4.10.13

Neurorazzi del venerdi' - Settimana Antibiotica


Megera.
Non ce la facevo piu': il passeggino con dentro la bimba e tutti i sacchetti appesi mi sembra di colpo un macigno impossibile da spingere oltre. L'altra appesa sulle spalle mi scalciava nelle reni e tirava i capelli.
Ho pensato che sarei crollata e sarei rimasta li' per terra con le figlie e i pierogi, la nutella, il gorgonzola, i biscottini e tutto il resto crollato intorno a noi, per sempre, tipo installazione perpetua di arte contemporanea di Cattelan, ma non copia di noi in formalina, noi per davvero, nutella inclusa.  Invece non sono caduta io, e' caduto un tappo di biberon, e' rotolato per terra facendo tic e toc e proseguendo la sua corsa per qualche metro.
Un tizio piu' giovane di me si e' girato ad osservare il tappo lungo tutta la sua traettoria, come se fosse un meteorite, poi ha guardato me, sudata, starnutente, sinusitica, con una figlia sulle spalle, una figlia nel passeggino, i sacchetti appesi.
E niente.
Mi sono chinata e ho preso il tappo.
E lui ha continuato a guardare.
Either you help or don't stare at us!  e' uscito stridulo dalla mia bocca.
Lui ha sbuffato offeso e se n'e' andato.
E io gli ho augurato la sterilita'.

Domattina l'accompagni tu?
La verita' e' che nessuno dei due ha voglia di prendersi in faccia l'un grado sopra zero che c'e' alle otto del mattino sulla deliziosa stradina all'ombra tra gli alberi che da casa porta all'asilo.

Impara l'arte
Viatrix: Mamma, guarda e' la mia torta di compleanno!
Madame Gazzella; Signora, e' un bosco d'autunno!
Raccolgo emozionata il primo lavoretto d'asilo che la Viatrix mi porge raggiante di orgoglio: un pezzo di das dipinto di color marrone cacca di carne  di manzo nel quale sono conficcati stecchini di alberi marroni, il tutto appiccicato su una foglia di cartoncino cifrato BEA. Intorno i bambini corrono impazziti con le ditine e i visini sporchi del medesimo marrone, ebbri di gioia.
I lavoretti sono appoggiati sopra il davanzale sul termosifone per asciugare.
Tra qualche giorno ci porteremo a casa il nostro Piccolo Monumento a Chernobyl.

Il Franchising
Nella mia reiettudine attuale di expat insofferente, sofferente, raffreddata ed infreddolita mi sono fiondata da Marks and Spencer come se si trattasse di correre a casa della mia migliore amica del liceo in un giorno di freddo per farci il caffe' corretto alla veneta.
Ho squittito di gioia a leggere tonnellate di etichette in inglese, sentendomi proprio meglio, compresa e rassicurata dal fatto che anche a Varsavia posso comprare l'originale sidro del Somerset, i butter cookies a 34 tipi di semi e frutta secca differenti e perfino i bastoncini di pesce di M&S con la delicious lemon sauce. Solo perche' sapevo pronunciare e capire senza esitazione tutta la descrizione degli ingredienti. Solo perche' li' dentro non ero piu' una tizia impestata di sinusite che si esprime con la fluenza di un bambino di due anni e per spiegare qualsiasi cosa deve fare disegnini e contare sulla buona volonta' altrui: per il tempo di leggere tutte quelle etichette ero una Valentina sanissima, col naso di colorito normale, persino con i capelli di colpo freschi e leggeri,  in luoghi di Europa delle mie vite precedenti nei quali non avevo mai bisogno dell'aiuto di nessuno per farmi capire, nemmeno una volta al giorno.



Farcita di antibiotici e gocce e goccine, vi auguro un buon weekend: noi festeggeremo il terzo compleanno della Viatrix!

18 comments:

  1. Autunno a Varsavia: ragazzo sterile, torta di Bea,cacca maestra, sinusite. Buona guarigione Valentina, mi fa troppo soffrire saperti piena di sinusite!!

    ReplyDelete
  2. ahhaha hai ragione, sono veramente una palla al piede di sti tempi :-)

    ReplyDelete
  3. AUGURI x tutto a tutti (di compleanno, di pronta guarigione e chi più ne ha più ne metta!!)
    un abbraccio da Torino
    www.giokaconleo.blogspot.it

    ReplyDelete
  4. Bello il lavoretto "di cacca" ;-)
    scaldatevi questo week-end. e per consolarti, tanti anni fa mia mamma era in giro per il quartiere (Gran Madre)con noi 3 piccole, borse della spesa etc, un po' in affanno. Mio nonno la incrocio', disse: "Sembri una meridionale" e se ne ando' senza aiutarla. Almeno il ragazzo non ti era parente e (forse) neanche un po' razzistello.

    ReplyDelete
  5. Oddio Fede,tuo nonno era proprio un torinese doc, mi ricordo anche io da piccola I cartelli "affittasi no meridionali" :-S
    Btw ma tu che liceo hai fatto? Io andavo al cattaneo perche' coi miei in que periodo abitavamo in zona corso francia!

    Silvia,idem volevo chiederti da un po',di che parte di torino sei?

    ReplyDelete
  6. Poi in realta' non discriminava, ma gli usci' proprio dal cuore.
    ho fatto il Gioberti: ruotavo tra mia madre in zona Corso Fiume (mai stata cabinotta, pero'!!!)e padre in Gran Madre. Forse di zona era l'Alfieri, ma preferivamo Gioberti.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ma franci pero' l hai conosciuta dopp I'll gioberti? Io quando la andai a trovare al gioberti un giorno che taglia da scuola (ero in quinta e nn avevo nessuna voglia di far l ennesimo compito in classe di matematica in cui mi avrebbe dato 3 a prescindere) scoprii un mondo: pur andando in centro ogni sabato, nn avevo mai visro palazzo nuovo, gli universitari, l atmosfera studentesca alternativa ..poi ho recuperato con gli interessi!!

      Delete
  7. Si, poi sul lavoro. Lei dice che si ricordava di me al Gioberti, io memoria zero. Ehm, tutti mi prendono in giro perche' io al di la' di Oltrepo-centro-Vanchiglia-Vanchiglietta praticamente non conosco la citta'.Anche perche' uscita dal Gioberti sono finita a Palazzo Nuovo.Ma allora tu e Francesca eravate compagne di scorribande???

    ReplyDelete
  8. Grazie speranza, mi rendo conto che sta sinusite mi logora I nervi e mi rende una persona peggiore :-(

    ReplyDelete
  9. Ehi auguriiiiiiiiii alla piccola despota! :D

    ReplyDelete
  10. tanti auguri alla piccola bea e auguri di guarigione alle sua mamma! valetlse

    ReplyDelete
  11. Non sono di Torino! Sono nata sulla sponda lombarda del lago Maggiore.

    ReplyDelete

  12. Anche qui siam nessi così, ma concentro energie positive e te le mando per teletrasporto energetico prioritario :))

    ReplyDelete
  13. I neurorazzi mi fanno sempre piu' ridere. grande anche per le 11miliardi di visualizzazioni. ricordati di noi amiche blogger di lunga data quando diventerai trend-setter. ho amato la Battuta da megera verso l'osservatore offendino.

    ReplyDelete
  14. grazie per gli auguri fanciulle, pr festeggiare i 3 anni Bea ha deciso di farmi dormire fino alle 9 del mattino!! mi sono svegliata praticamente ubriaca dal riposo!!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...