28.10.13

La 27esima rompicogliora*

Ovvero due post in uno: la classifica delle 10 domande piu' rompicoglioni da quando faccio l'espatriata,e le risposte, che come un disco rotto ripeto inutilmente, perche' le rompicoglioni hanno la memoria corta.
Si, perche' tutte queste domande...al 99% me le fanno altre donne. SOBBISSIMO

10) Ma non guidi la macchina? Ma il Senator non vuole comprarti l'auto?
No, vado a piedi, in autobus, in taxi, in treno e in aereo. E mi basta. Non mi interessa usare l'auto sia per motivi economici (seconda assicurazione, benzina, parcheggi ) sia per praticita'  (esempi: l'operazione di smontare  e rimontare passeggini - bimbe - seggiolini e ritorno, occuparmi dei vomiti da maldauto, le urla di tiraggio capelli mamma voglio il latte mi e' caduto il ciuccio e contemporaneamente guidare, ritrovandomi nella possibilita' di dover fare un cid in lingua polacca non mi piace ). Preferisco abitare in centro e pagare di piu' di affitto ma andare a piedi dovunque mi pare. E se volessi l'auto la comprerei senza problemi, ne' miei ne' del Senator, perche' non e' il mio aguzzino a cui devo chiedere il permesso se voglio l'auto.)
9) Ma quindi stai sempre a casa sola con le bimbe?
No, esco sempre ma non ti chiamo per prenderci un caffe', perche' ogni volta che ci vediamo mi fai sempre queste stesse domande di merda.
8) Ma farete un terzo figlio?

Inizia a farti tu il tuo primo, che alla fabbricazione dei figli nostri ci pensiamo io e il Senator, grazie.
7) Ma il Senator non vuole un terzo figlio per avere il maschio?
No, pensa un po', e' cosi' coglione che e' felice di avere due figlie sane, vispe, belle - mondieu- femmine.
6) Ma dove andrete a vivere, una volta per tutte?
Dove siamo gia' da 34 anni io e 33 lui, in Europa.
5) Ma non ti manca l'Italia, la tua famiglia, le tue amiche? Ma perche' il Senator non si trova un lavoro in Italia?
Si, certo che mi mancano. Grazie per aver messo il dito nella piaga, e ora che mi hai fatto pensare a quanto mi mancano e sono triste, ti senti meglio? E il Senator un lavoro in Italia considerato che e' straniero, puo' lavorare benissimo solo in inglese ma non e' fluente in Italiano, ha delle aspirazioni lavorative notevoli perche' sono 8 anni che gia' lavora a certi livelli e si e' fatto un mazzo cosi' per arrivare fin qui, non vorrebbe certo tornare indietro di posizione, ha solo 33 anni e non e' figlio di nessuno, non lavorerebbe gratis o quasi e non vuole pagare  il 50% di tasse, percio' visto lo stato attuale del Belpaese, un lavoro li' non lo trovera' mai.
4)Ma non ti manca tempo per te?
Si, certo che mi manca tempo per me, ma non avranno questa eta' per sempre e lo sapevo che averne due nel giro di due anni sarebbe stato un'idrovora di tempo.
3) Ma perche' non hai la tata full time o non mandi le bimbe all'asilo a tempo pieno? Il Senator non vuole?
No, non voglio la tata full time perche' ho scelto di avere loro due come datrici di lavoro, anziche' una qualche organizzazione internazionale o ufficio legale o casa editrice giuridica. E il Senator non e' il mio aguzzino, non devo chiedergli il permesso se voglio la tata full time.
2) Ma quando torni a lavorare? Ma il Senator non vuole che lavori?
No, non torno a lavorare per ora e no,  l'ho scelto io nella fase iniziale del nostro matrimonio dopo 3 anni di relazione a distanza e poi finche' le bimbe non sono entrambe alla materna di non lavorare. E il Senator non e' il mio aguzzino che mi tiene chiusa a chiave.
1) Ma il Senator viaggia ancora tanto? Adesso glielo dico io che deve stare di piu' a casa!
No, viaggia e viaggera' sempre. Sapevo quello che prendevo, quando e' a casa per un mese di fila non vediamo entrambi l'ora di mancarci di nuovo e sappi ciccia che nessuno nell'universo e' in grado di dire al Senator cosa deve o non deve fare, solo la sottoscritta ha dei poteri di saggezza jedi per cui riesce a farlo pervenire alle sue stesse conclusioni, anche se a volte per riuscirci le tocca farsi venire i capelli bianchi, rattrappirsi e diventare verde.

*Titolo dedicato alla famosa rubrica sul Corriere della Sera che vorrebbe essere un'interfaccia blog d'altobordo con grandi firme per scopiazzare e surfare sull'onda del successo dei blog scritti da  donne, madri e non, che davvero si fanno il mazzo 27 ore al giorno e non scrivono per il Corriere, ed in realta' e' una rubrica editoriale i cui contenuti sono sempre triti e ritriti e i toni saccenti o finto empatici.

25 comments:

  1. Fiu, meno male che non te ne ho fatta neanche una! :-D

    ReplyDelete
  2. Be' che dire?
    Sono personalmente arrivata alla conclusione che certe domande, certe persone, le facciano "a prescindere" per dirla alla Totò.
    Intendo che a me, che vivo in Italia, con marito italiano e stanziale, famiglia vicina e sfruttatissima, lavoro impegnativo e due pargoli, non fanno che chiedere: quando la smetto (!), se mio marito non può farmi ridurre il ritmo(!), se non mi dispiace di "sfruttare" i miei genitori, se non mi sento in colpa per i bambini, se ho tempo per me (nel 2006, in effetti, mi pare, dopo il parto, sono andata in bagno da sola e ho fatto una doccia lunghissima)
    Ciacco, quella del Torrente

    ReplyDelete
  3. Ma perchè la gente deve sempre cercare di mettere il dito nella piaga? Per fortuna certe cose non ti scalfiscono perchè sono state scelte tue...ma in caso contrario, che gusto c'è nel cercare di intristire le persone?

    ReplyDelete
  4. Ciacco del Torrente (fa molto stilnovo) mi piace molto il concetto bifronte di sfruttatrice di anziani ma dovresti trovare il tempo per te :-)
    io cmq alla seconda gravidanza misi nella valigia per l ospedale una trousse di cremine e il giorno prima delle dimissioni nel bagno della camera mi sono depilata, ho messo la crema per i corpo, ho fatto lo scrub del viso e messo la maschera super idratante.
    mai stata cosi' liscia negli ultimi 14 mesi

    ReplyDelete
  5. @silvia :-) ho scritto questo post sentendomi in texas

    @baby perche' la ggente sotto sotto non si puo' capacitare che tu faccia scelte diverse e quindi preferisce pensare che qualcuno, tipo mio marito, mi abbia costretto a far diversamente da come avrebbero fatto loro!

    ReplyDelete
  6. Senti, ma l'età di queste interlocutrici? Perchè mi sembrano le domande che faceva mia nonna, pace all'anima sua, classe 1918. Soprattutto riguardo la presunta ingerenza del senator nelle tue decisioni.

    ReplyDelete
  7. Ma perché dove le mettiamo quelle che ti chiedono: "Ma non ti annoi a fare la mamma h24?" oppure "ma cosa fai tutto il giorno mentre sono a scuola?".
    A parte che i miei sono a scuola dalle 7.30 alle 12.30 ma poi come caspita ti passa in mente che una mamma di due figli - due in due anni, come te - si possa annoiare?!!1
    E quelle che ti chiedono perché non fate la femmina????
    E come hai detto tu quando vi decidete a tornare in Italia definitivamente? MAIIIII

    ReplyDelete
  8. posso garantire che l'eta' delle rompicoglioni va dai 15 agli 80 anni, esse si trovano in tutte le nazioni in cui ho l'occasione di poggiare i piedi, sia accoppiate che single, sia madri che non, giovani e vecchie, studiate o meno, lavoratrici o meno
    insomma, non ci si salva.

    ReplyDelete
  9. Valentina concordo con te sull'età. Pur avendo una vita molto diversa dalla tua spesso vengo bombardata di simili domande.
    Un po' perché appena ti scosti un pelo dalla massa sei già quella strana, un po' perché c'è gente che vive strolicando sulle vite degli altri. A questi ultimi io consiglio di bere tutte le mattine una moka di fatti loro!

    ReplyDelete
  10. Penso che aldila' di essere fuori dall italia,simili bombardamenti inutili capitino praticaamente a tutte coloro che fanno un paio di scelte diverse dal coro che le circonda,fossanche solo svezzare un mese prima o dopo o andare ad abitare in una via anziche in un'altra

    ReplyDelete
  11. Non c'e' scampo. Ma a te non la fanno quella tipica : eh ma non ti manca il cibo? Perche' come si mangia in Italia...che sara' pure vero santo cielo che il cibo italiano e' buono e non trovi tutto dappertutto, ma vedi tu se devo scegliere tra la mozzarella fresca e una vita migliore.
    Tra poco le piu' audaci ti chiederanno dove appende la frusta il Senator e come nascondi i segni delle catene ;-)

    ReplyDelete
  12. Uff...fortuna che non ti ho chiesto della macchina come avrei voluto... :))

    ReplyDelete
  13. uh mamma...proprio l'altro giorno pensavo al fatto che tu fossi sprovvista di auto...meno male che non ti ho chiesto come mai (ma poi mi sono risposta da sola che abitando in centro non ne avevi bisogno, mia mamma non fece mai la patente perchè abitava a Milano e le sembrava inutile!). Comunque se ti può consolare domande di merda le fanno anche a me che vivo in Italia e ho una vita che più "regolare" non si può. Le più gettonate? "Ma perchè non chiedi un part time? Almeno le sei ore...se no cos'hai fatto una figlia a fare se poi non puoi crescerla te" (anche questa della serie "dito nella piaga" perchè non ti viene in mente che magari non me lo vogliono concedere il part time e/o non posso permettermelo per questioni economiche?). Altra domanda gettonatissima è "Ma non lasci Stella figlia unica, vero?perchè essere figli unici è proprio triste" (io sono figlia unica quindi grazie per il famoso dito nella piaga #2 e grazie per la domanda cazzuta che magari se ci pensi il figlio unico non è reato, eh?!)

    ReplyDelete
  14. Ammazza. Se lo scrivevo io lo chiamavo dentino avvelenato!

    ReplyDelete
  15. Ragazze avete ragione, non e' che tiro fuori I'll lanciafiamme se una persona mi chiede per la prima volta queste cose.una volta ci sta. Ma piu' di una diventa una palla!poi a me chiude tantissimo questa associazione "se nn hai l auto non e' perche nn la vuoi ma xche tuo marito non vuole".
    In generale ne ho le tasche piene del fatto che tante persone che nn mi conoscono bene da fuori mi giudicano la prigioniera briseide del prode achille..
    I'll dito nella piaga altrui potrebbe diventare disciplina olimpica visto quante persone ci si dedicano con costanza ogni giorno!
    Cmq aggiungerei quella di fede come n.11!

    ReplyDelete
  16. Bellissimo post e ottime risposte....

    ReplyDelete
  17. Da parte di molte persone in realtà è tutta invidia del fatto che le tue scelte, seppur diverse e/o non convenzionali, ti portino comunque ad essere una persona felice...per altre invece è la chiusura mentale che parla, perchè non esiste mo(n)do migliore e possibile di quello in cui vivono loro...poi ci sono quelle come me, che ti ammirano e pensano che tu sia una gran donna proprio per le scelte che hai fatto e per la convinzione con cui le porti avanti, anche se io essendo diversa non potrei che vivere diversamente...

    ReplyDelete
  18. Mi sa che, ispirata da questo post, faccio pure io un decalogo (o centa-logo) delle domande più ripetute e rompi dirette a un vegano! Secondo me dipende anche dal tono: certe persone fanno domande per sincero interesse e preoccupazione, altre solo perché non hanno di meglio da fare!
    Nessuna che ti chiede se ti viene voglia di farti un'amante dato che tuo marito è via spesso?

    ReplyDelete
  19. brava...al tuo futuro o attuale interlocutore che penso ci sarà sempre con mille domande perchè non riesce a farsi i propri affari...diciamo che è l'invidia di vedere che si sta bene e il desiderio di trovare sempre qualcosa che non va....un abbraccio...

    ReplyDelete
  20. @ceci, posso indovinare una delle dieci tue;
    'ma vuol dire che nn mangi nemmeno ilpesce? ma le cozze mica sono carne!'

    ReplyDelete
  21. @ Valentina @Cecilia
    mi permetto di aggiungere: non mangi il prosciutto? Ma il prosciutto non è carne! :-/

    ReplyDelete
  22. @robin ahhahaha,hai ragione!io sono onnivora ma solidarizzo coi vegs e gli allergici!

    ReplyDelete
  23. Non avrei potuto spiegarmi meglio...

    ReplyDelete
  24. Grande Vale ... oggi arrivo tardi su tutto, ma piano piano arrivo eh!!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...