12.12.13

The flatmates - season 2013 final episode

Domani sera torna il Senator dall'ultimo viaggio di lavoro del 2013: in se' la sua presenza non cambia radicalmente le competenze e il mio orario di lavoro, pero' vuoi mettere quando ti vedi con un'amica di un altro giro e puoi finalmente  lamentarti delle tue coinquiline che per l'amor di Dio, son due bravissime ragazze, simpatiche eccetera, ma che quelle rare volte che cucinano lasciano un casino dietro che ti tocca pulire manco fossi loro madre e allora preferisci cucinare tu per tutti come al solito.
Ecco, sono al settimo pomeriggio da sola con le due sorelline e ormai la percentuale di me madre e' residuale rispetto a quella di head flatmate, la coinquila meno divertente del gruppo, quella che nei telefilm arriva sempre trafelatissima, spettinata e soprattutto per ultima mentre tutti ridono e lei non sa perche', quella che gli tocca controllare che tutti paghino le quote, rispettino i turni delle pulizie e della spazzatura, spengano la luce e stacchino la tv e i caricabatterie di cellulari e pc prima di uscire di casa: e' rispettata da tutti perche' si prende un lavoraccio che non piace a nessuno e da cui tutti traggono beneficio ma contemporaneamente e' anche un po' 'na palla per tutti. Ma chi si crede d'esser, nostra madre?
Un po' per principio e un po' per sopravvivenza, fin dall'inizio ho impostato l'educazione delle due Ice selezionado i miei No ed impegnandomi a far passare solo quei concetti che per me sono davvero basilari e importanti: sul resto, sorveglio senza interferire se non e' necessario.
Pero' mi accorgo che mano a mano che loro crescono e io invecchio, l'anarchia da tantotatoe'via si  espande sempre piu' veloce nelle quattro dimensioni (la quarta e' l' acustica) e la mia tolleranza di tutto questo si sta modificando: piu' il tato e' via,  piu' la mia pazienza materna decresce, quel modo di pensare "son piccole, glielo ripeto a oltranza,ma ancora non capiscono che non si sparge mezzo kg di farina per tutta la casa approfittando di quei tre secondi che sono andata a far pipi'"  mentre subentra una nuova forma di sopportazione da coinquilina " son piccole, glielo ripeto a oltranza, se ancora non capiscono che non si sparge mezzo kg di farina per tutta la casa approfittando di quei tre secondi che sono andata al cesso, almeno che imparino a usare scopa e paletta e puliscano dopo".
Mentre il concetto di piantarla di far casini appena mi giro non le scalfisce minimamente, invece l'idea di spazzare, pulire con lo scottex e lo spruzzino, mettere i giochi a posto, e' abbastanza cool. Certo non lo fanno per bene, poi mi tocca comunque ripassare, ma almeno il messaggio di responsabilita' civile dei danni arrecati e' passato.
Per una madre che spera che prima o poi le figlie capiscano che no vuol dire no per una valida ragione, non basta. Ma per una serena convivenza tra coinquiline puo' bastare che siano brave ragazze, simpaticissime eccetera e che cerchino di sistemare quando fanno casino, che ti lascino in pace quando e' il tuo turno di usare il computer in comune su cui loro hanno visto tutto il tempo che gli e' garbato i cartoni, che quando vuoi rilassarti un attimo facendo la doccia ti lascino da sola. E loro sono cosi'. Oddio, se ti lasciassero pure leggere sul divano quando non hanno voglia di dormire la sera, anziche' diventar isteriche, allora sarebbero praticamente le coinquiline ideali.
Magari succedera' nei nuovi episodi della stagione 2014

13 comments:

  1. giovani coinquiline crescono e intanto migliorano :)
    Elena

    ReplyDelete
  2. Aspetto la nuova stagione eh, i miei per ora hanno imparato a pulire e mettere a posto, e per fortuna non abbiamo il computer in comune

    ReplyDelete
  3. Valentina, io la penso esattamente come te: pochi no ma fermi, pochi concetti ma saldi, per il resto lascio fare fino a ché non si mette in pericolo. Ma questo mi sta diventando monello!!! Sono disperata non so più cosa fare!!! Ieri ad un certo punto mi sono detta: adesso urlo a più non posso!! Ma é proprio quello che non vorrei mai fare! Mi sono sempre ripromessa che non avrei mai urlato che sarei stata autorevole e non autoritaria che mi sarebbe bastato uno sguardo per fargli capire che no! non si fa!! Ed invece non é così! Ha 2 anni e mezzo e comincia a voler fare solo quello che vuole si butta a terra, scappa, rifà subito quello che gli ho appena detto di non fare e mi guarda ridendo. Lo sgrido é mi ride in faccia. Io non voglio spazientirmi e non mi voglio arrabbiare ma come si fa? Avete consigli?
    Sylvie "Pomme"
    ps dal telefono non riesco a loggarmi posso solo come anonimo abbiate pazienza :-)

    ReplyDelete
  4. ciao Sylvie..penso che la tua creatura sia in quel periodo di merdissima che gli inglesi hanno giustamente ribattezzato terrible two: una fase lunghissima di capricci tremendi che ledono i nervi di tutti. Anche io ho urlato, anche io ho perso la pazienza, anche io non sapevo piu' dove sbattere la testa. Mi e' servito confrontarmi con amiche che vivono la maternita un po' come me, sulla giusta via di mezzo, ne' super bio ne' super rigide e ci siamo fatte coraggio. Poi in linea di massima questi
    o periodo cosi' lungo di estenuazioni passa...pero' questa settimana la viatrix me le ha fatte girare per quattro giorni di fila
    consigli, come al solito try and error, prova e non ti scoraggiare se quello che funziona due volte di fila la terza no. Io in quel periodo usai tanto il passeggino come angolino della riflessione. Quando non mi dava retta e faceva troppo isterismo urlando etc la mettevo chiusa nel passeggino e le dicevo ora ti calmi e quando sei calma te lo spiego di nuovo. 5 minuti di tortura acustica, poi si quietava un po' e allora rispiegavo di nuovo...
    vestirla era un casino, ho iniziato a proporle da cosa voleva partire prima: calzini? maglietta? oppure tra due magliette quale preferiva? avere questo tipo di scelte la faceva sentire meglio... l'autoaffermazione dei bimbi e' un periodaccio x tutte, chi ti dice che il suo e' sempre stato bravo mente!

    ReplyDelete
  5. Insomma, le stai preparando a essere future brave coinquiline erasmus! Ti posso mandare anche la mia nuova coinquilina ventenne?

    ReplyDelete
  6. Grande Vale!
    Vedrai, arriverà il tempo che prima di andare a letto sarete tutte e tre sul divano ognuna con il suo libro/rivista. Ed è una fig*ta!!

    ReplyDelete
  7. Speriamo che passi, per ora all'angolo della riflessione mi fa due leve, se io gli dico ora ti metti li è ti calmi questo corre, salta sul divano, si butta a terra, salta sul letto, si nasconde sotto le coperte e riparte a correre , io provo a prenderlo arrabbiatissima e mi sguscia via come un anguilla ridendo. Non riesco nemmeno a prenderlo in braccio da tanto si dimena, figurati metterlo sul passeggìno. Alla fine estenuata lo lasciò fare e sto solo attenta che non si faccia male. Vorrei solo trovare un modo per farmi rispettare. Comunque é vero tutte le persone con cui parlo hanno figli che dormono tutta la notte, ubbidiscono e giocano da soli :-) Sylvie

    ReplyDelete
  8. Sylvie infatti la mettevo nel passeggino chiusa xche era l unico modo di tenerla ferma e per farlo era puro wrestling (pesava gia 15 kg)..sai quante volte lei sfraiata a terra battendo calci e pugni x stupidaggini incredibili..tieni duro mentalmente ripetendoti non sara' cosi per sempre, cerca di fare del tuo meglio, quando non ci riesci amen, non devi esser una roccia perfetta a cottimo x esser una "brava mamma" e' nel corso naturale che tuo figlio puo' scoprire che anche tu hai delle emozioni,anche tu puoi piangere a causa sua ..e poi se vuoi scrivimi via mail che cosi ci scambiamo I contatti privati e ti metto nel mio giro di mamme anonime ;-)

    ReplyDelete
  9. Dai, almeno sono simpatiche ;D arriveranno tempi migliori...lo spero anche per me!

    ReplyDelete
  10. Mi piace questo punto di vista ma in questi giorni sono terribilmente nella fase : i don't want no babies.... Vado un po'a periodi

    ReplyDelete
  11. Riru,anche io vado a periodi e ti assicuro che quando ho scritto sto post nn solo ero nella faser I don't want no babies ma pure I'm movong out!

    ReplyDelete
  12. Noi siamo ad una stagione difficile, speriamo nella prossima @.@

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...