21.6.13

un giro in giro - qualche consiglio per muoversi a Varsavia

Prima uno, poi due, poi tre messaggi alla settimana: se davvero verrete a visitare questa citta' ispirati dal mio blog, dovrei rivendicare all'ufficio turistico della citta' una qualche riduzione per i musei :-)
Siccome il weekend si avvicina e puo' darsi che in molti ne approfittino per organizzarsi le vacanze, lancio da qui un messaggio in bottiglia nel mare di internet per chi cerca "visitare Varsavia"

  • cosa visitare; questo e' il sito turistico ufficiale della citta' di Varsavia, con versione inglese ed e' a mio giudizio davvero il migliore per completezza e semplicita'. E' fatto benissimo, troverete spiegazioni brevi e chiare, con i  link agli specifici siti di musei, gallerie, monumenti, etc, ma anche indicazioni di percorsi a piedi (parchi, strade del centro storico etc), i 10 don't miss della citta', luoghi e divertimenti per bambini e cosi' via. Per sapere gli eventi del giorno (musica, teatro, esposizioni, festival), esiste all'interno del sito la pagina dedicata.
  • il giornale "warsaw insider' (in vendita nei negozi di giornali e libri Empik, ma anche leggibile gratuitamente online,) propone una rassegna dei principali eventi mensili, recensisce la maggior parte dei bar e ristoranti e commenta sulle ultime novita' (negozi, attivita', luoghi) della citta'.
  • per amore di democrazia vi linko anche le 125 cose da fare a Varsavia di Tripadvisor e la versione locale di inyourpocket
  • questi ragazzi organizzano walking tours a pagamento, ma vi sono anche i walking tours gratuiti (anche a cracovia e wroclaw)
  • Soldi: in Polonia si usano gli zloty (codice di valuta: pln), nei negozi non sono accettati gli euro e sparsi in giro troverete piccoli uffici di cambio (si chiamano KANTOR) dove potete scambiare la vostra valuta senza pagare commissioni (il che potrebbe essere vantaggioso se la vostra banca vi fa pagare il prelievo bancomat dall'estero). Attualmente il cambio e' 1 eur = 4,2 pln circa, fate occhio che negli aeroporti il kantor normalmente ha una tariffa molto meno vantaggiosa, quindi conviene cambiare giusto 15 euro appena atterrati per pagare il trasporto fino in centro citta' e poi cambiare successivamente. Ci sono tantissimi bancomat inseriti come sportelli esterni a banche o come macchinette all'interno di centri commerciali e supermercati.
  • Taxi In Polonia non siete obbligati a salire sul primo taxi in cima alla fila, scegliete voi l'auto che preferite: sul finestrino posteriore destro e' affisso il costo della tariffa per km (dai 1,40 ai 2,60 zloty), al quale dovete aggiungere il prezzo della corsa (a Varsavia va dai 6 agli 8 zlt, a seconda della compagnia). 
  • Dall'aeroporto di Varsavia: non prendete mai taxi di autisti che vi si propongono nell'atrio degli arrivi, i taxi legali sono fuori e un paio di impiegati dell'aeroporto col giubbotto catarifrangente vi possono aiutare con indicazioni stradali , per parlare con gli autisti o reperire un auto sufficientemente grossa per voi. In media dall'aeroporto al centro spenderete tra i 7 e i 9 euro. Dall'aeroporto esiste anche un treno ma per il momento ve lo sconsiglio perche' e' parecchio lento e arriva in stazioni non servite da ascensori per trasportare bagagli e passeggini, se avete acquistato il servizio di pulmino unitamente al vostro biglietto aereo (wizzair per esempio lo propone), arriverete nel giro di 20-40 minuti, a seconda del traffico, in centro, vicino alla Stazione Centrale dei treni. Se volete utilizzare i mezzi pubblici, uscendo dall'aeroporto troverete le macchinette automatiche per acquistare i biglietti degli autobus (1 corsa 4,40zlt) (e' anche possibile acquistarli a bordo dal guidatore ma dovete avere i soldi contati perche' non vi danno resto, oppure e' possibile comprarli sul veicolo con carta di credito dal distributore automatico accanto alla validatrice). L'Autobus 175 si prende davanti all'uscita degli arrivi e vi porta in centro citta' (stazione centrale) e nel centro storico (nowy swiat).
  • Trasporti pubblici Se vi interessa fare un biglietto di autobus giornaliero o per tre giorni, sul sito dell'azienda dei trasporti trovate tutte le tariffe nonche' il travel planner per segnarvi il vostro percorso. 
  • Biciclette: anche a Varsavia ci sono le biciclette pubbliche, i primi 20 minuti sono gratuiti, ogni ora costa 1 zloty (penalita' per non ritorno 200 zloty), Potete registrarvi on line per utilizzare le bici oppure registrare la vostra carta di credito al terminal dove noleggiate per la prima volta.Sul sito trovate ovviamente la mappa dei vari luoghi dove potete prendere o lasciare la bicicletta.
  • Battelli sulla Vistola: nei weekend ci sono delle crociere di un'ora e mezzo, in settimana esistono dei piccoli traghetti per 12 passeggeri (piu' 12 biciclette) che vanno e su e giu' tra le due sponde.
  • Lingua; onestamente qualsiasi polacco sotto i 40 anni se non lo parla benissimo, mastica comunque un pochino di inglese e c'e' da dire che questa e' una delle rare nazioni dove tutti sono innamorati dell'Italia e degli Italiani, quindi basta dichiarare la propria appartenenza alla Repubblica delle Banane Romana e questo aprira' ai sorrisi anche il viso piu' arcigni
  • Precauzioni:non e' necessario ma aiuta procedere a un rinfresco dele nozioni di storia, prima di arrivare, perche' ogni singolo mattone ricorda uno delle decine di eventi eroici e tragici che hanno segnato la storia di questa nazione anche solo negli ultimi 218 anni: cancellata come stato indipendente dalle carte geografiche dal 1795 al 1918, nel 1939 Hitler inizia qui la seconda guerra mondiale e poco dopo aver vinto i polacchi si ritrovano sotto il comunismo sovietico dal 45 all'89.

12 comments:

  1. uff...ho aggiunto il tuo blog a "http://www.bloglovin.com/" visto che "google reader" chiude tra un po', ma è diventato meno spontaneo commentare, devo scrivere "bloglovin" per protestare!! Intanto ti dico: Donna, fatti pagare. Cioè, tu stai rendendo un servigio troppo grande a Varsavia, davvero

    ReplyDelete
  2. Sempre più simpatici, 'sti polacchi. Anche gli americani hanno il mito della Repubblica delle Banane nostrana, ma ovviamente, visto che ci ho a che fare più spesso, mi stanno molto meno simpatici. E comunque concordo, fatti pagare!

    ReplyDelete
  3. Concordo con le altre ragazze, fatti pagare!

    ReplyDelete
  4. Ecco, mi hai fatto venire voglia di partire...

    ReplyDelete
  5. Come già ti ho detto più volte mi hai fatto venire una voglia matta di andare a Varsavia...e prima o poi verrò! Sono appena tornata da Cracovia e soffro di nostalgia per la terra polacca... Abbiamo letto tutta l'introduzione della Lonely sulla storia polacca e sinceramente ho trovato un popolo molto orgoglioso della propria Patria e della propria Cultura, magari è solo un'impressione, ma questa è stata la mia impressione. Ho trovato un popolo che ha molta voglia di vivere e di riprendersi un po' di allegria e serenità dopo tutti gli eventi cupi del passato. Ora sto preparando un post su Cracovia per il mio blog e uno che seguirà dedicato a Cracovia con i bambini al seguito...Spero di finirlo presto e di non dire boiate...baci

    ReplyDelete
  6. evvai i polacchi che amano i banana republic italiani!

    ReplyDelete
  7. No aspe', Vale, io sono in gita e non leggo più quasi una cippa di blog perché ho internet a tratti, come sei a Varsavia? E Ginevra? Confusione imperante nella mia mente. Io sono a fine tappa in Messico, tra una settimana sarò a Taiwan per l'inizio della parte asiatica di gita, sono sconvolta dai fatti turchi e il mio blog ha le ragnatele, perché mi sembra tutto futile, mentre mi stanno distruggendo Istanbul. Riassumendo. Sigh.

    ReplyDelete
  8. @graziana, silvia, georgia...vedro' di trovare un modo :-D

    @blondie81, e' esattamente cosi', come ho scritto nell'altro post las varsavias, dopo tanti anni di sacrificio e fatica adesso per loro e' il momento di godersi finalmente un po' la vita!

    ReplyDelete
  9. @natalia SIII intanto che tu eri a montevideo io mi sono detta basta con le caprette se non posso andare a montevideo vado a varsavia!

    ReplyDelete
  10. Quindi non restituire una bici costa 50 euro? Quasi quasi conviene :D
    No davvero, curiosa questa penalty, si vede che si fidano.

    Vale ti auguro davvero che tutte le dichiarazioni di interesse che hai ricevuto si concretizzino in visite. Per quanto mi riguarda sono stati sforzi vani, i miei :D

    ReplyDelete
  11. No aspe', allora a 'sto punto devo sgamare il prezzo delle bici a Varsavia... :D

    ReplyDelete
  12. che voglia di partire!
    per ora il viaggio più lungo è stato arrivare alle pendici del monte bianco...

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...