12.3.14

Tiger Mom

Il sole ha inondato le stanze alle cinque e cinquantasette, annuncio inequivocabile della primavera nordeuropea, una stagione  che prende a morsi la notte per consegnarci ad una nuova estate di giornate lunghissime.
Lei si e' alzata emozionata. E anche l'altra lei, quella che non fa nemmeno un metro e ha piu' energia di un turboreattore nucleare: e' rientrata correndo e salutando tutti e tutto, perche' come nella Pimpa, anche nel suo mondo gli oggetti hanno un nome e la bocca gli occhi e il naso.
Buongiorno maestra!
Buongiorno Armadietto!
Buongiorno Zainetto!
Di colpo sei settimane di fatica, di preoccupazione, di paura, sembrano svaniti. Rimane solo quella piccola cicatrice a ricordarlo, mentre lei sprizza gioia e vita come se invece nulla fosse mai stato.
Torna a casa dall'altra piccola: occuparsi di lei, della casa, delle valigie da sfare..e prepararsi.
Che oggi e' il primo giorno di sole, il primo giorno del rientro all'asilo e anche il primo giorno dopo un lungo pezzo che ha un appuntamento a pranzo, nel mezzo della settimana.
La piccola mangia diligentemente il suo piatto di pasta, strategicamente congegnato in modo che si addormenti nel passeggino nel tempo da casa al ristorantino.
E lei decide di usare quei cinque minuti non per piegare l'ennesima asciugatrice, ma per truccarsi, che non lo fa da una vita di truccarsi di giorno, almeno da tanto tempo quanto dall'ultima volta che ha avuto un appuntamento a pranzo durante la settimana con l'uomo di cui e' innamorata anziche' un'altra mamma.
Mezzogiorno, e' l'ora.
Jeans e felpa, ma carina. Giubbotto sportivo ma sciarpetta e berretto rosa sbarazzini. Mette dietro gli occhiali da sole nuovi gli occhi accesi di verde e di bianco.
Scende dall'autobus e spingendo la bimba gia' addormentata, quasi corre a passo di una musica che sente solo lei,  risalendo il grande marciapiede, col vento e il sole nei capelli.
Entra nel posto, lui si alza e le viene subito incontro.
Si baciano.
Come sei bella!
Lei toglie gli occhiali.
Ma...ma tu stai bene senza niente, cos'e' questo trucco cosi'...forte?
Fine della musica.
Beh..per cambiare, c'e' il sole, e' primavera.
Ma tu stai bene come sei.
Ma io sono come sono, anche quella volta ogni centosessantanni che ho finalmente tempo di truccarmi!
Pero' non ci vediamo mai a pranzo in settimana , potevi risparmiartelo di truccarti con una roba cosi' forte che non ti riconosco!
Semmai lo dico io che non ci vediamo mai a pranzo in settimana e potevi risparmiartelo e stare zitto, se non ti piaceva!
Okay, mandiamo tutto a rotoli?
Scoppiano a ridere.
15 minuti dopo.
Hai ragione, devo solo farci l'occhio, pero' ricordati che per me sei bellissima anche senza aggiungere niente
Grazie.
Un'ora di tempo rubata al mondo che invece continua a camminare, lavorare e produrre, sembra lunghissima e dolcissima.
Lei riprende i manubri del passeggino dove la piccola sta per svegliarsi e si salutano, lui torna al lavoro, lei  a prendere l'altra bimba all'asilo.
Ciao mamma!
Ciao tesoro!
Mamma, che cos'e' agli occhi? Sei mamma tigre!!!!!!!!


15 comments:

  1. Sei un bellezza naturale, acqua e sapone, ma che cavolo un pò di trucco ogni tanto ci sta! Magari potresti provare ad usare una matita verde o viola o anche bordeaux,a mò di kajal da sfumare un pò, più facili dell'ombretto, più veloci, successo assicurato e meno vistose,forse il marito apprezzerà di più e non ti dirà che hai il trucco pesante!
    Viva mamma tigre!

    ReplyDelete
  2. 'Sti uomini ... Mi ricordo ancora quando il mio ragazzo (ancora non lo era, lo diventò proprio quel giorno), una sera che mi ero vestita 'da femmina', al togliermi il cappotto e rivelare una maglietta scollata, mi disse: oddio, Che, copriti! (In spagnolo:tapate eso).

    ReplyDelete
  3. w le mamme tigre non certo per il trucco, ma per la capacità di essere sopravvissuta ad un periodo davvero....INCREDIBILE....


    ReplyDelete
  4. io credo fermamente che come mi vesto, mi trucco, mi pettino, siano solo affari miei, se agli altri piace bene, senno' chissene, devo sentirmi a mio agio io.
    e lui lo sa benissimo, percio' aveva solo da optare per lo star zitto o darsi il tempo di elaborare il trucco inaspettato, se non chiedeva scusa si autocondannava a vedermi tempestata dei pigmenti piu' improbabili per le prossime settimane, al solo scopo di punirlo ahhahahaha

    ReplyDelete
  5. Sono felice di apprendere che le litigate in pillole omeopatiche stanno migliorando la vita,come mi hai raccontato in questi giorni.Bea con le sue battute è,esattamente come va dicendo in questi ultimi tempi, proprio incredibbile. E lo dice così con due B,è contagioso...Adesso anche Danilo ed io lo abbiamo adottato,nel lessico familiare."Incredi-b-b-iiile",come esclama Beatrice è molto più di incredibile.....e poi quell'ineffabile "come sei cresciuta"che prosegue le sue constatazioni surreali...anche quello da lessico familiare forever!Mamma Tigre è incredibbile come sei cresciuta!!!Non era ieri che stavi tu nel passeggino?

    ReplyDelete
  6. Ah, che bello, il periodaccio è finito e ora si può riprendere a discutere di trucco o non trucco. Fiu! :-)

    ReplyDelete
  7. Ti dico solo che il mio dopo che non mi vedeva da tre mesi, non si è accorto che avevo tagliato i capelli...non li avevo spuntati sia chiaro, li avevo proprio tagliati tanto!!! E lui è uno che si accorge!

    ReplyDelete
  8. si', e' bello sentirsi a proprio agio in trucco e parrucco, ma secondo me e' bello anche piacere alle persone cui si vuole bene. io personalmente sono piu' contenta quando piaccio anche agli altri piuttosto che solo a me stessa. questo non vuol dire lasciarsi condizionare o cose simili...
    certo, P ha smorzato un po' il tuo entusiasmo, ma vabbe', perdoniamolo :D

    ReplyDelete
  9. Che occhi!
    E che bello poter discutere del niente dopo settimane così pesanti!

    ReplyDelete
  10. dal titolo pensavo che il post parlava di tutt'altro... meglio cosi' :-)

    vorrei fare i complimenti alla tua mamma per il bellissimo commento :-)

    proprio ieri al parchetto c'erano una mamma e una nonna, la nonna spingeva la bimba sull'altalena a fianco a quella di D e mi ha detto "goditelo, non avra' 2 anni per sempre" e indicava la figlia :-)

    ReplyDelete
  11. Un po' di colore, anche bello acceso, perchè no? ogni tanto fa bene!!!

    ReplyDelete
  12. credo che io avrei avuto la tua stessa reazione!

    ReplyDelete
  13. Ogni tanto ci vuole un tocco di colore!!

    E comunque anch'io dal titolo pensavo tutt'altro ;-)

    ReplyDelete
  14. Un po' di leggerezza ci voleva :-)
    E la tua bimba grande è un mito!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...