo a Varsavia da un mese, dopodiche' passano all'inglese)
Tutta questa gente la trovo sull'autobus e sul tram, che prendo quasi tutti i giorni per andare a trovare qualche amica o per recarmi nell'altro luogo dove pratico le mie velleita' linguistiche: il mercato.
Finalmente ho imparato a capire i numeri percio' non pago piu' qualsiasi cosa con banconote da 50 zloty, sperando siano sufficienti e ritrovandomi sempre un quintale di resto in moneta. Il mio vocabolario ortofrutticolo e' gia' buono, mentre sono scarsissima sulla carne anche perche' qua i tagli sono tutti diversi dai nostri, cosi' spesso spero di comprare scaloppine e mi ritrovo fettine di carne buona per lo spezzatino.
Infine la mia terza palestra linguistica quotidiana sono le aree gioco dei parchi dove porto la Viatrix a razzolare: i bambini trovano molto divertente che io sia grande e non sia capace a parlare bene come loro e fanno esattamente le domande del mio eserciziario:
- come ti chiami?
- quanti anni hai?
- di dove sei?
- dove vivi?
-  come si chiama tua figlia?
e cosi' via. Io con gioia penso questa la so! la so! e profferisco per la centocinquantesima volta della giornata la pappardella: Mi chiamo Valentina, ho 33 anni, sono Italiana etc etc. ad un pubblico di quattroenni incuriositi.
Altra novita', sono in grado di leggere, nel senso che ovviamente non capisco molto di quello che leggo, ma almeno capisco come va pronunciato: continuo a camminare ripetendo a voce alta tutti i cartelli, insegne, avvisi e mi congratulo quando mi ricordo cosa vuol dire quel che leggo o quantomeno capisco dal contesto cosa significa. Ma il momento celebrativo maximo e' quando colgo un fil rouge tra parole diverse. Ieri ho avuto un'epifania del genere:  il caffe' puo' essere di dimensione media średniej, il quartiere centrale della citta' si chiama środmiescie e mercoledi' si dice środa. Mi sono sentita regina dell'etimo per due minuti buoni. Oggi ne ho avuta un'altra ma al contrario: ero sull'autobus e cercavo di tenere ferma la Viatrix che voleva fare il Cirque du soleil  con le sbarre del mezzo e le ho detto con voce sostenuta Bea tienti per bene che tra poco l'autobus fa la curva!
curva, urva, urva.  
Ho sentito l'eco di quello che dicevo, mentre un po' di volti si sono girati con espressione stupita verso di me,avevo la netta sensazione che  le mie guance fossero diventate bollenti e rossissime.
D'altronde che dovrei dire? Bea l'autobus si inarca? Bea l'autobus gira di 45 gradi?
Venerdi' sera, intanto che il Senator e' per lavoro in un isoletta nel didietro del mondo, arrivano i tesciowi, ovvero i miei suoceri (sabato gia' mi vedo a consegnargli le nipoti per ruzzolarle al parco giochi e fiondarmi a fare ilbagnonellavasca con lamascherapericapelli e asciugareicapellimedesimicolphon). Non avremo figli interpreti da sfruttare e quindi dovremo basarci sul loro inglese e sul mio polacco...temo il momento ma so che se voglio farcela devo vincere l'imbarazzo di parlare con conosciuti cosi' come riesco a lanciarmi con gli estranei!

14 comments:

  1. Brava! Ti ammiro sempre più! Devo avertelo già scritto in altra occasione, ma è sempre più anche di allora, chiaro? :)
    Mila

    ReplyDelete
  2. Čestitke per tutti i tuoi progressi ... Che intanto in polacco la parola sarà simile! Brava, che costanza! Belli i dialoghetti con i bimbi di 4 anni. Era quello che succedeva a me a scuola in Slovenia coi piccoli, che si sorprendevano tantissimo del fatto che io non sapessi parlare oltre quelle 10 frasi iniziali!

    ReplyDelete
    Replies
    1. mmh in polacco e' Gratulacje...non so lo sloveno, ma qui direi che la meta' delle parole sono di origine latina o francese

      Delete
  3. aaaahhh quella della curva l'ho capita pure io, mi sarebbe piaciuto vederti :)
    in quanto a lingue e bimbi io quando recupero Ceci ed è nella classe dei 3enni mi becco tutti i bimbi che mi chiedono ' ma pourquoi tu lui dis ca?' perchè le parlo in italiano, e poi hai voglia a intavolare sto discorso con un 3enne. A momenti pensano non sia io la vera mamma :s

    ReplyDelete
    Replies
    1. come tu ben sai io una fan totale dell'attitudine alla figliolanza francese...ma se hanno un difetto loro e' quello che fin dalla piu' tenera eta' non riescono a concepire perche' qualcuno dovrebbe parlare qualsiasi altra lingua nel mondo quando ha la benedizione divina di poter parlare francese :-D Nessuno mi ha mai rotto su ciucci, pannolini, teste penzoloni, ma ricordo le migliaia di sguardi sbalorditi quando gli dicevamo che nessuno parlava alla bambina in francese MAIS POURQUOI?????
      detto cio', ieri un francese mi ha fermato chiedendomi in inglese smozzicato se sapevo se il parcheggio era a pagamento,io ho letto le istruzioni in polacco (ebbene si, capisco le istruzioni del parchimetro ahahah) e l'ho rassicurato che apres 18heures c'est gratuit, appena mi ha sentito rispondergli in francese si e' illuminato di gioia mariannesca come l'intera tour eiffel a capodanno :-D !
      sara' tornato dai suoi amici dicendo: hey la polacca con i due bambini a cui ho chiesto del parcheggio parlava francese con un accento buffissimo!

      Delete
  4. Non è facile per niente. E x chi come me, mastica anche poco inglese, sarebbe un vero dramma comunicativo.

    ReplyDelete
    Replies
    1. non e' facile ma io credo molto nel concetto di 'far di necessita' virtu' e nel fatto che nel nostro cervello c'e' molto ma molto piu' potenziale di quello che sfruttiamo. ci sono milioni di emigranti nel mondo che non hanno nemmeno la licenza elementare eppure di lingue ne hanno imparate per necessita' tante...se uno ha bisogno davvero di comunicare, la lampadina del settore "lingue" nel cervello si accende. Moky ho visto il tuo blog, sei fortissima :-)

      Delete
  5. tantissime congratulazioni valentina, non è da tutti trovare il coraggio davanti a una lingua che mette tutti quegli accenti sulle parole!! ho raccontato del tuo blog a una mia amica di lublin che vive qui, chissà che non si riesca a fare un tour della polonia prossimamente!

    ReplyDelete
    Replies
    1. nel caso fammi sapere, mi farebbe piacere incontrarti di persona!

      Delete
  6. Bravissima! Anche io quando abitavo in Corea leggevo tutte le insegne e i cartelloni stradali pur non capendone il significato, solo per la pronuncia.

    ReplyDelete
    Replies
    1. sai leggere il coreano? noooo ma devi raccontare!!! Io a Pechino andavo in giro con penna e bloc notes e disegnavo per spiegarmi!

      Delete
  7. Ahah..... quella della curva è fantastica. Accadde anche a me.... ma al ristorante.
    Buona giornata

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...