26.1.14

Neurorazzi vs. la Scienza Domestica

9 comments:
Alcune  certezze apprese vivendo con due coinquiline sotto i 4 anni,  che manco nella fu Enciclopedia della Donna o nell'attuale Marta l'Onnipotente.

Legge della Adesivita'.
Perche' spendere soldi in attack che dopo il primo uso il tubetto irrimediabilmente si secca e non potra' mai essere utilizzato di nuvo, quando lo yogurt della Danone per i nani si incolla immediatamente ed ha il pregio non solo di seccare in un secondo ma anche di diventare una molecola unica con il materiale su cui e' caduto, specialmente il parquet.

Murphy applicato all'umidita'
Ci sono asciugatrici che escono asciutte e calde come brioches fragranti. Poi ci sono quelle che contengono il capo bastardo (notoriamente per chi ha figli esso corrisponde al 99% al blue jeans taglia 18 mesi) che rimane per sempre umido ed ogni volta che metti la mano nel cestello dici ancora 10 minuti. Dopodiche' ti accorgi che e' tutto il giorno che va la STESSA asciugatrice  e il livello di guardia del cesto dei panni sporchi non e' calato come ti auguravi.

La relazione direttamente proporzionale della puzza
Esiste una relazione direttamente proporzionale tra l'oscurita' e l'olezzo; piu' una puzza puzza, piu' e' oscura la sua origine, piu' e' strana la puzza, piu' e' strano l'oscuro antro da cui si dipana. Percio' l'unica e ' partire dall'alto salendo su tavoli e sedie e guardandosi tutto intorno e poi scendere, abbassarsi, fino a strisciare come ninja, investigando ogni singolo piccolo angolino buio finche' le maledette bucce di mandarino decomposte salteranno fuori, nel cono d'ombra tra modem e pallina dell'albero di Natale entrambi accucciati sotto il divano.


Murphy applicato alla sveglia

Tutta la settimana le butti di peso giu' dal letto alle 8.30 per arrivare all'asilo alle 9. Sabato  e domenica alle 7 sono in piedi come grille.Sempre.


Ciononostante, quando tornera' mio marito,il cervello matematico di casa, dovro' chiedergli in base a quale principio della fisica ha pensato che fosse una buona idea appendere un quadro accussi' grande a quel chiodino lungo due cm con capocchia di 3 millimetri...facendomi venire un coccolone quando ho sentito TUNK nel cuore della notte!

21.1.14

ventiquattrore del ventun gennaio duemilaquattordici

16 comments:
00.00
La torta nutella facilissima cuoce in trenta minuti, e' ancora in forno perche' lo stecchino e' uscito inesorabilmente bagnato, diventando quindi la torta bottana cuoce in un'ora abbondante.
Madame Gazzella Senior mi ha appioppato di fare una torta per la festa dei nonni all'asilo, senza sapere che  1) a far le torte sono due mani sinistre pure con l'arrivo del bimby, 2) nessuno dei nonni viatriciani sara' presente quindi io valutavo persino l'idea di non mandarla, per non soffrire di vedere che gli altri hanno i nonni a portata di mano e lei no.
In realta' sono ancora in piedi a far la torta bottana perche' proprio stasera Meraviglia ha deciso di provare a vedere com'e' stare svegli fino a tardi e ha scelto il fuso orario di New York.

00.01
Meraviglia ha finalmente deciso che si e' fatta l'ora di dormire, pur non capendo minimanete perche' io ricambiassi le sue risatone e occhioni pieni di affetto e allegria con l'aria materna di Jack Nicholson in Shining. Mi fiondo nel letto portandomi dietro la scia pruriginosa di zucchero, timo, rosmarino e agar agar incollatisi sotto i miei piedi dopo che la nana ha rotto i diversi contenitori per provare a farne torri. Amen, comunque avrei dovuto cambiare le lenzuola uno di 'sti giorni.

00.02-00.03-00.04
Non si registrano attivita'. Pero' chissa', magari e' solo perche' dormivo secco.

00.05
Il mio corpo avanza al rallentatore mentre il cervello invece rotola giu' dal mondo dei sogni che non si ricordano quando dormi secco  in un salto di tre anniluce: mi dirigo verso la Stazione Frigorifera come un austronauta richiamato da Houston nel bel mezzo di galassie lontane lontane per riempire un bibe di latte alla Viatrix. Il forno lampeggia le 5.37. La Viatrix vuole anche compagnia e due coccole, dopo un tempo lunghissimo (probabilmente non piu' di dieci minuti, ma si sa che i minuti notturni delle madri, sono come gli anni dei cani, vanno moltiplicati per sette) ritorno nel mio letto pruritino di zucchero, timo, rosmarino e agar agar. Devo ricordarmi di cambiare le lenzuola prima di stasera.

00.06
Tre secondi dopo che invece secondo il forno sono 40 minuti dopo, ritorno sulla Terra in missione Ciuccio disperso

00.07
Suona la sveglia. Col cavolo, la metto alle 8.

Mamma, devo fare la cacca vieni! Non si capisce perche', ma quando e' buio ci vuole la scorta materna per andare in bagno, forse ha paura che esca un coccodrillo dal water, che in fondo Varsavia e' la New York di questa parte d'Europa?

Hai fatto?
Non ancora
Hai fatto?
Si, ma ne devo fare ancora
Hai fatto?
Mamma, non rompere!
Bea rompo perche' ho sonno, voglio tornare a dormire!
Ok, mamma,ho fatto.

00.08
Suona la sveglia. Non ce la posso fare, la metto alle 8.30
Dopo un attimo sono le 8.30
Accidenti.
Ok, mi alzo.
Ops, chi c'e'?
La Viatrix russa accanto a me.
Inviato a K.: Ho dormito niente, non ce la faccio per il caffe' delle nove
Esco come un ninja dal fondo del letto, controllo su wunderground la temperatura esterna (-9) infilo Meraviglia nel pigiama , dentro il saccone, con la testa nella coperta bucata, dentro il passeggino. Metto il cappotto sulla tuta con cui ho dormito. Sveglio la Viatrix per vestirla, visto che lei e' l'unica che non puo' uscire in pigiama.

00.09
Esco in ritardissimo, incontro il Mammo che accenna un sorriso e due battute ma capisce che non e' il caso, arrivo all'asilo, affido la Viatrix e la torta bottana a Madame Gazzella Junior, torno a casa.
Mi tuffo nel caffe'.
Inviato da K: senti vuoi venire da me per pranzo?


Inviato a K: wow, onestamente non vedo nessun motivo per declinare

00.10
Dopo una doccia con nanospettatrice intenta a distruggere il rotolo di cartaigienica, ho cercato di vestirmi bene, compatibilmente con i menonove, la pargola appresso e il non essere piu' allenata a vestirmi bene. Dopo la doccia ho smesso di pensare a quanto sonno ho, a quanto mi manca dormire. E' sempre cosi': quando penso di non farcela piu' per davvero, succede qualcosa per cui di colpo il limite che pensavo di aver raggiunto e' di nuovo qualche kilometro piu' avanti.

00.11
L'ora di gloria


Ecco, sono entrata in banca coi capelli sporchi di tre giorni schiacciati dal cappello da siberian husky, il cappotto sbavato del latte vomitato dalla Meraviglia in taxi, i jeans con un buco che giuro non avevo visto e i doposci che ormai di bianco hanno solo piu' la cerniera, spingendo il passeggino dalle ruote dispensanti fango neve e sale in quantita' sul pavimento pulitissimo lucidissimo.
Ho guardato dritto negli occhi la profumatissima pettinatissima e truccatissima signorina della Reception.
Buongiorno ho appuntamento per firmare delle carte, sono la moglie del Senator
La moglie del Senator?
Preeeeego si accomodi, vado subito a chiamare il Signor X, mi dia il cappotto, mi dia la sciarpa!
La moglie del Senator? Desidera caffe', te', me?
La moglie del Senator? Ma che bello lei e' italiana! Io adoro l'Italia non ci sono mai stata!
la moglie del Senator? Il Signor X arriva subitissimo, ma che bella bambina (Meraviglia rutta) che tesoro!
Il Signor X arriva praticamente camminando sulle ginocchia e con le fotocopie che devo firmare in bocca, senza ovviamente sbavarle.
Dopodiche' tutto il coro di astanti applaude alla mia bravura nel mettere firme nei punti segnati con la x a matita e me ne vado con tanti saluti.
So' cazzate, ma ho ripensato alla macchia di latte sul bavero giusto quando ho riappeso il cappotto stasera.

Dopodiche' sono riuscita  a rivendere al nuovo tassista in dieci minuti tutte le parole di polacco che conosco: per la prima volta in dieci mesi che tento di parlare questa lingua mi e' stato chiesto non se sono francese, ma se sono slovacca: inizio ad avvicinarmi ad Est del latino!

12-14
Pranzo da K con Meraviglia e i suoi due. Ne esco allegra e leggera come se avessi dormito tutta la notte precedente, ormai il procedimento di reboot e' completo.

15
Trovo la Viatrix intenta ad aiutare Madame Gazzella Medium a disfare l'Albero di Natale: mi corre incontro felice, mostrandomi il cuore con le impronte delle sue manine e la medaglia a forma di fiore che ha preparato per i nonni, non pare aver fatto una piega sul temuto risvolto emotivo della faccenda, anzi mi ha detto che si e' molto divertita. Com'era la torta bottana, fatta dalla mamma? Non mi piace torta, dammi pane con lojo.

16
Telefonata Skype con i Nonni durante la quale la Viatrix scopre in un colpo solo l'esistenza, il suono e il nome dell' ARMONICADELNONNO: rimarra' sopraffatta dall'emozione fino alla buonanotte.

17
Assedio a Beirut, ovvero i miei disorganici e poco efficienti tentativi da Sfigalady di risistemare il casino allucinante prodotto dall'esistenza di noi tre in assenza di Furio  del Senator

18-20
Cena delle Ice entrambe di buon umore, Bagno e Cartoni.

21
Combinazione magica: dormono entrambe e io posso darmi alla pazza gioia computeristica: spesa on line per rifornire la Stazione Frigorifera, scrivere questo post e soprattutto cenare ad un orario umano!

22
Tutto pronto finalmente per andare a dormire, manca giusto di cambiare le lenzuola piene di zucchero timo rosmarino e agar agar...beh l'importante e' che mi ricordi di farlo prima di quando tornera' Furio  il Senator

Insomma, non tutte le giornate che iniziano di merda rimangono tali :-)

bonnenuit :-D


20.1.14

falsi amici

8 comments:
Chce pomóc pani?
Vuole aiuto signora?  
Solitamente riferito ad una italiana che gira per Varsavia con due figlie di cui una nel passeggino e l'altra o sulla pedana o sulle spalle e che mostra palese intenzione di salire e scendere dagli autobus o dalle scale)
Diekuje! 
Grazie! La sventurata rispose 
E il sollecito offerente si dileguo' un po' stupito.

10 mesi e ancora mi dimentico che rispondere grazie ad un'offerta significa rifiutare, bisogna rispondere un enorme TAAAK prosze (Si per favore) o almeno TAAAK dieki prosze (Si grazie per favore). 

TAAAAK
TAAAAAK

8 anni che mi relaziono indirettamente con questa nazione e ancora faccio fatica a non sorridere quando mi si presenta  una delle milioni di persone di sesso femminile che si chiamano Magdalena, universalmente dette Magda 



 TO BE CONTINUED...

18.1.14

La Baguette du President

12 comments:


Omnia Gallia divisa est in partes tres: Segolene, Valerie e Julie. Se mi pareva misterioso com'e' che la Bruni, oggettivamente una fu bella donna prima di diventare chirurgicamente un avatar, si fosse sposata il nano ungherese, il peggio doveva ancora venire. Trovo assolutamente incredibile che François Gérard Georges Nicolas Hollande, uno che come tutti i socialisti ama definirsi esemplare e integerrimo sugli sgabelli televisi in opposizioni ai laidi non socialisti, abbia mollato la  Segolene compagna di una vita, molto piu' dotata di lui nonche' madre dei loro quattro figli per la simpaticissima come un calcio nel didietro  amica di lei Valerie,  sette anni fa, e nonostante fosse quindi un uomo esemplare e integerrimo e pure pezzo di merda sia riuscito a vincere per un poco meno di due punti le elezioni presidenziali  due anni fa: non pago gia' che c'era aveva preso a cornificare la Valerie con Julie e gli e' andata liscia un bel pezzo perche' la tresca salta fuori sola ora, con grandi richiami al rispetto della sua privacy . Per l'attuale Premiere Dame cornuta, ricoverata in ospedale per dieci giorni in quanto "deprivata dal sonno" a causa del cornastress  (amica, vieni a farti un weekend a casa mia con la Viatrix e te la do io la carenza di sonno) non ho nessuna simpatia, ma posto che chi di corna ferisce di corna perisce, mi sembra oltraggioso per la specie femminile che questa trilogia di femmine
abbia voluto scambiare i propri fluidi corporei con il sosia vivente e confesso di Homer Simpson.

14.1.14

5 cose che la moglie di mio marito fa, ma io non lo ammetterei mai

14 comments:
Disclaimer: Tra pochi giorni il Senator partira' per il suo primo viaggio di lavoro dell'anno: mi avvicino a questi fantastici 9 giorni da bimamma single con la piccola sottodenti e la grande sottoantibiotici.
Il meteo pare annunciare l'arrivo di tutta la neve che non ha fatto negli ultimi due mesi.
Insomma, una volta c'era l'abbrutimento da esame universitario con corrispondente seduta in bagno di Resurrezione post esame,adesso invece...

1 Utilizzare non solo per dormire ma anche per uscire  i calzini aerei inclusi nelle borsette che gli regalano in quanto passeggero business class: morbidosi, senza elastico, alcune compagnie li danno pure con  i gommini antiscivolo (Qatar e Aeroflot). L'unico problema e' che sono quasi sempre blu puffo o marroni, ma io non ho nulla contro il blu puffo.
2 Pranzare con gli avanzi delle bimbe, mangiandoli come le bimbe (cioe' con le mani) e recuperandoli non necessariamente dal loro piatto.
3 Spedire lettere e cartoline alla posta sempre molto dopo la data in cui gli aveva promesso di farlo
4 Restare tutto il giorno in pigiama e buttarsi nella doccia quando lui telefona che sta uscendo dall'ufficio o e' atterrato
5 Legarsi i capelli con la prima cosa che le capita a tiro nel momento in  cui decide di volerli legare (infilandoli a chignon dentro un calzino della bimba piccola  o chiudendoli a coda dentro un palloncino annodato a mo' di elastico) e dimenticarselo: andare poi in banca, alla posta, al supermercato, dal medico, a prendere un caffe' a far la spesa, tornare a casa e finalmente rispondere alla domanda della figlia grande: mamma, ma cos'hai nei capelli?

12.1.14

che bastarda

7 comments:
lotite.
quando avro' finito di metter gocce dentro 6 orecchie 3 volte al giorno,
torno

9.1.14

punti di vista

14 comments:
Ormai non passa giorno che non spunti un nuovo italian expat blogger....la voglia di rimanere in contatto con le radici cosi' come osservare la nuova realta', la forza della nostalgia e la forza motivazioni dell'uscita dai confini nazionali, per lavoro, per amore, per studio.Abbiamo tutti qualche lato in comune.
Per qualsiasi ragione accada, e' bello che grazie alla tecnologia, a differenza dei migranti di solo tre decadi fa, noi possiamo sentire le nostre famiglie, i nostri amici via mail, via skype, via facetime, via cellulare..e possiamo anche trovarci fra di noi, espatriati nella stessa citta'  o in contentinenti lontani, e condividere e confrontarci nei dubbi, nelle esperienze, nelle difficolta' e nelle gioie della vita lontana che abbiamo scelto.
Oggi ho scoperto questo video.
Avvertenza: meglio vederlo due volte: prima ascoltando, poi leggendo.

PS. Io non sono stata presa a calci da nessuno, sono espatriata per amore, pero' certo che se non avessi conosciuto il Senator, se non dopo aver fatto la schiavetta legale, se non  alla prima bocciatura all'Esame Random da Avvocato, se non  al primo concorso accademico truccato, se non dopo aver scoperto i trighi nel mondo della ricerca universitaria,  in ogni caso avrei alla fine raggiunto il limite e cercato lavoro altrove.
E tutto quello che sento da chi e' rimasto non mi fa piu' credere che le cose sarebbero potute andare diversamente.
Mi auguro che tutti i culi di piombo (indipendentemente dalla loro eta', perche' non e' che chi e' vecchio e'  per forza uno di quelli che ci ha fregato, ci sono persone oneste di 70 anni come di 30 in questo nostro amato Belpaese, cosi' come truffatori di anime di 70 come di 30che sfruttano il sistema che hanno creato o che hanno ereditato) che nella politica, nella ricerca, nelle aziende, nella pubblica amministrazione, nei tribunali, nelle corporazioni e negli ordini professionali e nei sindacati,  in tutti questi anni hanno costruito sotto di loro piramidi feudali di gente sempre piu' qualificata e sempre piu' sfruttata in modo da aumentare i mattoni d'oro su cui si ergono a piedistallo, fossanche solo l'ultimo giorno della loro vita, cadano  e si facciano un po' male. E che una volta caduti, tutti i valvassini valvassori e valvassali siano ancora capaci di riconoscere la ritrovata liberta' e farne buon uso.

8.1.14

Dalla Vigilia al Lotto Gennaio - Neurorazzi recap!

12 comments:
2011 ovver com'erano i Natali Polacchi Passati

2013, Natale ad Atlantic City
Cognato: arriviamo in taxi cosi' ne' io ne' mia moglie dobbiamo astenerci per poi guidare al ritorno
Senator: ma e' la cena di vigilia, non si beve alcool, papa' non ha mai voluto che si bevesse alla Vigilia
Cognato: veramene credo anche mamma e papa' si aspettino di bere a casa vostra
Senator: ma papa' non ci ha sempre detto che era vietato, che in tutta la Polonia e' tradizione cosi'?
Cognato: beh, chiedi a loro quando arrivano
***
Suocera:si che beviamo volentieri il vino, Valentina ci ha sempre detto che in Italia il vino si beve anche alla Vigilia.
Senator: ma allora tutti questi anni di proibizionismo...non era una tradizione polacca? Era solo papa'?
Suocero:  penso che potremmo fare il sacrificio di bere solo vino bianco.
(andranno via 6 bottiglie su 9 commensali adulti, ma solo di bianco, eh)
 
Menu' di Vigilia
La tradizione vuole ci siano 12 pietanze a tavola, dolci esclusi. Mia suocera ha preparato:
- zuppa di funghi con pasta corta
- zuppa di barbabietole con tortelli di funghi
- carpa sotto gelatina
- carpa "alla greca"
(le carpe a Natale in Polonia vanno di brutto, mai capito perche')
mia cognata
- pierogi di magro (patate, cavoli)
il Senator ha preparato
- aringhe alle prugne, cipolla e vodka
- aringhe alle arance cipolle e olive
- aringhe al pomodoro, cipolle e qualcosaltro

a me sono avanzati da proporre 4 piatti italiani. Dopo lunghe consultazioni con molte expat italiane, dopo aver pensato a quante meravigliose cose avrei voluto cucinare ma nn avrei potuto cucinare per mancanza di ingredienti qui a Varsavia, ho preparato
- verdure fritte secondo l'Antica ricetta della famiglia Milo da Roma (cavolfiori e zucchine, li abbiamo contati due piatti diversi)
- polpette di pesce inventate da me (ho usato il dorsz, una  sorta di orata baltica)
- orate al sale

poi a seguire dolci: meringata al caffe', torta di noci, una specie di panettone - plum cake polacco, il Panettone, il Panforte, la kutia (un dolce tipico della Polonia orientale, si trova anche in Ucraina) e la moczka (un dolce tipico della Slesia)

Della mia roba non e' avanzato NULLA.
Della loro avanzata, ci abbiamo arredato il balcone. Al ritorno dalla Messa ho notato che tutti i balconi erano stati trasformati in frigoriferi a cielo aperto.


La Pasterka
La Messa di Mezzanotte si chiama Pasterka in Polacco. Si arriva alla Chiesa che e' tutta buia, solo le lucine degli abeti illuminano un po'. (In Polonia nelle chiese sotto Natale ci sono sempre gli Alberi di Natale, veri, altissimi, decorati non con palline ma con lucine). Quando il Prete depone la statua del Bambinello nella Mangiatoia ai piedi dell'Altare la Chiesa si illumina tutta al suono di campane, organo e cori: quest'anno ero in piedi vicino all'ingresso laterale dell'Altare, ho inalato tanto di quell'incenso da avere le visioni :-)
Siamo molto fortunati perche' il nuovo Parroco della chiesa vicino a noi e' estremamente solare, accogliente e propone sermoni brevi e ricchi di buon senso. Alla fine della Messa per la prima volta ho visto distribuire a tutte le persone a capofila dei fogli di ostia, quelli che prima della cena di Vigilia e di Pasqua i polacchi spezzano tra loro nel farsi gli auguri, e il Parroco ha invitato tutti a spezzare un pochino di ostia e passarla al vicino, cosi' che nel giro di pochi minuti tutti avevan in mano questa briciola bianca. Un gesto di condivisione cosi' simbolico che non ha avuto bisogno di spiegazioni.


Natale All Stars
E' stato il primo Natale tutti insieme: tutti i quattro nonni e tutti gli zii per le bambine, i miei genitori e mio marito per me, senza dovermi dividere nel cuore o nella distanza.
Stanca morta, ma ne e' valsa la pena

L'aringhite.
In occasione del primo Natale in terra polacca dei miei, ci son state delle temperature da inizio aprile.
Il 25 dicembre, mentre servivo in tavola lasagne al ragu' e brasato, fuori c'erano 10 gradi.
Fuori c'erano anche le aringhe avanzate  e i dolci
E anche sui balconi dei vicini c'erano le aringhe avanzate e i dolci
E anche sui balconi del resto della citta' c'eran le aringhe avanzate e i dolci
Il 27 tutte le aringhe avanzate all'unisono sono state buttate, come se fosse stata ladichiarazione di stato di calamita' olfattiva della citta'.

La Sacra Famiglia
La Parrocchia  vicino casa nostra ospita anche la comunita' degli expat spagnoli guidata da un prete argentino dalla lunga barba bianca che gia' si e' esibito travestito da San Nicola nelle Messe di Dicembre, con distribuzione finale di dolci a tutti i bambini. Se andiamo a Messa, veniamo sempre qui, perche' soy italiana pero comprendo mas castillano que polacco, e perche' i bambini che corrono, schiamazzano e giocano sono la normalita', non ci sono babcie moherowe che fanno shhh shhh shhh e ti guardano con occhiate che di cristiano hanno nulla (NB stamparsi maglietta con citazione evangelica lasciate che i pargoli vengano a me oppure Dio non si e' incarnato in un ventisettenne ben educato ma in un neonato che sicuramente piangeva mentre i Re Magi son venuti a fargli le feste) . Il 29 era il giorno della Sacra Famiglia e Padre Adam ha tirato fuori un argomentino di quelli che non lasciano nessuno che abiti all'estero indifferente: dov'e' casa? Casa e' dov'e' la famiglia, ma quando si diventa adulti e si crea la propria famiglia, questa e' la nuova casa. Una volta che e' nato Gesu', Maria e Giuseppe sono diventati non solo una nuova famiglia, ma una nuova casa.
La casa e' in loro, la stalla sono solo i confini fisici temporanei di quel momento.
Piglia, pesa, incarta e porta  a casa.


Happy New Year
Auguratemi  tutti solo che la Viatrix inizi a dormire alle nove di sera 6 giorni su 7, che mi basterebbe per avere l'energia di fare e realizzare di tutto di piu' alla Bartala No Limits
 
La Befana di Pavlov
Ho perso l'attesa della Befana negli anni dell'universita': me ne ricordavo solo al mattino del 6 gennaio, perche' accendendo il cellulare trovavo il messaggino di "tanti auguri per la tua festa" inviato dal fidanzato di una mia amica. Addirittura per tre anni di fila quel messaggio mi ha colto dopo aver appena messo la sim italiana nel cellulare per scrivere ai miei che ero appena atterrata. Poi lei sei anni fa lo ha lasciato e da allora  il 5 di  gennaio mi ricordo sempre che il giorno dopo e' la Befana perche' quel coglione mi mandava sempre il messaggio di auguri.

Carnevale Polacco
Non avevo fatto in tempo a constatare questi 3500 grammi sulle chiappe e sulla pancia  a testimoniare il mio impegno nel festeggiare Santa Barbara, San Nicola, Santa Lucia, Gesu' Bambino, Babbo Natale e gli Angeli, e a dirmi: beh  almeno qua i Re Magi non sono caloricamente ricordati ne' esiste la Befana, che scopro che il 6 Gennaio in Polonia e altri paesi di quest'area di Europa, comincia ufficialmente il Carnevale. Considerato che martedi' grasso quest'anno e' il 4 di marzo, mi avvio ad iniziare la dieta del Minestrone travestita da Pierrot.


Lotto Gennaio
Oggi e' l'8 gennaio e andro' finalmente in posta a spedire in mezza europa le mie cartoline di auguri di buon anno: fortunamente arriveranno con ancora 350 giorni di validita'.

Oggi e' l' 8 gennaio e riusciro' a lavarmi e asciugarmi i capelli: il fatto che non mi ricordi piu' quando ho preso il phon in mano l'ultima volta mi assolve dall'egoismo di sottrarre 20 minuti al mantenimento dello stato domestico sopra la linea  rossa Delirio Totale. L'importante e' non notare riflesso nello specchio quel cesto dei panni da lavare che sembra la riproduzione in cotone del Monte Bianco a Minitalia.

Oggi e' l'8 gennaio e la Viatrix per la prima volta resta all'asilo fino alle 15, ecco spiegato il trucco.

Lotto Gennaio Bis
E' entrata in classe travestita da Pirata per mano con la sua amichetta travestita da Wonder Woman.
Pronte a sfidare l'armata delle Princifatifarfallesse.
Mi sono allontanata felice



3.1.14

Tutta la verita' sui regali per i bambini piccoli

21 comments:
San Nicola, Santa Lucia, Babbo Natale, Gesu' Bambino, gli Angeli, i Re Magi e la Befana.
Sono ormai tre anni che tra dicembre e gennaio faccio il vigile che dirige il traffico dei pacchetti in direzione prole.
Il dubbio che giocattoli pieni di luci e suoni e canzoncine a tutto volume possano essere una buona idea puo' sfiorare solo adulti   (la cugina o lo zio ggiovane) che non hanno figli  piccoli che ci giocano oadulti troppo vecchi (il nonno o  la zia vecchia)  per ricordarsi com'e' avere figli piccoli che ci giocano, cosi' come il dubbio che piu' grande e' meglio e' coglie solo coloro che nell'insicurezza di cosa scegliere puntano sull'effetto quantita', dimenticando il vecchio adagio della nostra infanzia televisivamente consapevole: non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello.
Ecco il best of di tutti i regali scelti o ricevuti per le mie bimbe in questi anni, non solo nelle feste ma anche durante il resto dell'anno: (nota bene, sono tutti regali che vanno da costo zero a 10 euro max)
- stivaletti di gomma. Certamente gli ideatori di Peppa Pig ricevono larghe mance dalle fabbriche delle galosce, ma tant'e': costano poco, rendono felici, sia per uscire a saltare nelle pozzanghere di fango che per stare in casa a saltare nella vasca da bagno se fuori c'e' il sole. Vanno bene quelli qualsiasi, non crediate che se spendete 30 euro per quelli di Topolino saranno piu' apprezzati dal bambino rispetto a quelli del Lidl senza niente.
- ombrellino (pero' verificate se la mamma della creatura sia abbastanza grande per non darlo negli occhi agli altri)
- un pacco di cannucce da 100 colorate: misteriosamente irresistibili e men contundenti delle bacchette dello Shangai
- torce elettriche a luce fissa o a luce effetto strobo, tra l'altro ottime anche  per giocare a far le ombre sui muri ( senza diventare dei geni delle ombre cinesi, potete ritagliarle dentro fgli di carta di recupero e piazzandole davanti alla lucetta al buio avete la vostra forma luminosa sul muro a costo zero)
- una confezione di cerotti (tutti regalano sempre il kit da dottore ma scartare i cerotti e' la vera figata)
- campanelli (abbastanza grandi da non essere ingoiati se il destinatario ha men di due anni)  e maracas
- una mini scopa
- un mini mattarello (x il pongo, la pasta al sale, la pasta della pizza o semplicemente far finta su un fglio di carta su cui e' disegnato una pizza)
- pongo
- gessi grossi per disegnare sull'asfalto nei parchi pubblici (qua lo fan tutti, in Italia nn so)
- un pacco di palloncini e una pompetta  x gonfiarli onde evitare cedimenti polmonari ai genitori
- elastici per capelli colorati grandi
-  un paio di forbici (chiedete alla mamma per valutare la capacita' della creatura)
- un mazzo di settimanali patinati colorati vecchi da tagliuzzare o strappare
- un cellulare rotto (rimuovete la batteria) (le mie ne hanno ormai collezionati una decina e li usano tutti)
- una borsetta da grande non troppo grossa con la tracolla corta o scorciata o con i manici
- uno zainetto
- un cappello da adulto troppo grande e in generale una scatola di accessori (occhiali da sole, guanti, sciarpe, parei, braccialoni di plastica) o abiti vecchi senza guarnizioni che possano rompersi di perline, catenelle, borchie con cui lasciarli giocare vicino a uno specchio.
- un rotolo di alluminio (chiedete alla mamma se la creatura non c'e' il rischio che metta in bocca le palline)
- una clessidra di plastica
- puzzles su cubi anziche' su tessere di carta: piu' duraturi e soprattutto ci si puo giocare come costruzioni ltre che a comporre la figura
- lavagnette magiche (tanto la penna si rompe sempre, quindi nn c'e' rischio di doppioni), piccola da viaggio e' il regalo salva aereo
- lavagnette magiche ad acqua (non si rmpe ma le penne ad acqua si rovinano con l'uso, per cui son sempre benvenute)
- matitoni lavabili  e fogli di carta
- stickers
- una palla (anche di quelle da spiaggia gonfiabili trasparente)
- il caleidoscopio
- zufoli di carta
- spazzolini da denti colorati (anche qua se ne perdono sempre e si rovinan in fretta)
- un pacco di riso soffiato (accompagnato da una  bacinella infrangibile o da un secchiello, anche qui da verificare con la mamma che la creatura nn rischi di soffcarsi mettendone in bocca troppi)
- qualsiasi libro di herve' tullet e qualsiasi bel libro per bambini (Graziana ve ne segnala solo di ottimi)..e ricordate che i libri per bimbi usati fanno lo stesso mestiere di quelli nuovi,  spesso se ne trovano in perfette condizioni sia nei negozi e sulle bancarelle di seconda mano come su amazon! (lo stesso vale per gli albums di stickers, che normalmente costan almeno 4 euro in edicola)

infine un appello: quando i bambini mangiano cibi zuccherati diventano felici e gasati come noi adulti sotto l'effetto di alcool o droghe. Percio' quando l'effetto finisce il bambino ne vuole ancora, ancora, ancora, e se non ne riceve, diventa una belva insopportabile. Ogni anno dopo il 6 gennaio milioni di genitori nel mondo devono affrontare la disintossicazione dei loro pargoli che diventano dei teppisti fino a che non si sono ripuliti. Percio' mettetevi una mano sul cuore e non regalate cioccolato, torte, torroncini, biscottini cioccolatosi etc, perche' tanto una volta in casa i nani li annusano peggio che i cani anti narcos e non danno pace ai genitori finche' non sono consegnati e divorati.
GRAZIE

2.1.14

La prima storia dell'anno

5 comments:
La prima storia dell'anno poteva essere il racconto dei 13 minuti di fuochi d'artificio che hanno illuminato il cielo varsaviese: abbiamo assistito allo spettacolo di scintille appollaiati al calduccio sul davanzale della finestra di casa nostra, insieme alla Viatrix naturalmente sveglia e ai nostri amici con cui abbiamo cucinato e trascorso in enogastronomica e chiaccherina compagnia le ultime ore dell'anno.

 La prima storia dell'anno poteva essere il mio riscatto di 13 anni di 7 in educazione fisica al primo e 8 al secondo quadrimestre, di tutte le competizioni  sportive  (che non fossero a calciobalilla) perdute in partenza, di tutte le prese in giro ogni volta che mi sono schiantata sul cavalletto anziche' saltarlo: abbiamo fatto una gara di aeroplanini di carta nel corridoio e quelli piegati e lanciati dalle mie sante manine sono andati ogni volta piu' fulminei e lontani di tutti. Considerato che avevo gia' un bel po' di bollicine in corpo, e' davvero un risultato enorme.


E invece, la prima storia dell'anno e' che mentre io e il Senator ce ne stavamo sul divano a guardare House of Cards smaltendo gli enogastroavanzi, la Viatrix e C1P8 (attuale soprannome reale di Meraviglia) giocavano accanto a noi e a un certo punto la grande, con una vocina cristallina dal tono sicuro ha abbracciato la piccola, dicendo, per la prima volta, "ti voglio bene Ali", poi le ha posato un bacino sulla testa ed ha continuato a giocare come prima, lasciando noialtri tre di stucco. Mi pare una bellissima storia da poterle raccontare un giorno, sai che il primo dell'anno quando avevi 3 anni e qualcosa hai detto per la prima volta "ti voglio bene"
E sono tanto felice che lo abbia detto proprio a sua sorella, perche' ci spero davvero che queste due si vogliano bene, ora e sempre.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...