7.4.15

Every step I take

Va un po' meglio.

Oddio, sono tornata ieri sera dal ponte pasquale a Chicago con i nostri amici di un terzo di vita e non posso fare a meno di riconoscere che se fossi li' anziche a Houston, questo periodo statunitense della mia vita sarebbe assai piu' semplice: il lago, l'art deco, la vita della citta', tutto a portata di piedi. No, non mi dite che a Chicago fa un freddo becco e a Houston si sta sempre caldi, dopo aver abitato a Bruxelles sono vaccinata alle intemperie per sempre.

Va un po' meglio.
Nel rientro in Italia le bimbe erano rifiorite ed essendo rifiorita anche io, ho finalmente avuto la lucidita' per sciogliere i nodi che ci stavano stringendo in circolo vizioso: aldila' della transizione e della nostalgia per amichetti e nonni, il problema pregnante ma anche risolvibile era l'asilo dove stavano andando.

Ogni volta che arrivavo al cancello a prenderle mi correvano incontro con la gioia degli ostaggi liberati.
Non mangiavano quasi mai il lunch box, salvo poi divorarlo sedute nei seggiolini lungo la strada dell ritorno.
La grande anziche' esprimersi a parole sceglieva sempre piu' spesso la strada del frigno.
L'inglese che parlavano mi pareva estratto da Dora e da Baby Einstein, non da conversazioni reali.
Cosa avete fatto a scuola? Abbiamo giocato nella sabbia. Sempre e solo questa risposta.
Avete dei nuovi amici? Silenzio.
A casa. giocavano sempre di meno: cartoni, cartoni mamma.
Per non pensare. Per non giocare. Per non ricordare.
Regresso nel linguaggio, non solo nel comportamento.
Insomma, la verita' era li' davanti a noi, ovvia.
Non e' solo il dispiacere del vivere qui anziche' la'.
Quando siamo arrivati ero cosi' abbattuta e triste che nello scegliere sui quattro asili reperiti dalla relocator con disponibilita' per entrambe le bimbe, ho scelto il meno peggio. Anziche' avere la forza e l'energia mentale di tenermele fino a che non avessi trovato il posto giusto, ho ceduto all'idea che prima avessero trovato nuovi punti di riferimento in maestre e amichetti, meglio sarebbe stato.
Ritornata nel pieno delle mie facolta' intellettive, e' stato ovvio prendere la decisione: loro non stavano bene, io ero sempre piu' frustrata e preoccupata ed esausta nel passare ogni pomeriggio a cercare di confortarle e  normalizzarle, e in piu' ogni mattino occupavo due ore deprimendomi andata ritorno andata ritorno mentre schegge di poverta', follia e degrado passano ai lati dei miei finestrini mentre le gomme saltano su crateri nell'asfalto. Ho scandagliato in auto tutta la zona nel raggio di 5 miglia da casa mia, per trovare altri asili, come avrei fatto se non avessi avuto qui al mio arrivo la relocator. Come sempre chi fa da se fa per tre/
E poi su raccomandazione del chiropratico, da cui sono finita per una frenata troppo brusca volta a non prender sotto l'ennesimo pedone stonato sulla via dell'asilo, ho scoperto una  casetta bianca piccina piccio' con un bel cortile pieno di giochi sul retro.
A dieci minuti di auto da casa, guidando lungo i recinti del campus universitario.
Questa volta ho fatto con calma, ci sono andata prima io, poi ci ho mandato il Senator.
Poi sono andate le bimbe per una settimana di prova, tutte le mattine.
Sono andata a riprenderle col cuore in gola il primo giorno, sperando di rivedere quello sguardo felice e sereno che trovavo quando andavo a riprendere la Viatrix all'asilo varsaviese.
Quando sono entrata nel playground sul retro, erano entrambe cosi' impegnate a giocare con altri bambini, che non si sono accorte di me per diversi minuti. Quando mi hanno visto hanno sorriso e con calma hanno salutato le maestre e i bambini. Poi mi sono venute incontro e mi hanno travolto di racconti su cosa avevano fatto oggi a in questa casetta bianca. E mamma, il mangiare era buono!
Ora sono con me per tutto il mese di aprile, dal primo maggio cominceranno li'.
I primi tre anni della Viatrix ogni settimana me ne occupavo sempre e solo io, mentre il Senator era quasi sempre via. Nel frattempo ho avuto la seconda gravidanza ed e' nata Ali. Insomma, un mese con loro due e in attesa nuovamente, e' solo una piccola fatica rapportata a tre anni.
La casa e' tornata ad essere un disastro di lego, plastilina, travestimenti, scatoloni trasformati in auto e migliaia di oggettini e fogli e foglietti ovunque.
Non avrei mai detto che il casino totale da rimettere a posto senza tregua mi sarebbe mancato cosi' tanto.
I capricci sono diventati cosi' pochi che quando arrivano mi stupisco della mia reazione cosi' tranquilla e pacata.
Sono tornate le parole, e ne sono arrivate tante nuove, in tre lingue.
I film animati si materializzano dopo cena, per i titoli di coda sono cotte: Alice nel Paese delle Meraviglie, Robin Hood e Peter Pan regnano sovrani.

In nostro aiuto, e' anche iniziata la bella stagione.
Il Senator in questo primo anno del nuovo lavoro sta viaggiando pressoche' niente, percio' approfittiamo di questo evento eccezionale e  sfruttiamo le sue doti di bagnino nella piscina condominiale, ogni giorno quando rientra.
Il parco a distanza pedonale da casa possiede la collinetta adatta a far volare gli acquiloni:
Noi avevamo un unicorno e un miscuglio astratto in stile Pimpa
Il giorno del festival,  guardando questo cielo pieno di animali e principesse volanti ho pensato che devo essere cosi' anche io, finche' mi tocca star qui: prendere l'onda di vento che arriva e star su finche' tiene, fino alla prossima.
Un caro amico e' venuto a trovarci.
Nella zona della casetta bianca non ci sono portici o piazze, ma almeno marciapiedi sotto alberi, dove camminano o corrono persone  normali. Ci sono anche  piccoli playground nascosti e recintati, scovati nei miei giri in auto a finestrino aperto per segnarmi nomi di complessi residenziali da verificare, perche' vogliamo trasferirci in questa area in autunno.
I miei giovedi' sera al corso di scrittura sono sempre interessanti e divertenti, ogni settimana leggiamo e discutiamo insieme all'insegnante i lavori di tre studenti e la prossima volta tocchera' al mio raccontino, scritto nei coriandoli di tempo.
Adesso guido un'ora al giorno, mentre prima tra asilo lontano e spesa facevo fuori un pieno dal lunedi al venerdi.
Queste undici ore giornaliere da mamma full time sono impegnative,  ma sicuramente piu' felici, per loro e anche per me, del meta' tempo che passavamo insieme prima, tra pianti, spostamenti infiniti  e cartoni per dimenticare.
Se fossi arrivata qui il primo dicembre con lo spirito con cui sono tornata un mese fa, non mi sarei cotta con le mie stesse mani, scegliendo l'asilo meno peggio anziche' quello giusto, e  ritrovandomi cosi' schiava di kilometraggi impossibili su e giu' nel piu' brutto di una citta'ben  poco bella e soprattutto  il cuore spezzato dal disagio delle mie figlie.
Non tutti gli espatri riescono bene ed e' meglio accettare questo fatto piuttosto che tormentarsi all'idea di aver fallito. Nonostante questa sia la mia terza volta da mamma all'estero, a sto giro ho decisamente preso una cantonata pazzesca, come l'ultima delle novelline.
Mi auguro d'aver cominciato finalmente a seminare sul terreno giusto.

Se non vi e' bastato questo pippone mammesco sul nuovo asilo,  qui trovate in toni ben piu goliardici la cronaca di  com'e' che ora ho anche una nuova patente :-D











20 comments:

  1. bene dai! alla fine son stati solo alcuni mesi duri, vedo che sei tornata la solita power mother di sempre. molto bene.

    ReplyDelete
    Replies
    1. che diamine, o nuotare o affogare :-D

      Delete
  2. Ciao!
    Chicago, superfantastica, ma dopo una bufera impazzita del luglio scorso non oso neppure immaginare come sia d'inverno :P
    Gli aquiloni! <3 il gioco preferito della mia infanzia!
    L'asilo nuovo, bella novità!
    il corso di scrittura: non vedo l'ora di leggere i tuoi racconti.
    Prima di andare a leggere "com'è che hai preso la nuova patente" (su questo rimani un mito e un modello per me!) mando abbracci cuoricinosi a tutti voi! <3 <3 <3 <3 <3 <3
    E.

    ReplyDelete
  3. abbiamo beccato tempo bellissimo e pure 15-20 gradi sabato e domenica!!!

    ReplyDelete
  4. Bellissimo post, Vale. io in pieno affanno da asilo... È il fatto che nessuno al momento ha disponibilità x settembre mi manda ai matti...

    ReplyDelete
  5. Sí insomma: in pratica hai fatto meglio tu che non la persona pagata per aiutarti, che lo fa di mestiere.
    Perché non sono sorpresa? :D

    ReplyDelete
    Replies
    1. si che poi pagate 10 volte quello che pagavo a Varsavia x un servizio migliore in un asilo pubblico dieci volte piu bello e spazioso e con la mensa che sarei voluta andarci a mangiare io tutti i giorni!

      Delete
  6. Mi fa molto piacere leggere che hai trovato una soluzione per le tue piccole. Non fartene una colpa, quando sei arrivata li avevi mille problemi e pensieri, e hai fatto quello che ritenevi giusto. Per fortuna sei riuscita a trovare una soluzione, e sono sicura che ora tutto andra' meglio!

    ReplyDelete
    Replies
    1. :-D e le vacanze sono pur sempre dietro l angolo!

      Delete
  7. Oh se ci sono espatri che non riescono bene! L'importante è saper far ripartire i contatori a zero e mi pare che tu sia bravissima a farlo!
    Personalmente ci ho messo quasi due anni a dimenticami la delusione iniziale all'arrivo qui, sono stata una gran fessa (pur con alcune attenuanti che ora riesco a vedere e che mi permettono di perdonarmi, ora)
    Bello sentirti sollevata! BUona vita!!

    ReplyDelete
    Replies
    1. grazie squa...ricordo benissimo i bollettini da montepello all'inizio..

      Delete
  8. È bello leggere queste cose, sapere che piano piano le cose vanno per il verso giusto! Un abbraccio

    ReplyDelete
    Replies
    1. sapendo tu benissimo quanto io odi la filosofia del pianopiano :-D :-D #fastandfurious

      Delete
  9. Il fatto che tu abbia capito il problema non è cosa da poco, sei stata bravissima.
    Tio auguro che le cose pian piano possano migliorare fin a ritrovare un bell'equilibrio

    ReplyDelete
    Replies
    1. guarda se le bimbe stanno bene, io mi posso digerire i miei rospazzi da adulta con razionalita', la mia priorita' e' che loro non soffrano eccessivamente delle conseguenze delle nostre scelte

      Delete
  10. Me no male va'.
    Troverai la tua/vostra dimensione anche a Houton ne sono sicura.
    E poi c'è sempre Varsavia che aspetta no?
    Magari, ecco, se pensi sia il caso, ogni tanto ricordalo al Senator.

    ReplyDelete
    Replies
    1. poraccio, se lo sente dire 3 volte al giorno e mi ripete sempre, dont worry, alla fine crollo io prima di te :-D

      Delete
  11. Sono contenta di sapere che le cose vanno meglio e che hai saputo trovare la soluzione migliore per loro e quindi anche per te.

    ReplyDelete
  12. Sono contenta che finalmente le cose inizino a prendere la giusta piega! Un abbraccio.

    ReplyDelete
  13. c'eravamo anche noi al festival degli aquiloni. ci vuole un po' a apprezzare houston, ci sono passata un anno fa. ma si apprezza. promesso.

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...