21.10.13

Post a trenino: la scoperta della Polonia

Dopo il post di Nonsis mai sugli stupori in terra a stelle e strisce e' arrivato quello di Erolucy. Mi attacco al trenino virtuale, cercando di ricordare quello che mi stupi' della Polonia in quel primo viaggio nel  lontano 2005 (Poznan - Gliwice - Cracovia - Varsavia - Wroclaw - Katowice in 12 giorni, eravamo giovani)

I negozi  aperti 24-7. Capii il fino ad allora inspiegabile sgomento del Senator di fronte al fatto che a Torino certi negozi son chiusi al lunedi' mattino, certi al giovedi' pomeriggio, molti dall'una alle tre e mezzo, tutti chiudono alle 7.30 e le domeniche aperte sono eventi speciali.

I ristoranti normali, non fast food, aperti in continuato. E capii lo sgomento del Senator che si chiedeva com'e' che un povero turista in Italia se finisce il giro delle bellezze da visitare alle tre di pomeriggio e' condannato a mangiar panini fino alle sette di sera.

I bancomat nei negozi e non solo nelle banche.

I divani nei negozi di libri e giornali e la gente che si siede e se li legge tutti senza nemmeno far finta di dare una rapida scorsa. Ma come, i padroni del negozio non si arrabbiano? E il Senator: no perche' tanto se non vendono il libro o il giornale, vendono il caffe' o la torta a chi se lo legge a sbafo. A ma il libraio puo' vendere il caffe' o la torta, non ha bisogno della licenza? E il Senator: una che?


I frigo con le bibite praticamente in qualsiasi negozio; tabaccheria, edicola, profumeria etc, che effettivamente quando fa caldo farebbero comodo pure da noi.

Il refil della bibita al fast food. A parte che il primo kfc della mia vita l'ho visto e provato in Polonia, sta cosa che uno prendeva il bicchiere e lo riempiva quanto voleva mi fece subito pensare: eh ma allora tutti prendono il bicchiere piccolo e lo riempiono 8 volte, no? E il Senator: ma tanto la soda costa niente, il profitto marginale e' comunque enorme.

Poter restituire entro 21 giorni qualsiasi cosa dopo averla comprata, senza spiegazione. Adesso su alcune cose addirittura si hanno 90 giorni di tempo.

Poter pagare con carta di credito o bancomat qualsiasi cosa, anche un chupa chups nella stragrandeenorme maggioranza di negozi, anche molto piccoli.

Poter fare il biglietto in treno aspettando il controllore al proprio posto e senza doverlo preavvisare e senza pagare alcuna multa.

Poter entrare in un negozio a chiedere dov'e' il negozio che vende le cose simili ma meno care nella zona, e nessuno che fa una piega ma anzi la commessa tira fuori google o le pagine gialle e si mette a scriverti indirizzo e numero di telefono.

L'assenza totale in tutti i ristoranti e bar del Coperto o del Servizio al tavolo, oggetto di odio da parte di tutti i turisti stranieri in italia e anche del mio, ormai. La mancia incentiva al servizio, il coperto e' un dazio.

Poter sedersi al ristorante  e ordinare solo un caffe'  o solo un antipasto, e nessuno fa una piega.

Poter fermare il taxi con la mano, come nei film e soprattutto non dover prendere il primo della fila ma quello che ti garba di piu', per tipo di auto e per prezzo (tariffa km esposta sul finestrino posteriore destro)

Tutte queste cose fecero si' che mi stupii di molte meno cose poi nel mio primo viaggio negli Stati Uniti e in altri paesi.
Tuttavia la cosa che piu' mi stupi' della mia prima volta in Polonia e fu proprio la prima cosa che scoprii dopo averne varcato il confine in auto in compagnia del Senator e di altri 3 passeggeri polacchi arrivati come noi all'aeroporto low cost  fuori Berlino, (dove ai tempi i polacchi coi furgoncini ti offrivano a prezzo d'affezione un passaggio a Stettino, la prima citta'con ferrovie dirette dopo il confine tedesco) lungo un tragitto dove non c'era nessuna stazione di servizio, e quando arrivammo alla stazione di Stettino e mi scappava ormai tantissimo la pipi' e vidi la scritta Toalety e freccia indicante un sottoscala, allora corsi' giu' per quelle tre rampe verso il centro della terra quasi facendomela addosso e quando arrivai in fondo vidi le due porte e su ognuna c'era uno di questi due simboli




wtf

percio' ligia al senso del pudore tornai su per le tre rampe  di scale in salita, ormai prossima all'esplosione, e chiesi al Senator: qual'e' il cesso delle donne??
E il Senator: che?
Cerchio o triangolo?
E lui mi guardo' come se fossi una demente che non sa leggere ma preso a pieta' me lo disse e io corsi giu' di nuovo verso il centro della terra e ce la feci davvero davvero per un microsecondo.
Sono passati otto anni e ancora adesso tutte le volte devo chiedergli Cerchio o Triangolo perche' non me lo ricordo mai, fortunatamente mano  a mano che si ristrutturano utilizzano i simboli omino donnina, dall'aeroporto a molti ristoranti,  ma negli uffici pubblici o nei bar e ristoranti vecchi e' ancora la prassi trovarli







29 comments:

  1. haha, ma sei perfida a non svelarci il mistero! Insomma, alla fine se mi trovo in un bagno polacco con i simboli mi toccherà aprire la porta e spiare come ho fatto sempre! Comunque ti devo ringraziare per questo post, che mi ha fatto ricordare di tutte insieme quelle cose che avevano stupito anche me. Tra tutte la mia preferita è prendere il caffè in elegantissimi ristoranti, o mangiare un piatto di "pyzy" nel ristorante storico della città pagando il prezzo di un panino.

    ReplyDelete
  2. ahaha Graziana ma io pensavo che tu invece lo sapessi! Non ho scritto la soluzone perche' la devo googlare, visto che non la ricordo MAI e ogni volta devo chiedere..

    ReplyDelete
  3. sì, l'ho saputo per qualche secondo quando ho chiesto e me lo hanno detto, ma ne ne sono dimenticata subito dopo aver finito i miei bisogni. Anche perché i miei studenti (il bagno con i simboli era in una scuola dove lavoravo) mi rispondevano sempre con quel risolino intriso di soddisfazione per la mia ignoranza!

    ReplyDelete
  4. Ma sarà il triangolo per 'il triangolo' femminile e il cerchio per la panzona piena di birra dei maschi? Cioè, io la soluzione non la so, ma se fosse questa sarebbe facile da ricordare.

    Sai che per lavoro dobbiamo compilare una sorta di manuali socioculturali dei Paesi di cui insegnamo le lingue? Peccato che non insegnamo il polacco, sennò avrei avuto tutto già bello e pronto scopiazzando da te!

    ReplyDelete
  5. mhhhhhh, non guardo su Dio Google e propendo per il cerchio; non avrei mai detto che la Polonia fosse cosi' americanizzata. A me ora mette ansia la domenica a Torino con tanti negozi chiusi e ricordo ancora il piacere le prime volte negli USA di comprare la carta igienica alle 11 di sera...

    ReplyDelete
    Replies
    1. Loro si sentono molto "derubati di 44 anni di sviluppo" causa comunismo e quindi vogliono recuperare tutto prima possibile,x rinnovare autostrade o ospedali ci vuole tempop ma per I servizi basta solo una mentalita' diversa e leggi del lavoro che la permetta

      Delete
  6. Direi cerchio ma mi butto anche io ... attendo lumi.

    ReplyDelete
  7. Ecco pensavo proprio a qs leggendoti mi faceva strano che già nella tua prima visita Varsavia fosse così avanti, visto che erano ancora gli anni in cui tante badati venivano in italia (mia nonna avuto solo badanti polacche). Poi hanno ricominciato...ma già da allora così aperti è bello, mi chiedo allora come gli sembrava la puglia...oppure quelli che venivano da noi non era certo la gente di città, quindi più propensa ad accettare certe arretratezze...
    Comunque leggendo i vs post mi avete fatto sognare..un mondo bello e migliore che a volte fatico a vedere...
    Se dovessi scrivere le prime impressioni su Kuwait poche sono quelle positive. ecco Il cielo, la luce...il mare in città...
    il feeling è nato dopo ma la prima impressioneè stata una vera cultural shock...( e per fortuna che ho sangue pugliese nelle vene...e non milanese e torinese....nel senso che a certi disservizi sono abituata....)

    ReplyDelete
  8. Anche io sono d'accordo con CeciliaChristine: triangolo donna, cerchio panza di birra maschile :)))
    Bello questo post, mi fa ricordare i primi tempi in Spagna, per la Francia è ancora troppo presto :)

    ReplyDelete
  9. Poco prima do andare in polonia quell estate passai 6 settimane a dublino,ricordo ancora lo shock di comprare una scheda sim x I'll cellulare senza dover mostrare nessun documento o fornire nessun indirizzo, come poi appunto e' anche in polonia..e scoprire che nn si deve. Nemmeno andare fino al negozio di telefonia ma in tantissime edicole le vendono! Ci fu questo periodo che comprai sim in ogni posto cosi nn pagavo mai roaming e quando atterravo tiravo fuori I'll mio parco sim (belga,italiana,polacca,uk, irlandese) e mettevo quella adatta nel cell nello stupore dei miei vicini passeggeri....

    ReplyDelete
  10. Vabbè, ma non sveli? Io invece dico cerchio donna e triangolo uomo.
    Sarebbe bello sentire le impressioni del Senator la prima volta che è venuto in Italia...

    ReplyDelete
  11. svelo?

    dai si raccolgono le scommesse fino a stasera e domattina col caffe' ve lo dico!

    parlavo del tema di questo post col senator e lui si e' divertito molto,quando lo rivedo (mercoledi' sera) ve lo intervisto, sicuramente mi commuovero' perche' l'italia fu il primo paese non appartenente al blocco sovietico visitato dal senator nel lontano 1993 con i suoi genitori e i fratelli che erano molto piccolini, mentre lui aveva 13 anni: andarono in auto al mare a Rimini. Per lui la prima immagine dell'Italia furono le Alpi orientali (in Polonia le montagne non sono molto alte, solo nella zona dei Tatra alcune vette arrivano ai 2mila e cinque) con il cielo azzurro d'estate e nel walkmen "knockin on heavens doors" nella versione dei guns n roses

    ReplyDelete
  12. O_o cerchio o triangolo??? mamma mia.... potrei googlare ma provo a indovinare, eh? ;) Triangolo?

    Anche io ho fatto il post trenino.
    Alcune cose sono anche valide per gli States. Diciamo che l'Italia e alcuni paesi latini sono proprio mediterranei, dalla mia prima volta in USA alcune cose sono arrivate anche in Italia. Chissà come si andrà avanti...

    ReplyDelete
  13. Mi stupisce come le cose che ti hanno colpito della Polonia siano molto simili a quelle che hanno colpito noi all'arrivo in Usa!!

    ReplyDelete
  14. e allora....rullo di tamburi, nessun polacco da me interrogato sul perche' sia cosi' ha saputo darmi una spiegazione del tutto convincente ma il cerchio indica la donna e il triangolo l'uomo.

    ReplyDelete
  15. :-O ohhohhhooohhh! Senza spiegazione però non vale. ;) Il triangolo aveva un suo perché per le donne (e mi è piaciuta un sacco l'idea che il cerchio fosse una pancia piena di birra ;) ) così ci riman la curiosità :)

    ReplyDelete
  16. il Senator ha tentato per dieci minuti di sostenere che il triangolo sia la forma dell'uomo, io gli ho fatto notare che nella struttura fisica dell uomo polacco medio il triangolo si presenta non singolo a mo' di nuotatore ma come minimo sestuplicato a formare un bell esagono...

    ReplyDelete
  17. O_o wow effettivamente era davvero difficile capirlo!!!!

    ReplyDelete
  18. Ecco, è questo il motivo per cui mi confondevo sempre! Comunque non sono andata a cercare spiegazioni su google perché non c'è gusto, si sarebbe persa l'atmosfera da caffè tra donne :)

    ReplyDelete
  19. Ma io ho pensato proprio alle parti coinvolte quando si va alla toilette: cerchio accoglie, triangolo penetra.

    ReplyDelete
  20. Fede, anche il Senator mi ha sostenuto tra le varie che il cerchio indica il buco, mentre il triangolo indica quello che nel buco ci va.
    cosi' poi ho fatto sogni assurdi di uomini polacchi che al posto del pisello avevano una squadra della Arda.

    http://www.fiscalpointsrl.com/public/prodotti/1262013124450a.jpg

    ReplyDelete
  21. Pero', il disegno tecnico ne fa di danni, eh.

    ReplyDelete
  22. Che finale di post freudiano :D Si' non vedo l'ora di conoscere l'italia con gli occhi del senator!

    ReplyDelete
  23. Ciao, scusa se ti disturbo e vado un po' fuori tema, ho bisogno di una mano per un esame. Devo preparare un piano di marketing e devo cercare di capire se i polacchi conoscono o vanno in vacanza in Friuli Venezia Giulia. Ne sai qualcosa?
    Grazie dell'aiuto :)

    ReplyDelete
    Replies
    1. X aver dati di questo tipo ti convien telefonare all ente x il turismo del friuli e domandare a loro dovrebbero aver delle statistiche

      Delete
  24. Sì, quei dati li ho trovati.. Mi servirebbe proprio avere qualche esperienza vissuta in prima persona :)

    ReplyDelete
  25. Applina, per quanto ne so io(ho lavorato come cameriera a Sappada e spesso andavo ad Udine),il Friuli VG è molto conosciuto dai polacchi, che non solo ci vanno in vacanza, ma ci vivono e lavorano :)

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...