13.6.13

Spigolature Varsaviesi Nuova Serie


Bonjour, Muchas Gracias, Adeus, Ciao
Quando mi sentono parlare con le bimbe, molti fanno uno sforzo di comunicazione oltre l'inglese e mi si rivolgono indistintamente in francese, spagnolo, portoghese o italiano.
Mi ricorda quando sentendo polacco, slovacco, ceco, sloveno, estone, lituano, lettone, bulgaro, albanese,
croato, serbo e russo MI PAREVA TUTTO UGUALE.


Ma lei non sembra italiana: ha gli occhi azzurri e non ha i baffi.
(che gia' la parola polacca per Italiano e' una derivata di Wlos, capelli)
Della serie siamo sempre i terroni di qualcun'altro, io sto ai polacchi, come le messicane a Tiziano Ferro.

La mia cucina ha tre ripiani in croce per la dispensa, ma  Amore, tanto qui i negozi sono sempre aperti, sette giorni su sette, non c'e' bisogno di fare grandi scorte come prima che alle 18 del sabato chiudeva il mondo mondiale e potevi morire di fame o pagare una pizza d'asporto sedici euro (ma prima delle 21 che poi chiudeva anche quella e restava chiusa fino a martedi')
Tutto aperto tranne alle feste comandate a sorpresa, quelle che io expat dalla terra laicofrancese e svizzerocalvinista non so che esistono: ho celebrato Corpus Domini con pranzo e cena davvero espiatori: brodo fatto col dado e tonno  in scatola, anche le bimbe. E nemmeno tu ti ricordavi che era festa,perche'quel giorno eri via per lavoro anziche' in ferie a casina tua.

Bunga Bunga (Ah italiana? Bunga Bunga! Ma allora Bunga Bunga? Come sta Bunga Bunga?Beati voi che ci avete il Bunga Bunga!  Poveri voi che ci avete il Bunga Bunga!)
Ovvero l'incubo di due parole, 10 lettere, di ogni expat con passaporto della Repubblica Italiana in tutto il mondo.
Pero' siccome i polacchi sono in media parecchio studiati (non so fuori da Varsavia, ma qui chiunque parla almeno due lingue straniere (anche gli anziani: russo e ceco o russo e tedesco o russo e francese) e suona almeno due strumenti musicali, pure la mia illustrissima portinaia) gia' tre persone per consolarmi mi hanno detto che Bunga in Indonesiano vuol dire Fiore, e che in indonesiano per fare il plurale delle parole, le ripetono due volte, quindi Bunga Bunga non e' altro che Fiore Fiore a Jakarta.


 Ps, sono passati 15 mesi da questo Spigolature Varsaviesi: le mamme e le vecchie continuano a rompermi i coglioni sulla mancanza di scarpe ai piedi delle mie figlie sedute nel passeggino o nell'Ergo quando ci sono solo 28 gradi,  gli amici  continuano a invitarci a mangiare qualsiasi cosa a qualsiasi ora, ma la maggioranza dei sottopassaggi e' stata dotata di montacarichi riservati alle mamme coi passeggini, la gran parte dei tram e degli autobus e' stata sostituita: nuovi tram ad accesso diretto senza scalino, le porte dei nuovi autobus riservate ai passeggini sono le centrali perche' salendo vi e' lo spazio per 3 passeggini o 2 passeggini e una sedia a rotelle.
E quando mi avvicino a una salita o a una discesa di scale senza montacarichi, almeno due persone si fermano per chiedermi se voglio una mano. La mia teoria e' che un sacco di polacchi expat degli ultimi dieci anni sono tornati  all'ovile da Londra, Dublino, Parigi etc e si sono portati dietro qualche buona abitudine)








No comments:

Post a Comment

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...