30.1.15

Il Fango di Houston

Tutti giorni  guido almeno tre ore, se non quattro o anche cinque, solo per fare il giro asilo e spesa e al massimo un caffe' al bar con due parole. Guido su strade di buche, sbalzi, acqua e fango. L'unica bellezza che si stende su di me e' il cielo. E mentre guidavo e ho sentito dopo tanti anni questa canzone, ha preso tutto un altro senso, perche' avrei potuto scriverla io.
La scusa e' che tra 17 giorni porto le mie figlie dai nonni, in realta' anche io non ne  posso piu' e ho bisogno di essere abbracciata come una bambina dai miei genitori.
Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo

sotto un cielo di stelle e di satelliti
tra i colpevoli le vittime e i superstiti
un cane abbaia alla luna
un uomo guarda la sua mano
sembra quella di suo padre
quando da bambino
lo prendeva come niente e lo sollevava su
era bello il panorama visto dall'alto
si gettava sulle cose prima del pensiero
la sua mano era piccina ma afferrava il mondo intero
ora la città è un film straniero senza sottotitoli
le scale da salire sono scivoli, scivoli, scivoli
il ghiaccio sulle cose
la tele dice che le strade son pericolose
ma l'unico pericolo che sento veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
il profumo dei fiori l'odore della città
il suono dei motorini il sapore della pizza
le lacrime di una mamma le idee di uno studente
gli incroci possibili in una piazza
di stare con le antenne alzate verso il cielo
io lo so che non sono solo

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

la città un film straniero senza sottotitoli
una pentola che cuoce pezzi di dialoghi
come stai quanto costa che ore sono
che succede che si dice chi ci crede
e allora ci si vede
ci si sente soli dalla parte del bersaglio
e diventi un appestato quando fai uno sbaglio
un cartello di sei metri dice tutto è intorno a te
ma ti guardi intorno e invece non c'è niente
un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
hanno ancora il coraggio di innamorarsi
e una musica che pompa sangue nelle vene
e che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi
smettere di lamentarsi
che l'unico pericolo che senti veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
di non riuscire più a sentire niente
il battito di un cuore dentro al petto
la passione che fa crescere un progetto
l'appetito la sete l'evoluzione in atto
l'energia che si scatena in un contatto

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo
io lo so che nn sono solo
e rido e piango e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango

e mi fondo con il cielo e con il fango 


11 comments:

  1. Molto spesso arriva la canzone giusta al momento giusto. Che questa sia per te un anticipo di coccole!

    ReplyDelete
  2. Mi piace trovare una canzone adatta ad ogni momento!

    ReplyDelete
  3. La mia unica esperienza di vita "vissuta" americana (seppur piuttosto breve), svoltasi a Phoenix aderisce perfettamente a questa descrizione: decine e decine di chilometri tra un luogo e l'altro. Per fortuna usavo il taxi, ma era straniante ugualmente. Superabbracci da tutti noi!
    E.

    ReplyDelete
  4. Un GRANDE abbraccio virtuale in anticipo su quelli reali.

    ReplyDelete
  5. Ooh mi dispiace... Spero che in mezzo a tutto quel fango, nascano presto tanti fiori di loto :)

    ReplyDelete
  6. Fa un po' male leggerti così, almeno per me che ti ho conosciuto varsaviese entusiasta.
    Spero che gli abbracci dei tuoi ti diano la giusta energia se poi ti serve un po' di veleno, ci possiamo organizzare

    ReplyDelete
  7. Non l'aveva scritta dopo aver perso suo fratello?

    ReplyDelete
  8. È proprio vero, non importa quanto si sia adulti, ogni tanto c'è proprio bisogno di sentirsi coccolati dai genitori (o dalle sorelle maggiori... io che le ho tanto più grandi di me)
    Un abbraccio

    ReplyDelete
  9. Mi spiace saperti giù di corda, ma vedrai che presto di ricaricherai di tante belle cose.

    ReplyDelete
  10. Anche x me questa canzone fu importante

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...