29.9.13

Pasta e Oli dei paesi tuoi

Io vorrei che il Barilla in carica, anziche' andare in giro a farsi intervistare  quando chiaramente ha l'agilita' di un polletto Vallespluga gia' grigliato nel correre tra le maglie del politically correct, si guardasse la lista delle esportazioni e si accorgesse che a Varsavia non arrivano quasi mai fusilli, men che meno le Emiliane e tutte le micropastine per i bambini: stelline, tempestine etc: Meraviglia ha mangiato per mesi  spaghetti preventivamente chiusi in una busta e disintegrati col batticarne.
Ma non e' il solo: anche la Dececco ha stabilito che ai Varsaviesi gli toccano solo i conchiglioni e qualche volta le ruote (formato pastaceo che io non ho mai davvero compreso), mentre i Garofalo per ora non ci filano di pezza.
Come recita la home del loro sito:
ITALY FRANCE UK CANADA USA SPAIN PORTUGAL NETHERLANDS GERMANY SWITZERLAND SWEDEN ISRAEL TURKEY JAPAN BRAZIL RUSSIA INDIA
Immagino i TIR di pasta Garofalo che salgono dall'Italia alla Svizzera,  transitano dalla Germania alla Russia attraverso le autostrade polacche, senza lasciarci giu' nemmeno un pacco di pappardelle che coi finferli freschi di qui a 6 euro al kg sarebbero una meraviglia.

Per fortuna nella grande distribuzione si trova una buona scelta di prodotti Agnesi, e se mi voglio far spennare posso sempre andare alla gastroboutique Piccola Italia a prendere la pasta doc e chic trafilata all'oro bronzo di qualche marca vippissima campana.
Percio' da quando abitiamo qui,  la pasta ufficiale di casa nostra, per varieta' di formati, prezzo ragionevolissimo e reperibilita' ovunque, dal supermercatone al supermercatino, in morte all'onnipresente pasta polacca Lubella che si scuoce suolo a guardarla, e' la Pasta Zara.

Per quanto riguarda l'Olio, i prezzi qui sono ancora molto piu' alti che in Europa occidentale, decisamente cari rapportati al costo della vita e agli stipendi medi:  anche se mi scoccia emotivamente non comprare olio italiano, fuggo dal Monini venduto in bottigline mignon  sui 15 euro al litro a meno di incredibili promozioni, e spesso compro La Espanola o Goya. Ho recentemente scoperto in una catena di supermercati polacchi ad un prezzo umano (5 euro e 50 al litro) l'Olitalia : ora qualcuno magari mi scrivera' che e' fatto in laboratorio spremendo copertoni di camion e poi aromatizzato al gusto di olio extravergine di oliva, ma a me pare buono.


E voialtri sparsi nel mondo, Belpaese incluso, di che pasta e olio siete?

16 comments:

  1. Qui mi barcameno tra Garofalo (in pochi super e in pochi -e talvolta assurdi- formati), Divella (si reperisce in pochissimi posti) e la pastina di un nome di un supermercato locale (pastina italiana nix). Io non sono una gran pastara ma mi piacciono tagliatelle e pennoni (entrambi praticamente impossibili da trovare, infatti qua mangiano spaghetti alla bolognese, mica tagliatelle). La Zara qualche volta gira anche da noi, soprattutto se vedo un formato diverso.
    Si trovano anche le orecchiette della De Cecco in un posto superchic a 2 euro al pacco.
    Per quanto riguarda l'olio...io c'ho quello di mammà, superbiologico superbuono, olio del Cilento che adoro.
    Quando ero in Toscana ricordo olii venduti anche a 20-30 euro al litro, ma fatemi il piacere, chapeau a voi che riuscite a piazzarlo ma tutti quei soldi non li valevano. C'era un mio amico senese che comprava a volte "il mio" pagandolo neanche 1/3.
    Mia madre si fa il mazzo ogni anno per cogliere le olive (ci provai anch'io una volta e rimasi con la schiena spezzata per giorni) ma l'olio è divino. Quando vado in Italia me ne porto sempre 5 litri in lattina. Quindi integro un po' con l'olio portoghese, qui lo fanno buonissimo davvero e con 8-9 euro al litro prendi una qualità già decente (di solito uso solo evo).

    ReplyDelete
  2. A parte che le ruote al sugo di pomodoro e basilico sono strabuone, qui situazione identica. Pastina per bimbi solo orzo, che noi chiamiamo risoni e che e' per adulti. Rigatoni penne e fusilli sono piu' piccoli che in Italia. Radiatori, na pasta piccola al cucchiaio. Jumbo shells e manicotti (cannelloni rigati) piu' piccoli che in Italia, cosi' come le lasagne, piu' strette e piu' corte.
    Olio, quello italiano di importazione sta tra I 15 e I 19 $, non je la posso fa'. Vado anche io sugli spagnoli, ma il dubbio che fossero fatti con pneumatici arsi al sole ce l'avevo pure in Italia.

    ReplyDelete
  3. Qui siamo fortunati, c'è molta scelta,si trovano persino i formati strani della Garofalo, ma siccome io amo quella integrale me ne sono portata una catervata e farò rifornimento a Natale, anche se in realtà qualcosa di integrale si trova e non è neppure malaccio.
    Olio prendo quello bio marca carrefour, che è decente, poi siamo alla ricerca di olio buono buono per qualche momento di follia tipo bruschetta o scarpetta di solo olio.
    Prezzi? Punto dolente, qui è tutto più caro quel che riguarda l'alimentazione.

    ReplyDelete
  4. anche io compro solo olio evo anche se non essendo fatto da persone che conosco non si sa mai quanto evo sia...devo dire che qui in polonia il mercato propone tantissimo olio di vinaccioli (made in italy), e la cosa mi rende assai perplessa

    ReplyDelete
  5. elle arriva sempre prima, ma questa volta, amica, lascia la parola alla pastara: le tagliatelle??? non solo ci sono, ma sono anche buonissime e portoghesi, tagliatelle fresche pingo doce, che assieme agli spaghetti freschi (leggi tonnarelli), mi fanno passare quasi la nostalgia di casa.
    L'olio del pingo doce anche mi piace, ma non quanto quello pugliese/marchigiano ;)
    mari

    ReplyDelete
  6. Eh Mari, mai considerata la pasta fresca del PD...sai com'è, le tagliatelle fresche noi ce le facciamo in casa...aahaha.

    ReplyDelete
  7. Qui la pasta Barilla c'è e in diversi formati (penne, rigatoni, linguine, fusilli, farfalle, ecc.), anche in versione integrale. Di sicuro c'è anche la Buitoni (lasagne) e mi pare di aver visto qualche altra marca italiana ma non ricordo bene quale, sicuramente non Garofalo perchè io vado pazza per i radiatori e li avrei presi subito! L'olio di World Market è abbastanza buono e costa 20$ per un gallone, oltre al fatto che spesso c'è una promozione "10$ off su una spesa di 30$" e quindi prendiamo olio e polpa Mutti.

    ReplyDelete
  8. e' vero i prodotti mutti si trovano quasi dovunque...io in cina trovavo i pelati Annalisa http://www.annalisa.it/en/

    ReplyDelete
  9. Io qui ormai compero dai Gas la pasta, l' olio ni (cioè a volte) ma solo perchè costa uno sproposito pur essendo ottimo. Quando stavo tra Germania /Austria/Francia la pasta si faceva pochissimo e mentre per l' olio non riuscendo a farne senza.... beh... si cercavano le offerte di evo.
    L' olio di vinaccioli quanto costa (che per la cosmesi invece va benone)? ;-)

    ReplyDelete
  10. l olio di vinaccioli della monini (mai visto in italia) costa 5 euro al litro
    http://ezakupy.tesco.pl/en-GB/ProductDetail/ProductDetail/2003009343688

    il goccia d'oro, 5 euro e 50
    http://ezakupy.tesco.pl/en-GB/ProductDetail/ProductDetail/2003006205026

    quali lavori cosmetici ci fai? (ora curiossissima)

    ReplyDelete
  11. Care italiane nel mondo, purtroppo l'unica nota positiva pratica dell'essere ancora in Italia è la possibilità di avere i prodotti che ci piacciono o a cui siamo abituate a prezzi ancora ragionevoli, per la pasta io non ho la mia preferita, ma ci sarebbe solo l'imbarazzo della scelta, per l'olio sono ancora più fortunata, mai comprato al supermercato quello evo, parenti e amici hanno tutti gli ulivi e verso ottobre, ogni anno, posso averlo direttamente dai frantoi sapendone anche l'origine a prezzi dai 5 ai 7 euro litro...inutile dire che anche in Italia la pasta non sempre è fatta col grano migliore, anzi ormai è quasi tutto straniero, da paesi che usano ogm, e anche l'olio non sempre è buono, sofisticato con deodoranti, o allungato con olio di nocciole, per non dire che basta sia fatto in Italia anche se le olive sono del nord Africa per definirlo italiano...perciò fidatevi del vostro gusto, se è decente, ed è spagnolo, perchè no? Mi preoccuperei solo che sia evo per la salute...

    ReplyDelete
  12. eh avere l olio di famiglia cambia la faccia del cucinare...io pero' una volta spezzatomi il cuore a comprare il primo olio non italiano adesso sono lanciata: La Espanola mi pare buono, in Bulgaria abbiamo preso due bottiglie molto buone (care per i bulgari ma sensate in euro per noi) e mi domando come mai non ci sia assolutamente olio greco in giro per i supermercati di qui..

    ReplyDelete
  13. qui, complice la vicinanza con l'Italia, la pasta si trova in abbondanza. Più Barilla direi, De Cecco raramente, Garofalo (la mia preferita) mai vista. Anche i formati sono vari e spesso ci sono offerte (solo per la Barilla) anche nei supermercati francesi.

    Volendo proprio dedicarsi al lusso ci sono come sempre le gastronomie italiane specializzate come via Italia della Catena Casìno (http://www.casino-proximite.fr/ViaItalia/Pages/ViaItalia.aspx), ma i prezzi sono piuttosto inavvicinabili.

    Per l'olio, confesso che se non riuscissi ad andare alla santa Coop di Ventimiglia avrei grosse difficoltà. Qui costa come l'oro liquido e noi, con le bottigliette minisize ci facciamo poco.

    Credo che in caso di estrema necessità ordinerei l'Olio Carli (made in Imperia) che consegna in molti Paesi al di fuori dell'Italia e mi darei al centellinamento delle provviste....=P

    ReplyDelete
  14. purtroppo anche l olio carli non si fila di pezza la polonia...eppure qua ci sono piu di 40 ilioni di persone che posso assicurare non fanno nessuna attivita' con tanta costanza dal mattino alla sera che non sia MANGIARE!!

    ReplyDelete
  15. Qui a San Francisco trovo Barilla e Garofalo! Fa ridere che la Barilla abbia cambiato i nomi della pasta per il pubblico americano per cui i fusilli sono i ROTINI! Per le minestre, abbiamo stelline e risoni!

    Più difficile invece per l'olio: compro le latte da 3 litri ultimamente a 31$ della De Cecco. L'olio californiano è come il vino californiano: NON SA DI NIENTE!!! (e purtroppo in Italia ero abituata bene coi prodotti pugliesi di casa... SOB)

    ReplyDelete
  16. qua ho notato che esiste una pasta che si chiama Melissa, col loro "leggermente" copiato da barilla (e i colori sia del logo che dei cartoni, blu), le scritte in italiano (pasta al dente)almeo per il mercato polacco, ma se giri bene tutto il pacchetto alla fine trovi scritto micropiccino..MADE IN GREECE

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...