27.1.15

Perche' e come fare i Pierogi alle fragole di Capodanno (ricetta)

Sedie arrivate.
Persino due poltrone.
Dove portarli, per fargli vedere qualcosa ma senza prender troppo freddo che in questi giorni di fine ed inizio anno anche qui ci sono zero gradi e pioggia?
Ricordati di comprare della birra che lui la preferisce al vino.
Senti, visto che arrivano alle dieci di sera faccio la pizza che avranno fame?
Bea, quando arrivano gli zii tu dormirai insieme ad Ali per lasciare a loro la tua stanza.
Va bene mamma, ma quando arrivano? Arrivano, arrivano!
per ogni aereo in cielo.
No amore, tra tre giorni, tra due giorni, domani...oggi ma stasera.
Dov'e' zia? Quando viene zia?

Insomma tutti e quattro non stavamo piu' nella pelle, finalmente avremmo avuto la compagnia di amici di lunga data qui, dopo trenta lunghissimi giorni in cui e' sembrato cosi' irreale non avere da imbandire la tavola (che effettivamente per i primi venti non esisteva nemmeno) per far festa con qualcuno .
I nostri primi ospiti a Houston sono una coppia polacca,  entrambi compagni di universita' del Senator, nonche' suoi coinquilini durante il suo anno da studente a Chicago. Loro sono rimasti li' e recentemente hanno preso la cittadinanza. Quando abbiamo avuto la certezza di spostarci a Houston, il Senator li ha chiamati per invitarli per Capodanno da noi e loro han comprato praticamente i biglietti in diretta telefonica.
Avere per cinque giorni e cinque notti, in questa casa senza ricordi e senza storia, la presenza di due persone che sanno benissimo chi siamo e come siamo, e basta uno sguardo per capirsi al volo e scoppiare a ridere, che conoscono la nostra casa e vite di prima, a Varsavia e al Paesello francosvizzero, da quando siamo genitori e come eravamo prima, che possono capire l'entusiasmo del Senator e il mio scoramento senza troppe spiegazioni: e' stata una spa collettiva per il cuore e per la mente.
E' stato il pezzo di Natale caciarone che ci mancava.
E' stato il primo momento in cui abbiamo preso fiato, il frigo pieno, la casa arredata, nessuna incombenza, e finalmente il tempo e la motivazione per uscire fuori e trovare qualcosa di piacevole  in questa citta'.
E' stato il modo di cominciare a costruire qualche memoria positiva per decorare la vita quotidiana che sarebbe ricominciata alla loro partenza.
Condividere l'entusiasmo e la curiosita' che ci ha travolti tutti nel visitare la Nasa, l'emozione per i quadri di Monet che visti qui non sanno solo di Francia ma di Europa, di paesaggi del cuore. I nostri primi passi nel conoscere la cucina messicana. Visitare finalmente con entusiasmo le installazioni di luci Natalizie che fino a poco prima trovavo insopportabili, perche' mi facevano solo pensare alle luci ben piu' emozionanti nel mio cuore, che decorano Varsavia e Torino in questo periodo.
Nei giorni prima che arrivassero avevo pensato al menu di capodanno varie volte e avrei tanto voluto fare i pierogi ripieni di fragole, il sapore della cucina polacca che piu' mi manca. Ho chiesto nel mio giro per la ricetta dell'impasto senza risolvere nulla, perche' giustamente tutte le mie amiche polacche sono provviste di una mamma o di un papa' o di una nonna che produce i pierogi e si tiene il segreto per se', anche perche' fare i pierogi richiede molto tempo e quindi raramente la gioventu' ci si mette.
Ania, ti va di aiutarmi a provare a fare i pierogi alle fragole, che mi mancano un sacco?
Proviamo, io aiuto sempre mia mamma  a stendere, tagliare e chiudere!
Ho trovato su internet una ricetta di impasto con bimby messa su un portale di cucina australiana  e dopo aver passato  mezz'ora a cercare le conversioni delle unita' di misura del sistema consuetudinario  australiano (che e' leggermente diverso da quello usa e uk) , abbiamo proceduto, mentre i nostri mariti montavano l'ultima sedia che mancava al nostro desco e Bea partecipava rubacchiando spicchi di fragole.
Quando mancavano quindici  minuti alla mezzanotte,  il nostro amico ha messo su l'acqua a bollire.
Il Senator, che per chi non lo sapesse e' Master in P&P (Precisione et Pignoleria) , ha fatto notare che cio' avrebbe significato che a mezzanotte saremmo stati a scolare i pierogi anziche' a brindare...ed e' proprio andata cosi'!
Meno 3, meno 2, meno 1...Pierogi New Year!
Un inizio dolce per un anno che spero sara' meno difficile di quanto sembri al momento.


Per fare i Pierogi alle fragole di Capodanno servono
- due amiche o 4 mani
- delle fragole tagliate a spicchi (se non le avete potete anche usare spicchi di mela, mirtilli, uvaspina o meglio ancora fragoline di bosco).
- mezzo litro di acqua tiepida
- 600 grammi di farina (in realta' poi dipende anche dal tipo di farina che avete, qua ho usato la all purpose unbleached di Trader's Joe, non dubito che con la Doppiozero i risultati sarebbero stati ancora migliori)
- 1 uovo (l'uovo non e' essenziale percio' chi e' vegano puo' saltarlo e al limite correggere l'impasto aumentando un po' l'olio o la farina)
- 10 ml di olio
- Procedete all'impasto a mano come d'abitudine oppure se usate il Bimby mescolate tutti gli ingredienti insieme per 20 secondi a velocita' 9 e poi 2 minuti in modalita' impasto.
- Toccate l'impasto, se e' troppo appiccicoso per esser lavorato, aggiungete un po' di farina.
- Mettete in una scodella, fate una palla e aspettate che raffreddi un momento prima di stendere la pasta col mattarello (io metto l'impasto sopra un foglio di carta forno e poi ci appoggio sopra un altro foglio di carta forno, cosi' il mattarello scivola bene su e giu', non sono un granche' con impasti e dolci, questo e' un gran trucco copiato dalla mia amica Pediatra siciliana che sfornello' una torta di fragole alla festa a casa mia di pre Battesimo a Varsavia, quindi tecnica di valenza sia scientifica che italica doc)
- Prendete un bicchiere rotondo da usare come stampo, se non avete uno stampo rotondo per ravioli (almeno 8 cm di diametro per non fare i pierogi troppo piccoli)
- Dividetevi i compiti; una stende e fa i rotondi con lo stampo, l'altra prende i rotondi, appoggia lo spicchio di fragola su meta' della pasta tagliata, chiude e schiaccia i bordi. La pasta tende a seccare quindi bisogna fare veloce. Mettete i pierogi fatti a risposare coperti da uno strofinaccio finche' non li cuocete in acqua bollente non salata, altrimenti li potete conservare in frigo un paio di giorni o direttamente surgelare. I pierogi, come tutta la pasta ripiena, sono pronti quando vengono tutti a galla.
I pierogi dolci sono tradizionalmente conditi con panna acida e zucchero, ma io uso di solito lo yogurt bianco tipo 'greco' e zucchero.





9 comments:

  1. I primi ospiti in una casa nuova! Sempre un momento speciale! E che possano essere i primi di una lunga serie (del resto, ospiti a capodanno...) :-)

    Sono temporaneamente ko, ma appena mi tornano un po' di forze devo provare la ricetta.

    ReplyDelete
  2. Ok, dopo i "pierogi alle fragole" sono svenuta. Chissà che bontà sublime! <3
    Mi riprendo e trovo (e devo provare!) la ricetta! <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3 <3

    Abbracci a tutti quanti voi!
    E.

    ReplyDelete
  3. va be' ho capito, vanno fatti.
    Viva gli amici e il Natale caciarone

    ReplyDelete
  4. Che emozione ospitare i primi amici in una casa nuova!!!
    Buonissimi questi pierogi alle fragole!!!

    ReplyDelete
  5. E speriamo che i momenti positivi continuino!

    ReplyDelete
  6. Quando ho letto UN UOVO mi ha pianto il cuore, poi dopo un secondo ho visto vegano ed è stato il mio primo sorrisono della giornata! Grazie per aver condiviso questi bei momenti e la ricetta! Copiata! :-)

    ReplyDelete
  7. Ciao Valentina, intanto complimenti per il blog che ho scoperto da poco e leggo sempre con piacere e tanti auguri per la tua nuova esperienza a Houston!!
    Vorrei chiederti una cosa e lo faccio qui anche se so di esulare dal tema del post (non saprei dove altro scrivere....). Ho letto la tua intervista sul Blog "Mammacongelo" e mi ha incuriosito il discorso che facevi sul modo di crescere i figli 'alla francese' invece che 'all'italiana' .... in che senso lo dici? Ne hai già parlato in qualcuno dei tuo vecchi post?
    Grazie e ancora complimenti!
    Eli

    ReplyDelete
  8. Gli amici sono sempre la cura migliore.............e finalmente la nuova vita e la nuova casa sembrano un pò meno difficili da sopportare. I pierogi sembrano squisiti copierò senz'altro la ricetta.....e poi mi sembra di capire che facciano anche molto bene al cuore.....:). Il trucco oltre al bimby penso sia prepararli in compagnia............Il trucco della carta da forno invece lo sperimento subito anche da sola : mitico !

    ReplyDelete
  9. Che voglia di provare questi Pierogi! E che piacere intuire finalmente l'atmosfera di casa dal tuo post. Un abbraccio!

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...