2.10.15

Avanti, Indietro, In tondo

Manca poco, il cielo piange piu' di me e di mamma.
Le bambine sono dispiaciute e preoccupate perche' nonno non sta molto bene, ma l'urgenza della loro vita, di giochi, ridolini, corse, pranzi merende cene, tute da smacchiare, richieste di matite colorate, trecce da fare e rifare, e' come un fiume in piena inarrestabile, anche davanti al desiderio di fermarsi un attimo a respirare il dolore anziche' stare in apnea a disbrigare una faccenda dietro l'altra.
Quante faccende disbrigavi babbo, dal mattino alla sera, con metodo e precisione ma passo leggero e sorriso tranquillo, non sei mai stato uno di quelli che faceva facendolo pesare.
Quanto odio guardare quei numeri e realizzare nero su bianco con i miei stessi occhi che negli ultimi due anni della tua vita hai lavorato ore e ore e ore ogni giorno solo per pagare tasse, bolli, assicurazione auto, autostrade e le rate dei prestiti presi per coprire gli anni piu' difficili della crisi del 2008. Avresti potuto gia' semplicemente fare il pensionato. E invece hai lavorato fino al giorno prima di non riuscire davvero piu', per lasciare le cose a modino per me e mia mamma, per portare a termine le tue responsabilita'.
Ho sempre pensato a me come a una vecchia quercia, ho sempre voluto per prima cosa proteggere tua madre e te.
Lo sarai per sempre babbo, la mia vecchia quercia.
E' tutto cosi' ingiusto, cosi' inspiegabilmente ingiusto.
Sei un uomo buono, onesto, generoso.
Non doveva finire cosi. non cosi' presto, non cosi' velocemente
Dovremo impare a pensare a cio' che e' stato di bello e non a cio' che non sara'.
Per forza.
Alla fine meno male che il fiume in piena mi travolge e non riesco quasi mai a fermarmi per respirare questo dolore, perche' non ci sono risposte, non ci sono ragioni, e si sta solo peggio.
Mi aggrappo alle cose che facevo sempre prima, non riesco a farle tutte come vorrei, ma mi dico che e' importante cercare di farle lo stesso, per rimanere appesi a un legnetto nella corrente e cercare di stare a galla.


30 comments:

  1. Non si possono dire molte parole, in momenti come questo. Ci sono passata anch'io, lo so cosa si prova. Coraggio, piccola.

    ReplyDelete
    Replies
    1. coraggio, si. ancora di piu' la mia mamma di me

      Delete
  2. Che dire? Un abbraccio forte forte... :((

    ReplyDelete
  3. ci sono passata nemmeno un annetto fa...un abbraccio e basta...

    ReplyDelete
    Replies
    1. mi dispiace, non me ne ero accorta..grazie

      Delete
  4. Solo chi ha provato un grande dolore sà che non ci sono parole per poterlo consolare. Anche se non ci conosciamo personalmente ti sono vicina . Purtroppo è già toccato anche a me sò bene cosa si prova.

    ReplyDelete
    Replies
    1. mi dispiace che anche tu abbia sofferto una situazione analoga..

      Delete
  5. Replies
    1. oh fede quanto m hai consolato con quel post di settembre e' un mese di merda...anche il mio babbo e' nato il 20, oltre all'accento e ai pochi fichi avete anche lo stesso tipo di sensibilita'

      Delete
  6. Ti abbraccio anche io. Forza.

    ReplyDelete
  7. Siete sempre nei nostri pensieri Val. Ogni ora e ogni giorno. Betta

    ReplyDelete
    Replies
    1. grazie Betta, mandami una foto della VIc :-)

      Delete
  8. Mi dispiace tanto. CI sono quei momenti in cui sembra che non si riuscirà ad essere felici mai più. Dolori enormi e ingiusti.

    ReplyDelete
  9. Mi dispiace molto. Ci sono passata .... ormai quasi 14 anni fa, ma a volte mi sembra ieri. Una grande ingiustizia anche in quel caso. Coraggio.

    ReplyDelete

Si elemosinano commenti da chi ha un briciolo di tempo in piu'

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...