1.8.14

(Replica) L'ora W

1.08.2013
Oggi alle 17 e' l'ora W, come Liberta' in polacco (Wolnosc)




Il 1 agosto 1944, inizio' la rivolta dell'esercito di Resistenza polacca a Varsavia.

In teoria, i Polacchi erano alleati degli Inglesi, degli Americani e dei Russi.

La Rivolta di Varsavia duro' 63 giorni (qua il resoconto in Italiano, qua quello in Inglese, piu' completo), con tantissima forza di  volonta' e dispendio di vite umane. Circa ventimila soldati polacchi morirono in quei due mesi  e si stima che circa duecentomila civili polacchi,da neonati ad anziani, siano stati sterminati dai tedeschi come atto dimostrativo.
Intanto che i Russi se ne stavano parcheggiati oltre la Vistula, ad aspettare che i Nazi facessero fuori tutti e Stalin non concedeva nemmeno lo spazio aereo per gli aiuti alleati (solo dopo alcune settimane giusto qualche pacco di medicine e cibo inizio' ad arrivare dalla Raf, su ordine per tardivo rimorso di Churchill, partendo da Brindisi), in modo da poter poi entrare a "liberare" una citta' vuota, gia' destinata al loro possesso dagli accordi con Inglesi e Americani, altri soldati polacchi venivano addestrati nelle file degli eserciti americani e inglesi per essere utilizzati nelle prime linee degli sbarchi sulle coste Europee.
Piegata la rivolta, i nazisti uccisero o deportarono nei campi di sterminio tutta la rimanente popolazione (mezzo milione) e passarono alla distruzione sistematica della citta', gia' in rovina per oltre la meta' ; quando i Russi finalmente arrivarono, a gennaio dell'anno successivo (e misero in galera i pochi soldati della rivolta ancora vivi, giusto per evitare che questi gli venisse in mente di pretendere di fare della Polonia uno Stato Indipendente) di Varsavia era rimasto il 15% (i piani di Hitler era di farla diventare un lago artificiale con stazione di passaggio di grandi trasporti) e tra le sue rovine vivevano mille persone.
Con la conferenza di Yalta la Polonia fu definitivamente impacchettata da Churchill e Roosvelt e consegnata a Stalin.

Nell'agosto del 1989 il Partito Comunista si arrese alla forza di Solidarnosc e dei cittadini polacchi, che non hanno mai smesso di crederci. L'anno dopo cade il Muro di Berlino, ma la fine dell'Unione Sovietica e' iniziata a Varsavia, come e' giusto che fosse.

Nell'agosto del 2013 Varsavia vibra delle vite, del lavoro, delle idee, dell'imprenditorialieta', della cultura, dei desideri e dei passi di due milioni di abitanti.

Oggi all'ora W, suonera' la sirena e tutta la citta' si fermera' per ricordare la cosa piu' fondamentale, senza la quale Varsavia come e' oggi  non esisterebbe: la Liberta'.


Nonostante l'esercito polacco consista negli ultimi 20 anni di conflitti americani in Medio Oriente nel secondo piu' numeroso contingente alleato dopo quello Britannico,  i cittadini polacchi devono ancora richiedere il visto per visitare gli Stati Uniti: non hanno il "waiver" di 90 giorni come i cittadini di altri 23 Stati dell'Unione Europea (Oltre alla Polonia, e' richiesto il visto ai cittadini di Bulgaria, Cipro, Croazia e Romania). Obama ha promesso nel 2010 di pareggiare  le cose ma ancora i Polacchi stanno aspettando di essere trattati come tutti gli altri alleati.



6 comments:

  1. Queste cose che suoi libri di storia non ci si arriva mai a studiarle .. Mi sento molto ignorante ...

    ReplyDelete
  2. Anche io prima di sentirmi raccontare queste cose dal senator e venire qui otto anni fa non ne sapevo nulla, eppure tredici anni di lezioni di storia li ho fatti.la cosa che mi imbarazzava di piu' e' che invece loro la nostra storia la conoscono benissimo.forse I nostri libri scolastici sono stati "censurati" da commissioni ministeriali che nei primi anni cinquanta non desideravano si sapessero troppe cose..in generale gli anni della seconda guerra mondiale si studiano in poche settimane mentre I programmi dedicano mesi all sacro romano impero...un po come la letteratura: una vita sul manzoni e cinque minuti su montale.

    ReplyDelete
  3. Io lo studiai all'università, leggendo un libro incasinatissimo che aveva scritto il mio docente di storia contemporanea. Comunque è ero in Italia si dedica tantissimo tempo di studio alla storia antica mentre si tralascia del tutto quella contemporanea, che poi servirebbe realmente per capire la situazione attuale di molti paesi, compresa l'Italia :(

    ReplyDelete
  4. Grazie per le informazioni su un periodo storico che come dici tu viene quasi sempre completamente ignorato...o censurato. Io mi rendo conto di essere molto molto più ignorante sulla storia "recente" che su quella antica, proprio perchè dalla prima guerra mondiale in poi si faceva tutto in 2 mesi di scuola!!

    ReplyDelete
  5. Mi pare che anche gli Albanesi abbiano bisogno di questo visto speciale...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si Moky, e anche molti altri paesi ovviamente, ma la polonia e stata ed e alleata degli stati uniti mettendoci I'll sangue e fa parte dell unione europea, sarebbe altrettanto stupido ma piu logico che I tedeschi nn avessero I'll visto, piuttosto che I polacchi!

      Delete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...