1.7.14

The Acquatic Life of a Mother late for the Kindergarden Pick up

Pioveva a dirotto anche se era il trenta giugno.
Tu eri la' e io e tua sorella eravamo qui.
Nel mezzo secchiate dal cielo e laghi sull'asfalto. Ormai erano quasi le quattro, non potevo piu' sperare che diminuisse per venire a prenderti. Scafandrai in assetto da immersione tua sorella nel passeggino e non trovando il mio berretto, presi al volo quello rosso di tuo padre.
Tornammo venti minuti dopo: tutte e tre zuppe fradicie.
Incrociammo sotto il portone i nostri nuovi vicini super fashionable che ci sorrisero condiscendenti. E poi la vidi li', orgogliosa, bagnata e come al solito le chiavi al collo, riflessa nello specchio dell'ascensore: appena riemersa dall'ennesima mirabolante avventura, la tua mamma Cousteau.
It was pouring rain even though it was the 30th of June. You were there and me and your sister, we were here.
In between us, buckets from the sky and lakes on the asphalt.
As it was nearly four o'clock, I could not hope any longer that it would decrease before coming to pick you up. I equipped for a stroller dive your sister and as I couldn't find my cap, I just grabbed the red one of your dad.
We returned twenty minutes later: the three of us completely soaked wet. We meet in the doorway our new very fashionable neighbors who smiled graciously at us. And then I saw her: proud, wet through, wearing as usual the keys around the neck, reflected in the mirror of the lift: newly resurfaced by yet another amazing adventure, your mom Cousteau.





17 comments:

  1. You are simply the best :) !!!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. miss you my friend, cant wait to sneak into your office next week :-D

      Delete
  2. Una mamma Cousteau è un ricordo fantastico da conservare.
    Se poi è anche bella (lui insomma ecco), allora tutto è perfetto

    ReplyDelete
  3. <3 <3 <3
    tu sei un genio e questa nuova impostazione del blog è fantastica!
    Elena

    ReplyDelete
    Replies
    1. come no! cosa non si direbbe solo per assicurarsi un piatto di pierogi la prossima volta che passerai di qui :-D!!

      Delete
  4. Come sempre riesci sia a fare le grandi sintesi che a soffermarti su questi episodi minimi e intensissimi.
    Ma questa nuova mise en page (a-hem, deformazione professionale), quanto mi piace? :D

    (PS: anche a Londra si rischia l'annegamento tutte le sere)

    ReplyDelete
  5. Trippo bella! A me e' successo due volte di ritornare a casa col nano completamente fradici, ma per fortuna era estate entrambe le volte e alla fine ci siamo pure fatti due risate :-)

    ReplyDelete
    Replies
    1. se avessi avuto le galosce potevo fare mamma pig, sara' per un altra volta

      Delete
    2. E chi non vorrebbe essere come Mamy Pig? Non perde mai la pazienza, non alza mai la voce, fa tanto my lady inglese coi suoi adorabili 'do be careful, Daddy Pig'. Per uscire a cena con Daddy Pig mette dei cappellini che neanche Eliza Doolittle alle corse dei cavalli di Ascot, ma in spiaggia va di bikini senza farsi intimidire dai rotolini di porchetta. Mito assoluto!

      Delete
    3. Io faccio il tifo per la Signorina Coniglio pero'!

      Delete
    4. Io di Mrs Rabbit piu' che altro vorrei avere lo stipendio a fine mese...coi millemila lavori che fa!

      Delete
  6. Allora diciamo: la classe nonostante la tanta acqua ;)

    In effetti certe giornate polacche mi hanno ricordato la verde e piovosa Inghilterra :) Ma confido in un autunno clemente.

    ReplyDelete
  7. Bello il post, bella la foto, perfetto il titolo! :-)

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...