12.7.13

due lati della stessa medaglia


Leggendo EroLucy ho pensato a come possono vedermi gli altri, specie leggendomi senza conoscermi, che per essere un blog da expat con consigli per viaggiare coi pargoli, di fatto ha tra i post di maggior successo quelli indubbiamente piu' uterini: questo e questo

mamma che viaggia in aereo, treno,autobus o piedi con due pargole fornita di tutti gli ultimi mezzi della tecnologia scovati nel mercato globale per sostenere, sollevare, spostare le creature, fornita di scatoline di plastica contenenti biscotti, grissini, frutta e verdura lavata gia' sbucciata per sfamare le creature, confezioni da mezzo litro di latte e di acqua.

mamma che si porta le bimbe dietro dovunque: dal dentista, dal parrucchiere, al bar, al ristorante, alle feste etc

mamma che si porta sempre dietro minikit di giocattoli veri o ha imparato a inventarli al momento con quel che passa il convento, per intrattenere le bimbe nei succitati luoghi

mamma expat che si occupa full time delle figlie, mentre il marito viaggia intorno al mondo per lavoro, gestendosi tutta l'amministrazione ordinaria della casa, delle bollette, dei contratti qualunque sia la lingua del luogo di espatrio.

mamma che quando il marito e' a casa si occupa pure di produrre cene per amici o cene di lavoro da lui invitati : vieni che mia moglie e' la meglio cuoca del mondo

mamma che cucina per le bimbe con l'olio buono italiano, la carnina e le verdurine fresche

mamma di bambine bilingue attive con terza lingua passiva seguace del metodo opol

...

oppure

mamma che va sempre in giro sudata e puzzolente come un cammello perche' si porta sempre le figlie appresso con tutte le provviste, tutto con la forza del suo fisico da 7 in educazione fisica per tutti i 13 anni scolari, perche' o cosi' o sta chiusa da sola con loro in casa

mamma che si porta le figlie dietro dovunque perche' non ha un cappero di nessuno a cui lasciarle mai nemmeno per i cinque minuti, avendo famiglia e amici a svariate centinaia e migliaia di km

mamma che si porta appresso pure giochini o li inventa al momento perche' la figlia maggiore e' ipercinetica e tenerla ferma per un certo valore temporale e' sempre una operazione di strategia militare e la figlia minore si e' gia' capito che e' curiosa e furba quanto la prima e  quindi bisogna tenerle le mani impegnate perche' senno' vuole toccare tutto, specie se e' 1) di proprieta' altrui 2) pericolo 3) costoso

mamma expat che si fa un mazzo tanto e delle figure assurde tra deadline mancate, non sapevo che era cosi, vocabolari italiano - resto del mondo, disegnini per spiegarsi con gli impiegati etc  e tutto questo sbattimento per obiettivi di caratura internazionale tipo ricevere i bidoncini della differenziata

mamma che gli viene un malditesta solo ad  inventare menu rispettosi di tutti i vari invitati vegetariani, vegani, allergici, pesce si ma fruttidimare no, carne no ma pollo si, carne si ma assolutamente niente verdura etc, con piatti veloci da preparare o delegabili a forno et bimby, visto che intanto deve produrre la cena per le bimbe, supervisionarne l'assorbimento per bocca e pulire il disaster dopo e poi ricevere gli ospiti (possibilmente non piu' puzzosa dalla fase cammello del resto della giornata)
i quali ovviamente hanno aspettative galattiche dopo che il marito ha millantato la bravura della cuoca

mamma che ha le figlie che schifano tutte le pappine istantanee, se non quelle di frutta, odiano tutti i dolci con cioccolato al latte (e le merendine col fondente per bambini non sono facili da trovare, almeno in POlonia) e quindi gli tocca pure preparare sempre qualcosa di fresco senno' non mangiano, l'unico junk food da strada su cui e' possibile ripiegare in caso di fame, autogrill e provviste finite sono il cornetto algida, probabilmente perche' la stessa madre in gravidanza ne ha magnati un paio al giorno per nove mesi, e, recente scoperta, le strisce di pollo fritto di KFC

mamma che parla in italiano alle figlie, mentre il marito in polacco, e siccome tra di loro si parlano in inglese e lei sta pure facendo sforzi di imparare il polacco, la sera alle nove vorrebbe spegnere il cervello, metterlo a raffreddare sul como' e invece gli tocca aspettare che la figlia maggiore bonta' sua si addormenti

insomma...posso benissimo passare per una mammacheppalle o una mammachesfiga :-D

9 comments:

  1. io direi "che mamma figa!!" oppure "mamma che fatica!"
    www.giokaconleo.blogspot.it

    ReplyDelete
  2. Difficile scegliere! Anch'io mi ritrovo molto in tutte e due le versioni!!!

    ReplyDelete
  3. Io sono per la versione "Supermamma per forza". Mi sembra una definizione molto sintetica di una situazione sfaccettata. Cosa ne dici?
    Mila

    ReplyDelete
  4. Da quando tu l'hai detto di te stessa, ti vedo come la mamma-sherpa. Argomentando meglio, sei uno dei miei miti personali, serenissima con due figlie strabelle e sorridenti e con marito lontano, che scrive di argomenti ultra interessanti ed utili ad altre mamme. E sei pure simpatica!!

    ReplyDelete
  5. allora, piantatela con tutti sti complimenti che poi senno' mi arriva l'ira funesta di chissa' quale trollone anonimo che mi ricopre di chitticredidiesseremariadefilippi???

    :-)
    care ragazze, stasera sono stanca sopra la mia media e mi fa tanto bene allo spirito leggere la vostra solidarieta' tra le righe, thanks

    ReplyDelete
  6. Il problemuccio di fondo (forse un gene, forse l' educazione ricevuta, boh?) è che ci sobbarchiamo di cose ed impegni come se "dovessimo per forza" saperlo e volerlo fare. E quando riesci a posare il latoB sul divano, non riesci a ricordare quando l' hai fatto l'ultima volta. Un grosso "patpat" sulla spalla, davvero non so come fai tu.

    ReplyDelete
  7. Ti vedo perfettamente in entrambe le versioni! (Ma davvero il pollo fritto?)

    ReplyDelete
  8. Tu sei la mamma che personalmente aspiro ad essere: realista ma ottimista. Sai che questa prima fase richiede tanti sacrifici, ma ti rendi anche conto che non durera' per sempre e cerchi di trarre il massimo da ogni giornata. Sei un esempio da seguire :-)

    ReplyDelete
  9. cherry, adesso mi tocca scrivere ogni giorno per far scendere sto post piu' sotto possibile senno' nn esco piu' dall imbarazzo dei complimenti :-D

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...