7.8.13

Chi ha paura dello Zurek?

Confesso: otto anni esatti che frequento la Polonia, e non ho mai avuto il coraggio di assaggiare lo Zurek, la Zuppa piu' zuppa di tutte le zuppe polacche, quella che tutti bevono per scaldarsi e darsi energie nel gelido inverno, quella che apre le libagioni del venticinquedicembre dopo la cena di magro, sette portate ma solo a base di pesce, farina, uova e burro, quella che tutti  aspettano il giorno dopo i matrimoni per colazione, anche se ci sono trentadue gradi perche' ragazzi d'estate la Polonia e' rovente. L'odore fermentoso dello Zurek lo riconoscerei ovunque:e'  l'unico capace di battagliare contro l'odore di aglio che risiede dentro gli autobus varsaviesi nei giorni di pioggia.

In generale il mio concetto di zuppa discende dalla ribollita: un pappone di pane e verdure dove il cucchiaino sta in piedi. Mi estendo ai passati di verdura densi, ma potendo scegliere preferisco il minestrone.

In Polonia, come nel resto del Nordeuropa, la zuppa e' invece liquida, quasi impossibile fermarne le cellule sotto i denti per capire cosa c'e' dentro. Tranne nel caso dello Zurek, dove invece, girando il cucchiaio, emergono alcuni elementi: se gia' l'odore acido mi blocca, vedere quei pezzi di salsiccia bianca e di uova soda apparire e sparire come se animati di vita propria in quel laghetto color Po, artificialmente creato dai bordi della scodella, mi fa scappare.
Pare che sia il rimedio universale contro l'hangover e per le stesse propedeutiche caratteristiche e' avidamente bevuto contro le nauses gravidiche.

Mi sa che questa pero' continuero' a perdermela, anche se mi secca ammettere di non essere cosi' open minded come credevo.


(storia, ricetta per la fermentazione dell'ingrediente base e ricetta per la creazione con fotografie qui)

14 comments:

  1. Credo che dopo18 anni da vegetariana e 1 da vegana, se mangiassi sta roba finirei diretta all'ospedale! Scaryyyy

    ReplyDelete
  2. scary e' probabilmente l'aggettivo migliore!

    (probabilmente lo zurek potrebbe avere grosse esportazioni in scozia, aspetto l'opinione di Mont :-)

    ReplyDelete
  3. Dalla descrizione pensavo fosse più liquida.
    Ti dirò, a me visivamente non dispiace, credo che la proverei, magari è buona :)

    ReplyDelete
  4. Brutto ma Squisito!! Le altre zuppe polacche per me non esistono. Io però l'ho mangiato senza uova e salsiccia...tanto non servono a granché,la sua caratteristica è il sapore acido dato dalla farina di segale fermentata. Pensa che mio suocero (prima che lo disconoscessimo per le sue malefatte ...) lo ha preparato qui da noi in Puglia in piena estate ed è piaciuto persino a mia madre.

    ReplyDelete
  5. Ma sai che anche a me l'effetto visivo non dispiace? Semmai e' l'odore che non mi convince, da come lo descrivi. Ma la zuppa di goulash da voi la fanno? In Germania ce l'hanno dappertutto, anche se la ricetta dovrebbe essere ungherese. Squisita!

    ReplyDelete
  6. Anche io ne starei lontana. E sulla questione liquidita' mi hai fatto tornare in mente la zuppa di canederli, che ho sempre odiato, e per fortuna che Sandra e' in vacanza li' e non legge i blog :D

    ReplyDelete
  7. Purtroppo il mio vegetarianesimo mi impedirà per sempre di provarla. Sigh.

    ReplyDelete
  8. ragazze coraggiose...andate avanti voi e poi mi dite :-D

    il gulash qua va di brutto ma in versione carnosa, non zuppante :-)

    ReplyDelete
  9. Mai sentito nominare prima ;-) adesso vado a leggere, ma visivamente non mi pare male. Deve essere un bel po' nutriente, altro che!!!

    ReplyDelete
  10. non sottovalutarle le zuppe polacche, ma come? dopo 8 anni?
    già nel primo viaggio ne esplorai 3 tipi: la zurek, quella ci barbabietola, e quella misera misera di farina. E subito capii che qualcosa stava cambiando nella mia vita :-)

    ReplyDelete
  11. sulle altre zuppe mi sono lanciata, nonostante non mi piacciano le barbabietole...ma l odore e color po dello zurek richiederanno uno specifico percorso psicologico per affrontarle ahhaha

    ReplyDelete
  12. ... Ma aprite i palati ad altre culture, assaporate le diversità, capite il percorso storico, locale, familiare delle ricette! Lo zurek che ho provato in estate è entrato subito nella mia cucina, tanto che ora mentre parlo ho in infusione l'orzo in acqua, aglio, pepe, pimento e sale per preparare una bella zuppa con amici. Bisogna provare tutto perchè anche in questo modo passa la comprensione verso gli altri. Buon appetito.
    Daniela

    ReplyDelete
  13. daniela, ti ringrazio per l'appassionato commento ma vorrei sottolineare che io sono una che si butta tantissimo e sperimenta tantissimo...non solo al ristorante ma pure a casa. ciononostante, come tutti, pure il mio palato ha qualche cosa che non gradisce, e di tutte le le cose provate finora, il fermentato tipo zurek o kim chim non gliela fo.

    ReplyDelete

  14. Ragazzi, scherziamo? Sono polacca e forse di parte, ma credetemi che è buonissima! Io non ci metto troppe cose, solo uova e salsiccia (kielbasa), ma non ho tutti questi pezzi che galeggiano che dite voi D: vi perdete un mondo, credetemi XD

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...