20.1.14

falsi amici

Chce pomóc pani?
Vuole aiuto signora?  
Solitamente riferito ad una italiana che gira per Varsavia con due figlie di cui una nel passeggino e l'altra o sulla pedana o sulle spalle e che mostra palese intenzione di salire e scendere dagli autobus o dalle scale)
Diekuje! 
Grazie! La sventurata rispose 
E il sollecito offerente si dileguo' un po' stupito.

10 mesi e ancora mi dimentico che rispondere grazie ad un'offerta significa rifiutare, bisogna rispondere un enorme TAAAK prosze (Si per favore) o almeno TAAAK dieki prosze (Si grazie per favore). 

TAAAAK
TAAAAAK

8 anni che mi relaziono indirettamente con questa nazione e ancora faccio fatica a non sorridere quando mi si presenta  una delle milioni di persone di sesso femminile che si chiamano Magdalena, universalmente dette Magda 



 TO BE CONTINUED...

8 comments:

  1. Dai è facile ricordartelo, sembra un taaaaac molto alla milanese tipo il tipo si è avvicina e tu fai taaaaac trovato l'aiuto :)

    ReplyDelete
  2. Ahhh ! Apprezzo che te lo chiedono ...a Milano raramente !

    ReplyDelete
  3. IO, Furio, lo uso da sempre per bloccare mio marito quando esagera con l'ansia ed il perfezionismo.
    "Magda, tu mi ami, sii? lo vedi che la cosa è reciproca?"
    Un mito

    ReplyDelete
  4. Impossibile restare serie in un paese pieno di Magde!

    ReplyDelete
  5. ...speriamo che non siano tutte dotate di un apposito Furio!!!

    ReplyDelete
  6. eheheh ogni marito e' in realta' un Furio a percentuale variabile..ricordo ancora quando decisi che ormai il Senator era abbastanza avanzato in italiano per vedere bianco rosso e verdone...piangeva dalle risate ma ad un certo punto ha fermato e mi ha guardato serissimo dicendo: pero' io non sono cosi', vero? io sono scoppiata a ridere e lui un po' meno...

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...